Amsterdamsche Football Club Ajax 2010-2011

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amsterdamsche Football Club Ajax
Stagione 2010-2011
Allenatore Martin Jol (fino al 6 dicembre 2010)
Frank de Boer (dal 6 dicembre 2010)
All. in seconda Danny Blind[1]
Cornelius Jol[2]
Hennie Spijkerman
Presidente Uri Coronel
EredivisieVincitore
Coppa d'OlandaFinalista perdente
Supercoppa d'OlandaFinalista perdente
Champions LeagueFase a gironi
Europa LeagueOttavi di finale
Miglior marcatoreCampionato: El Hamdaoui (13)
Totale: El Hamdaoui (19)

Questa pagina raccoglie i dati riguardanti l'Amsterdamsche Football Club Ajax nelle competizioni ufficiali della stagione 2010-2011.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

La stagione inizia con la sconfitta per 1-0 contro il Twente nella Johan Cruijff Schaal, mentre in seguito l'Ajax ritorna in Champions League dopo un lustro di esilio. Batte nei preliminari il PAOK e la Dinamo Kiev, e viene poi inserito in un gruppo comprendente il Milan, il Real Madrid e l'Auxerre. A dicembre Martin Jol si dimette dall'incarico,[3] e la squadra viene affidata a Frank de Boer, icona del club biancorosso e sino a quel momento tecnico delle giovanili. Questo avvicendamento avviene prima dell'ultima partita del girone, che si deve disputare a Milano contro i rossoneri già qualificati agli ottavi. Alla fine i Lancieri sconfiggono i padroni di casa per 2-0 e raggiungono il terzo posto che vale l'Europa League (nella quale elimineranno l'Anderlecht per poi venir sconfitti dallo Spartak Mosca negli ottavi), tuttavia Luis Alberto Suárez viene ceduto in gennaio al Liverpool.

Intanto però Johan Cruijff dalle colonne del De Telegraaf critica la gestione della squadra operata dalla giunta direttiva; il presidente del club Uri Coronel reagisce, definendo provocatoriamente l'ex "numero 14" un '"semidio"[4], ma alla fine è costretto a rassegnare le dimissioni insieme con gli altri componenti[5][6][7]. Sul campo, però, la squadra pare avere ritrovato la sua fisionomia: de Boer rilancia i giovani del vivaio e guadagna terreno in campionato. L'Ajax perde 3-2 la finale della coppa nazionale contro il Twente, ma può festeggiare contro questa stessa squadra la conquista del trentesimo titolo olandese. La squadra torna così alla vittoria in campionato dopo un digiuno durato sette lunghi anni, inoltre conquista la prestigiosa "terza stella". La rosa titolare di questa squadra ha un'età media di 22 anni, ed è la più giovane di sempre a laurearsi campione in Eredivisie[8]. Inoltre Frank de Boer è il terzo olandese della storia, dopo Rinus Michels e Ronald Koeman ad aver vinto in patria il campionato sia da giocatore sia da allenatore.[9][10].

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Casa
Trasferta

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Fonte[11]

Area direttiva

  • Presidente: Uri Coronel.

Area tecnica

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
1 P Maarten Stekelenburg
2 D Gregory van der Wiel
3 D Toby Alderweireld
4 D Jan Vertonghen
5 C Vurnon Anita
6 C Eyong Enoh
7 A Miralem Sulejmani
8 C Christian Eriksen
9 A Mounir El Hamdaoui
10 C Siem de Jong
11 C Urby Emanuelson[12]
12 P Kenneth Vermeer
13 D André Ooijer
15 C Nicolás Lodeiro
16 A Luis Suárez[13]
17 D Daley Blind
18 C Rasmus Lindgren
19 C Teemu Tainio[14]
20 C Demy de Zeeuw
N. Ruolo Giocatore
21 A Suk Hyun-Jun
22 C Ismaïl Aissati[15]
22 A Darío Cvitanich[16]
23 D Oleguer
24 C Marvin Zeegelaar[17]
25 C Mitchell Donald
28 C Roly Bonevacia
29 D Thimothée Atouba
30 P Jeroen Verhoeven
31 A Darko Bodul[18]
33 C Aras Özbiliz
34 C Evander Sno
35 A Mido[19]
36 P Ronald Graafland[20]
37 C Jody Lukoki
41 A Lorenzo Ebecilio
46 A Florian Jozefzoon
54 D Bruno Silva[21]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Supercoppa d'Olanda[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Supercoppa d'Olanda 2010.
Amsterdam
31 luglio 2010, ore 20:00 CEST
Ajax 0 – 1
referto
Twente Amsterdam ArenA (25.000 spett.)
Arbitro Blom

Champions League[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: UEFA Champions League 2010-2011.

