Risultati 1 - 5 su circa 5 per  Wikipedia / Campiglia Marittima atlas:-38220:155040 / Wikipedia    (10867 articoli)

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Danimarca print that page

La piccola Danimarca, il più meridionale degli stati nordici della NATO, ha sviluppato nel dopoguerra un deterrente militare di tutto rispetto. Anche se le sue tradizioni erano relativamente importanti, in termini militari, di fatto la Danimarca arrivò praticamente disarmata nel XX secolo

wikibooks.org | 2018/9/11 15:42:10

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Turchia print that page

Phantom.68-0342.arp

La Türk Hava Kuvvetleri è una delle meno note forze aeree 'europee' (oppure medio-orientali, a scelta), ma anche una delle più potenti, avendo circa 900 aerei (3a nella NATO, dopo USAF e RAF) e 60.000 effettivi. Per giunta, è pure una delle più antiche. Infatti, se molti sanno degli italiani

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Grecia-1 print that page

Greek_T-2E_Buckeye_1

Con gli anni le cose sono cambiate, e ovviamente in meglio, data la necessità di 'revamping' per la prima linea delle navi greche. Ecco come. Aeronautica, 1991 [ modifica ] Quanto segue nel capitolo è basato, salvo indicazioni, sullo speciale di Niccoli e Rollino, [1] un lungo e corposo

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Malaysia print that page

FA-18_Hornet_breaking_sound_barrier_(7_July_1999)

La Malaysia è una nazione di recente costituzione (settembre 1963, nata come Federazione Malese) e così le F.A. britanniche, che erano i protettori del territorio, cedettero il grosso dell'equipaggiamento ai malesi. Ma col passare del tempo, con la necessità di ammodernare i propri arsenali

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Sudafrica-2 print that page

SAS_Mendi_F148

Il Sudafrica è una realtà molto complessa e mai banale, e questo grande Paese non manca mai di stupire il suo visitatore. Specialmente se poi il governo storico di Thabo Mbeki, espressione tipica del 'post-Apartheid', cade e lascia un vuoto politico che sarebbe stato riempito poi dal nuovo