Antoine Griezmann

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antoine Griezmann
Griezmann con la nazionale francese ai mondiali 2018.
Nazionalità  Francia
Altezza 176[1] cm
Peso 67[1] kg
Calcio
Ruolo Attaccante
Squadra Atlético Madrid
Carriera
Giovanili
2005-2009Real Sociedad
Squadre di club1
2009-2014Real Sociedad180 (46)
2014-Atlético Madrid150 (81)
Nazionale
2010  Francia U-197 (3)
2011  Francia U-208 (1)
2010-2012  Francia U-2110 (3)
2014-  Francia63 (24)
Palmarès
 Mondiali di calcio
Oro Russia 2018
 Europei di calcio Under-19
Oro Francia 2010
 Europei di calcio
Argento Francia 2016
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 29 settembre 2018

Antoine Griezmann (Mâcon, 21 marzo 1991) è un calciatore francese, attaccante dell'Atlético Madrid e della nazionale francese, con cui si è laureato vicecampione d’europa nel 2016 e campione del mondo nel 2018.

Soprannominato Le petit diable (in italiano Il piccolo diavolo),[2] nel 2012 è stato inserito nella lista dei migliori calciatori nati dopo il 1991 stilata da Don Balón.[3] È primatista di gol con l'Atlético Madrid (23)[4] nelle competizioni calcistiche europee.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Real Sociedad[modifica | modifica wikitesto]

Griezmann nasce nel comune di Mâcon, nel dipartimento della Saona e Loira, e comincia la sua carriera nella squadra della sua città, l'Union du Football Mâcon.[5] In questo periodo tenta di fare diversi provini con le società professionistiche francesi per entrare a far parte delle giovanili dei club, ma spesso è respinto dai club a causa dell'altezza e della sua struttura fisica troppo esile.[5][6]

Griezmann con la maglia della Real Sociedad nel 2012.

Nel 2005, all'età di 14 anni, mentre era in prova nel Montpellier, gioca un'amichevole contro le giovanili del PSG in cui la Real Sociedad lo osserva e gli offre un periodo di prova di una settimana a San Sebastián. In seguito la squadra basca allunga il periodo di prova di una ulteriore settimana e dopo aver contattato anche i genitori, gli offre un contratto giovanile. Inizialmente i genitori erano riluttanti a lasciar partire il figlio da solo per farlo andare a vivere in Spagna, ma hanno presto cambiato idea in seguito alle rassicurazioni del club.[5] Inizialmente viveva con lo scout francese del club, andava a scuola a Bayonne, in Francia, e alla sera si allenava con il resto della squadra.[5]

Nel precampionato della stagione 2009-2010 è chiamato in prima squadra dall'allenatore cileno Martin Lasarte. Esordisce quindi da professionista nel 2009, in Segunda División. Il 27 settembre 2009 segna la sua prima rete con un destro da fuori area alla quinta giornata nella partita casalinga contro il Huesca, terminata 2-0. L'8 aprile 2010 firma il suo primo contratto da professionista, che lo lega al club fino al 2015 e in cui viene inserita una clausola di rescissione pari a 30 milioni di euro.[7][8] A fine stagione la Real Sociedad vince il campionato, ottenendo così la promozione, e Griezmann colleziona 39 presenze e 6 gol.

Nella stagione 2010-2011 gioca in massima serie e il primo gol nella Liga avviene in occasione della vittoria per 3-0 in casa contro il Deportivo. Segna la sua prima doppietta nella Liga nella vittoria interna contro lo Sporting Gijón per 2-1. Ottiene così la salvezza con la squadra basca piazzandosi al 14º posto e finisce la stagione con 37 presenze e 7 gol in campionato. Questa stagione comincia con un cambio di allenatore, infatti al posto del cileno Martin Lasarte arriva il suo connazionale Philippe Montanier. Il 10 marzo 2012, in occasione di Real Sociedad-Real Saragozza (3-2), gioca la sua partita numero 100 con la maglia della Real Sociedad nella Liga e conclude la stagione con 35 presenze e 7 gol.

Nella stagione 2012–2013 va a segno 10 volte in 34 presenze. Durante il vittorioso derby (2-0 finale) contro Athletic Bilbao del 29 settembre 2012 segna il gol dell'1-0. Il 29 ottobre 2012 mette a segno una doppietta nella partita esterna contro il Valladolid. Nell'ultima giornata del campionato 2012-2013 segna il definitivo 0-1 in Deportivo-Real Sociedad, che permette alla squadra basca di qualificarsi per il preliminare di Champions League, terminando quarta nella Liga.

Il 20 agosto 2013, nell'andata del preliminare di Champions League contro l'Olympique Lione (2-0), segna il gol del vantaggio con una rovesciata dal limite dell'area. Il 5 maggio 2014, nel pareggio interno contro il Granada, raggiunge quota 200 presenze in competizioni ufficiali con la maglia della Real Sociedad.

Atlético Madrid[modifica | modifica wikitesto]

Griezmann con la maglia dell'Atlético Madrid nel 2015.