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Madrid
15 settembre 2010, ore 20:45 CEST
1ª giornata - Gruppo G
Real Madrid 2 – 0
referto
Ajax Stadio Santiago Bernabéu
Arbitro Damir Skomina

Amsterdam
28 settembre 2010, ore 20:45 CEST
2ª giornata - Gruppo G
Ajax 1 – 1
referto
Milan Amsterdam ArenA (51.000 spett.)
Arbitro Felix Brych

Amsterdam
19 ottobre 2010, ore 20:45 CEST
3ª giornata - Gruppo G
Ajax 2 – 1
referto
Auxerre Amsterdam ArenA
Arbitro Olegário Benquerença

Auxerre
3 novembre 2010, ore 20:45 CET
4ª giornata - Gruppo G
Auxerre 2 – 1
referto
Ajax Stadio Abbé-Deschamps
Arbitro Mark Clattenburg

Amsterdam
23 novembre 2010, ore 20:45 CET
5ª giornata - Gruppo G
Ajax 0 – 4
referto
Real Madrid Amsterdam ArenA
Arbitro Craig Thomson

Milano
8 dicembre 2010, ore 20:45 CET
6ª giornata - Gruppo G
Milan 0 – 2
referto
Ajax Stadio Giuseppe Meazza
Arbitro Claus Bo Larsen

Europa League[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: UEFA Europa League 2010-2011.

Fase a eliminazione diretta[modifica | modifica wikitesto]

Anderlecht
17 febbraio 2011, ore 19:00 CET
Sedicesimi di finale - Andata
Anderlecht 0 – 3
referto
Ajax Stadio Constant Vanden Stock
Arbitro Gianluca Rocchi

Amsterdam
24 febbraio 2011, ore 21:05 CET
Sedicesimi di finale - Ritorno
Ajax 2 – 0
referto
Anderlecht Amsterdam ArenA
Arbitro Martin Hansson

Amsterdam
10 marzo 2011, ore 21:05 CET
Ottavi di finale - Andata
Ajax 0 – 1
referto
Spartak Mosca Amsterdam ArenA
Arbitro Manuel Gräfe

Mosca
17 marzo 2011, ore 19:00 CET
Ottavi di finale - Ritorno
Spartak Mosca 3 – 0
referto
Ajax Stadio Lužniki
Arbitro Martin Atkinson

Coppa d'Olanda[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa d'Olanda 2010-2011.
Amsterdam
3 marzo 2011, ore 20:45 CEST
Semifinali
Ajax 5 – 1
referto
RKC Waalwijk Amsterdam ArenA (28.156 spett.)
Arbitro Wiedemeijer

Rotterdam
8 maggio 2011, ore 18:00 CEST
Finale
Twente 3 – 2
(d.t.s.)
referto
Ajax Stadion Feijenoord (45.000 spett.)
Arbitro Blom

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Competizione Punti Totale
G V N P Gf Gs
Eredivisie 73 34 22 7 5 72 30
KNVB beker - 6 5 0 1 20 5
Johan Cruijff Schaal - 1 0 0 1 0 1
UEFA Champions League 7 10 3 4 3 11 16
Europa League - 4 2 0 2 5 4
Totale 55 32 11 12 108 56

Statistiche individuali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dimessosi il 29 giugno 2011.
  2. ^ Dimessosi il 6 dicembre 2010.
  3. ^ Ajax, si è dimesso Martin Jol, corrieredellosport.it, 21 settembre 2013. (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  4. ^ Ajax, la rivoluzione societaria continua: Cruijff sempre più vicino al ritorno ad Amsterdam, calcioolandese.blogspot, 23 settembre 2013.
  5. ^ Calcio: Cruyff, Romario unico giocatore sul quale mi sono sbagliato, adnkronos.com, 23 settembre 2013.
  6. ^ Crisi Ajax: fuori tutti[collegamento interrotto], lechampions.it, 23 settembre 2013.
  7. ^ Il Punto sulla Eredivisie - Janssen show, per il Twente vittoria e sorpasso sul Psv! L'Ajax torna a vincere dopo la rivoluzione Crujiff, www.goal.com, 23 settembre 2013.
  8. ^ Il Calciomercato di Goal.com - Gioiellerie d'Europa: alla scoperta dei talenti di casa Ajax, fucina di talenti del calcio olandese, goal.com, 23 settembre 2013.
  9. ^ Marika Viano, Ajax sorpasso e rivincita sul Twente, in La Gazzetta dello Sport, 16 maggio 2011, p. 24.
  10. ^ Alec Cordolcini, Che ragazzini all'Ajax - i più giovani di sempre a vincere l'erdivisie, in Extra Time, 17 maggio 2011, p. 6.
  11. ^ (EN) Others active at Ajax, in afc-ajax.info. URL consultato il 20 febbraio 2018.
  12. ^ Ceduto al Milan a gennaio.
  13. ^ Ceduto al Liverpool a gennaio.
  14. ^ Ceduto ai New York Red Bulls a marzo.
  15. ^ Ceduto in prestito all'Vitesse ad agosto.
  16. ^ Tornato dal prestito al Pachuca a dicembre.
  17. ^ Ceduto in prestito all'Excelsior a gennaio.
  18. ^ Ceduto al Nacional a gennaio.
  19. ^ Ceduto allo Zamalek a gennaio.
  20. ^ Acquistato a parametro zero a settembre.
  21. ^ Tornato dal prestito all'Internacional a dicembre.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio