-

Risultati 1 - 10 su circa 251 per  Wikipedia / Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Ungheria / Wikipedia    (10867 articoli)

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Ungheria print that page

millenni orsono invasero l'Europa, partecipò alla Seconda guerra mondiale assieme alle principali forze dell'Asse con una prima campagna militare contro la Yugoslavia e poi, contro l'URSS. Produttrice di armamenti di secondo piano anche nell'ambito del Patto, l' Ungheria iniziò la Seconda

wikibooks.org | 2015/7/9 14:50:18

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Unione sovietica-7 print that page

BTR-60PB_DA-ST-89-06597

artiglieria controcarri. In seguito si pensò bene di far stare i fanti direttamente sui carri armati. Le armate di soldati sopra i KV e i T-34, armati dei mitra PPHS divennero estremamente temibili, anche se ovviamente i fanti erano vulnerabili alle armi leggere e alle schegge, spesso costretti

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Svezia print that page

Gripen_3

però, c'era lo schema dei riservisti di pronto impiego, che in poche ore potevano moltiplicare le forze disponibili fino a dare a questo Paese uno degli eserciti più numerosi del mondo, supportato da una valida aviazione tattica e da una piccola ma efficiente marina, a sua volta rinforzata

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Italia: esercito 5 print that page

La 132a Brigata (nonché ex-divisione corazzata)ARIETE [2] 3.2.1 Evoluzione dell' Ariete dal dopoguerra a oggi 3.2.2 Reggimenti e unità supporto 3.3 La brigata PINEROLO in Egitto [3] 3.4 La Brigata POZZUOLO DEL FRIULI (al 2001-2003) [4] [5] 3.5 La Brigata aeromobile FRIULI(2004

wikibooks.org | 2017/8/27 15:38:02

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Guerre Arabo-israeliane-2 print that page

MIG-17-hatzerim-2

Se c’è un conflitto convenzionale ma anomalo, tra i tanti del XX secolo , è senz'altro questo. Come tutte le guerre degli anni '50, con la parziale eccezione della Corea, passò un po' in sordina, ma è responsabile di una gran parte degli eventi successivi, nei ben più famosi e studiati

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Unione sovietica-Missili 2 print that page

2P16_Luna

sistemi, come il 9K52 e 9K52M, il missile noto come 9M21 con varie sottoversioni. Questo perché Forze armate , OKB, NATO, industria sovietica ecc. ecc. avevano ognuna una formula per identificare queste armi. Come gli altri FROG, il FROG-7 è privo di guida e le 4 alette alle estremità

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Unione sovietica-2 print that page

BRDM_and_PT-76_TBiU_24

Il PT-76 è stato uno dei migliori carri armati leggeri della storia, e anche uno dei più numerosi, se non proprio il più numeroso, di tale categoria. Le prestazioni e l'armamento erano tutt'altro che straordinarie, come anche la protezione, ma il veicolo era un eccellente mezzo anfibio

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Yugoslavia print that page

Bosnia_mig29

RATNA MORNARICA, era ripartita in 3 nuclei: navi ASW e scorta navi leggere per difesa costiera forze sottomarine sia con unità d'altura che tascabili. In tutto questo comprendeva 5 sottomarini, 8 minisottomarini, 4 fregate missilistiche, 2 pattugliatori, 16 unità missilistiche, 13

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Bulgaria print that page

MiG-29A-Bulgaria-2007

interessante approfondire ma che qui non ci interessa particolarmente. Nel tardo XIX e nel primo XX secolo iniziarono molte guerre a carattere nazionale. Tra queste la Guerra Serbo-Bulgara, che minacciò di coinvolgere anche l'Impero austro Ungarico dopo che i Bulgari erano riusciti a battere

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Austria print that page

Bataillon_de_la_garde_autrichienne

sopravvivenza della nazione. All'Est infatti l'Austria aveva confini piatti e molto esposti alle forze del Patto di Varsavia, ovviamente visto come il principale pericolo, e non poteva difendersi dal loro attacco. Per combatterle durante la penetrazione nel piccolo stato alpino, era tuttavia