-

Risultati 1 - 10 su circa 20 per  Wikipedia / Riserva naturale Cratere degli Astroni atlas:-50939:147031 / Wikipedia    (1834145 articoli)

Riserva naturale Cratere degli Astroni print that page

Panorama_lago_grande

La Riserva naturale Cratere degli Astroni è una riserva naturale statale della Campania istituita dal Ministero per l'Ambiente nel 1987, gestita dal WWF Italia . È un cratere , uno dei più grandi tra i circa trenta che si trovano nella zona dei Campi Flegrei e sicuramente quello

Campania print that page

Torre_Consiglio_Regionale_Campania

La Campania ( AFI : /kamˈpanja/ [5] ) è una regione italiana a statuto ordinario dell' Italia meridionale di 5 820 268 abitanti [3] . È la terza regione per numero di abitanti (dopo la Lombardia e subito dopo il Lazio ), la più popolosa dell'Italia meridionale e la prima per densit

Riserva naturale Castelvolturno print that page

777 Riserva naturale Castelvolturno777 260x300px Tipo di area riserva naturale 777 Codice EUAP EUAP0056 777 Class. internaz. 777 Stati   Italia 777 Regioni   Campania 777 Province   Caserta 777 Comuni 777 Superficie a terra 777 km² Superficie

wikipedia.org | 2017/2/20 17:40:10

Giovanni Lubrano di Ricco print that page

contro l'abusivismo edilizio e le cave selvagge. A lui si deve, tra le altre, l'istituzione della Riserva naturale dello Stato del Cratere degli Astroni e della Riserva marina di Vivara. Viene eletto al Senato della Repubblica nel 1994 nel collegio uninominale di Giugliano con i Progressisti

wikipedia.org | 2017/3/26 15:47:23

Cratere Aristarchus print that page

Aristarchus_and_Herodotus_craters_Apollo_15

Il cratere è situato sull' altopiano di Aristarco, un'area sopraelevata che contiene diverse formazioni di origine vulcanica , come rime sinuose. La zona è anche conosciuta per il gran numero di fenomeni lunari transitori documentati, come ad esempio le recenti emissioni di gas Radon

Endymion (cratere) print that page

Moon-Mdf-2005

Il letto del cratere è stato ricoperto da materiale lavico con basso albedo , che lo rende scuro e relativamente facile da localizzare. Il letto è liscio e senza strutture, tranne pochi crateri che si trovano all'interno del bordo. La superficie interna è attraversata dalle strisce della

Chevallier (cratere) print that page

Chevallier_crater

Di questo cratere rimane poco più che una modesta traccia circolare che si innalza da una superficie coperta da lava . Di questo perimetro alcune sezioni sono più evidenti, in particolare verso nord-est, dove si fonde con una formazione composta da due crateri, entrambi invasi dalla lava

Cratere Endymion print that page

Endymion_-_LROC_-_WAC

Il letto del cratere è stato ricoperto da materiale lavico con basso albedo , che lo rende scuro e relativamente facile da localizzare. Il letto è liscio e senza strutture, tranne pochi crateri che si trovano all'interno del bordo. La superficie interna è attraversata dalle strisce della

Cratere Oersted print that page

Oersted_lunar_crater_map

Sul bordo settentrionale è sovrapposto un piccolo cratere invaso dalla lava. Subito a sud di questa formazione si trova l'assai più giovane cratere Oersted A, praticamente intatto, formatosi dopo l'ingresso delle colate laviche in Oersted. A nord-ovest, adiacente alla porzione noroccidentale

Cratere Mösting print that page

Mosting_lunar_crater_map

Mösting è un cratere da impatto le cui pareti interne sono coperte da terrazze sporgenti. Mösting è posto fra il cratere rovinato Sömmering , a nord-ovest, e il grande cratere Flammarion a sud-est. In prossimità di Mösting sono presenti alcuni crateri minori situati che sono convenzionalmente