Amphitherium

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Amphitherium
Mandibola di Amphitherium prevostii
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
(clade) Holotheria
Genere Amphitherium

L'anfiterio (gen. Amphitherium) è un mammifero estinto, appartenente agli oloteri. Visse nel Giurassico medio (Bathoniano, circa 167 - 165 milioni di anni fa) e i suoi resti fossili sono stati ritrovati in Inghilterra.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questo animale, come molti mammiferi mesozoici, è noto solo per denti e mandibole; l'aspetto è quindi puramente ipotetico. Doveva essere un animale delle dimensioni di un grosso ratto. Le mandibole avevano una formula dentaria costituita da quattro incisivi, un canino, cinque premolari e sei/sette molari. I canini erano robusti e a radice doppia. La morfologia dei denti inferiori di Amphitherium era anticipatrice di quella dei mammiferi più derivati, con una divisione tra premolari difidonti e molari monofidonti. I molari erano dotati di trigonidi a tre cuspidi ben differenziate e di talonidi semplici e simili a lame.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

I primi fossili di Amphitherium vennero scoperti nella Stonesfield Slate in Inghilterra e vennero descritti nel 1832 da Hermann Von Meyer, che li attribuì a un animale assai simile agli odierni opossum. Il genere Amphitherium venne istituito nel 1838 da Blainville, che ne rivalutò le peculiarità. In ogni caso, Amphitherium è uno dei primi mammiferi mesozoici ad essere stato descritto scientificamente. Oltre alla specie tipo Amphitherium prevostii è nota anche un'altra specie, A. rixoni, i cui fossili provengono dalla stessa zona.

Attualmente Amphitherium è considerato un rappresentante basale degli oloteri, il grande gruppo di mammiferi che comprende anche marsupiali e placentati. La morfologia dentaria di Amphitherium corrobora l'ipotesi che questo genere possa essere stato un primo passo dell'evoluzione degli oloteri (Butler e Clemens, 2001).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Meyer, H. von, 1832. Palaeologica, zur Geschichte der Erde und ihrer Geschopfe. Schmerber, Frankfurt a/M, 560.
  • Blainville, H. M. D. De, 1838. Doutes sur le pretendu Didelphe de Stonesfield. Comptes-Rendus de l'Academie des Sciences,7,402-418.
  • R. Owen. 1871. Fossil Mammalia of the Mesozoic formations. Palaeontographical Society Monographs 24(110):1-115
  • P. M. Butler and W. A. Clemens. 2001. Dental morphology of the Jurassic holotherian mammal Amphitherium, with a discussion oif the evolution of mammalian post-canine dental formulae. Palaeontology 44(1):1-20
  • Z. Kielan-Jaworowska, R. L. Cifelli, and Z.-X. Luo. 2004. Mammals from the age of dinosaurs: Origins, evolution, and structure. Columbia University Press, New York 1-630

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]