categoriaclose
-

Risultati 1 - 10 su circa 2317 per  Wikisource / Museo nazionale cerite atlas:-43558:151195 / Wikisource    (290833 articoli)

Trattato di archeologia (Gentile)/Arte etrusca/III/Appendice III print that page

coordinamento delle antichità già esistenti, raccolte con cura intelligente e paziente a Firenze al Museo etrusco dall’illustre suo direttore professor L. A. Milani. Già per merito dell'immortale abate Lanzi, dello Zannoni e del Migliarini si erano costituite le RR. Gallerie di Firenze

wikisource.org | 2018/1/24 12:45:07

Storia delle arti del disegno presso gli antichi (vol. I)/Libro terzo - Capo IV print that page

Storia_delle_arti_del_disegno.327

le collezioni de’ vasi dipinti, i quali son veri disegni; e tranne quattro tavole marmoree del museo d’Ercolano, sono i soli che rimasti ci sieno degli antichi. Qui le figure sono semplicemente contornate nella maniera che ’l devono essere i disegni, in guisa cioè che oltre il contorno

L'aes grave del Museo Kircheriano/Tavole X. e XI. print that page

queste due serie, sono quelle medesime da cui tornano in luce quelle delle sei precedenti serie. Dal museo Coltellini noi avemmo il dupondio della Tavola X., ma in Cortona, per quanto noi conosciamo, ne son rimasti altri due, l’un de’ quali porta nel diritto la vocale , ciò che abbiam

wikisource.org | 2016/9/6 9:01:06

Trattato di archeologia (Gentile)/Arte etrusca/II/Plastica print that page

I. — Arte figurativa . 1. Osservazioni generali . — L’abilità artistica degli Etruschi si addimostrò specialmente nel lavoro delle terrecotte e dei metalli. Del primo, ossia della plastica in senso proprio, dice Plinio (XXXV, 45): Elaborata haec ars Italiae et maxime Etruriae ;

wikisource.org | 2018/1/18 11:53:42

Storia degli antichi popoli italiani/Prefazione e alcune annotazioni dell'editore print that page

AI CORTESI LETTORI T re scrittori di molto grido si sono fra più altri specialmente occupati di quest’opera lodatissima, e scopo la fecero delle loro ingegnose meditazioni. Il Romagnosi , il Rossetti , il Raoul Rochette . Degno lor parve di attento studio un lavoro di celebre autore

wikisource.org | 2015/7/11 19:00:14

Storia delle arti del disegno presso gli antichi (vol. I)/Libro terzo - Capo II print that page

Storia_delle_arti_del_disegno.299

essa è posta in vece della capigliatura. Sì strana figura trovasi rappresentata su una gemma del museo Stoschiano, e vedesi ne’ miei Monumenti antichi 3 . $. 3. Gli Etruschi rappresentavano con molta maestà i loro dei maggiori, dando loro de’ grandiosi attributi, alcuni de’ quali

Pagina:Trattato di archeologia (Gentile).djvu/222 print that page

della civiltà etrusca raggruppati intorno alle città rispettive. I centri rappresentati nel Museo sono: Vetulonia sul Poggio di Colonna nelle prime tre sale: prima sala delle tombe a pozzetto, seconda sala delle tombe a circolo, terza sala del tumulo della Pietrera; Populonia (terza sala

wikisource.org | 2012/9/10 17:04:03

Trattato di archeologia (Gentile)/Arte italica/X print that page

I più antichi gradi di sviluppo di quest’industria italica, da cui l’arte poi nasce, si possono seguire con lo studio degli oggetti delle terremare per l’età del bronzo; con quello dei primi strati delle necropoli umbro-felsinee, laziali ed euganee, nelle tombe di Poggio Renzo, Sarteano

wikisource.org | 2018/1/9 9:11:19

Trattato di archeologia (Gentile)/Arte etrusca/III print that page

1. — Osservazioni generali . I vasi fittili di foggie e dimensioni variissime, dipinti a figure nere su fondo chiaro, giallastro, o rosso, ovvero a figure chiare e rosse su fondo nero, che uscirono dalle tombe etrusche , e principalmente da Vulci in gran copia, e che si raccolsero in luoghi

wikisource.org | 2016/3/3 18:57:56

Storia delle arti del disegno presso gli antichi (vol. III)/Spiegazione dei rami print that page

Storia_delle_arti_del_disegno_III_(page_532_crop)

francese. Sul frontispizio dell’opera. 2. * Teste figurate in una gemma antica già del museo Stoschiano, ora di S. M. il re di Prussia, data da Winkelmann nel principio della lettera dedicatoria premessa, alla prima edizione tedesca,