-

Risultati 1 - 6 su circa 6 per  Wikiversity  / Manlio Sgalambro cantautore /  Wikiversity     (9554 articoli)

Esercizi sulle relazioni (superiori) print that page

Esercizi_sulle_Relazioni_I

I seguenti esercizi riguardano Le Relazioni studiati nella Lezione 7. Essi sono divisi per paragrafi in modo tale da favorire la scelta degli esercizi specifici. Indice 1 Proposizioni e predicati 2 Relazioni in un insieme 3 Proprietà delle relazioni 4 Relazioni di equivalenza

Classico Latino: Catullo (superiori) print that page

Catull_Sirmione

Gaio Valerio Catullo proveniva dalla Gallia Cisalpina e nacque precisamente a Verona nella Venetia et Histria. San Gerolamo, studioso che si era occupato di molti autori latini, pone l'87 a.C. e il 57 a.C. rispettivamente come data di nascita e di morte e specifica che appunto egli morì alla

Cicerone (superiori) print that page

M-T-Cicero

M. Tullio Cicerone, l'uomo che sarebbe diventato l'esempio del travaglio del suo tempo e l'autore letterario più influente della sua epoca, detta appunto ciceroniana, nacque nel 106 a.C., nel territorio tra Sora ed Arpino. Discendente di una famiglia agiata equestre, fu educato a Roma, dove

Storia agraria italiana print that page

punto di partenza è di stampo storico il cui studio ancor più che i volumi, ormai classici di Manlio Rossi Doria [1] e di Ernesto Rossi. Si è potuto anche usufruire degli atti delle Commissioni Parlamentari d'inchiesta , e agli articoli tratti alla stampa specializzata. Il quadro storico

wikiversity.org | 2017/3/11 10:59:11

Moneta print that page

Attic-fig209

notte, al sopraggiungere dei Galli, le oche presero a starnazzare e svegliarono l'ex- console Manlio che dette l'allarme. L'attacco fu quindi sventato grazie alle oche sacre. Manlio aggiunse al suo nome il cognomen Capitolinus . Da quel momento la dea Giunone acquisì l'appellativo di

Versioni di Sallustio (superiori) print that page

Sallustio_Crispo_incisione

Gaio Sallustio Crispo fu un personaggio politico di rilievo secondario, ma nelle opere storiche si rivela un interprete lucido e penetrante, ancorché non sempre obiettivo, della crisi politica dello Stato romano, di cui considera responsabile la classe dirigente nobiliare. Contro di essa