Il 28 luglio 2014 l'Atlético Madrid annuncia sul proprio sito ufficiale di avere acquistato il giocatore, dopo aver pagato l'intera clausola rescissoria da 30 milioni di euro. Con i colchoneros conquista la Supercoppa di Spagna contro i rivali del Real Madrid, giocando da titolare la gara di ritorno. Segna il suo primo gol con la nuova maglia nella partita di Champions persa per 3-2 contro l'Olympiakos. La prima marcatura in Liga arriva il 1º novembre, nella partita casalinga contro il Córdoba; Griezmann contribuirà poi al 4-2 finale con una doppietta.[9] Il 21 dicembre segna la sua prima tripletta, nella partita vinta 4-1 contro l'Athlethic Bilbao.[10] Il 25 aprile 2015 con la doppietta all'Elche diventa il calciatore francese più prolifico della Liga in una stagione, nonché uno tra i sette stranieri ad aver segnato più di venti gol nella stessa stagione con l'Atlético Madrid.[11]

Il 20 aprile 2016, dopo sole due stagioni, raggiunge quota 100 presenze coi colchoneros.[12] Il 28 maggio 2016 perde ai tiri di rigore la finale di Champions League 2015-2016 dopo aver fallito anche un calcio di rigore nel secondo tempo, terminato 1-1, calciandolo sulla traversa.[13] Il 23 giugno seguente prolunga con la squadra madrilena fino al 2021.[14] Il 24 ottobre 2016 a Valencia, in occasione della cerimonia dei Premi LFP, Griezmann riceve il premio come miglior giocatore della Liga e il premio come giocatore Cinque Stelle eletto dai tifosi.[15] Il 23 novembre 2016 eguaglia il record di gol in Champions League di Luis Aragonés, diventando il più prolifico attaccante colchonero nella massima competizione europea.[16]

Il primo gol segnato dall'Atlético Madrid nel nuovo stadio è stato dell'attaccante francese.[17][18] Il 27 settembre 2017 segna anche il primo gol in competizioni europee nel nuovo stadio, ripercorrendo le orme di Luis Aragonés.[19] Il 28 febbraio 2018 in occasione della vittoria interna per 4-0 contro il Leganés[20] diventa il primo calciatore francese a segnare quattro gol nella stessa partita in Liga, e allo stesso tempo raggiunge e supera quota 100 reti con la maglia dell'Atlético Madrid.[21] L'8 aprile 2018 gioca la sua 200ª partita in rojiblanco e realizza la rete dell'1-1 nel derby di Madrid in campionato, diventando altresì il primo giocatore dell'Atlético a segnare in tre partite consecutive da ospite al Bernabéu in Liga. Il 16 maggio 2018 durante la finale di Europa League sigla una doppietta che consente all'Atlético Madrid di vincere per 3-0 contro l'O. Marsiglia[22] e di essere eletto miglior giocatore della partita.[23] Il 31 agosto successivo viene nominato miglior giocatore dell'edizione 2017-2018 dell'Europa League.[24]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Griezmann festeggia la vittoria del Mondiale 2018 con la nazionale francese.

Il 2 marzo 2010 viene convocato per la prima volta in Nazionale Under-19 in occasione dell'incontro con i pari età dell'Ucraina (0-0), valido per la qualificazione al Campionato europeo di calcio Under-19 2010. Nella gara di ritorno realizza la sua prima rete in Under-19, firmando il definitivo 2-1 all'88' e regalando ai suoi la vittoria dell'incontro. Partecipa all'Europeo Under-19 nell'estate 2010, segnando una doppietta contro l'Austria (5-0) il 21 luglio e fornendo l'assist a Gaël Kakuta nella vittoria per 4-1 ai danni dei Paesi Bassi. Vanta presenze anche nella Nazionale Under-20 e Under-21.

Nell'intervallo tra le due partite valevoli per l'accesso al Campionato europeo Under-21 del 2013 (l'andata dello spareggio con la Norvegia vinto in casa per 1-0;[25] il ritorno perso per 5-3 in trasferta)[26] Griezmann, insieme a Yann M'Vila, M'Baye Niang, Chris Mavinga e Wissam Ben Yedder, lascia senza alcuna autorizzazione il ritiro della Nazionale francese.[27] Per questo episodio viene chiamato in causa dalla Federazione Calcistica Nazionale, che, dopo aver ascoltato le sue spiegazioni, l'8 novembre 2012 lo squalifica da qualsiasi tipo di Nazionale (maggiore e/o giovanili) a partire dal 12 novembre dello stesso anno fino al 31 dicembre 2013.[28][29] Di questa vicenda è vittima anche il commissario tecnico Mombaerts, che viene esonerato per non aver punito i suoi cinque calciatori.[30]

Il 27 febbraio 2014 ottiene la sua prima convocazione in Nazionale maggiore da parte del CT Didier Deschamps, in occasione della sfida contro i Paesi Bassi del 5 marzo (2-0), incontro nel quale, dopo essere stato schierato titolare, lascia il campo al 68'. Il 1º giugno 2014 segna il suo primo gol in Nazionale nell'amichevole di Nizza contro il Paraguay (1-1). L'8 giugno, durante un'amichevole giocata contro la Giamaica, realizza la sua prima doppietta con la maglia dei Bleus, che gli garantisce la convocazione ai Mondiali 2014 in Brasile, nei quali scende in campo in cinque occasioni, senza però mai andare in rete.

Viene convocato per gli Europei 2016 in Francia, in cui nella seconda partita del girone, contro l'Albania, mette a segno il primo dei due gol che permettono alla Francia di vincere 2-0.[31][32] Griezmann va a segno anche negli ottavi di finale contro l'Irlanda (doppietta),[33] nel quarto di finale contro l'Islanda[34] e nella semifinale contro la Germania (altra doppietta).[35] Il cammino dei Bleus si conclude con la sconfitta per 1-0 in finale maturata dopo i tempi supplementari contro il Portogallo,[36] che non impedisce al francese di conquistare il titolo di capocannoniere assoluto del torneo con 6 gol totali e di migliore giocatore della competizione.[37]

Viene convocato per i Mondiali 2018 in Russia,[38] dove esordisce con la vittoria contro l'Australia, firmando il gol del momentaneo 1-0 su calcio di rigore.[39] Segna sempre su rigore anche nella vittoria per 4-3 contro l'Argentina.[40]

Il 15 luglio 2018[41] si laurea campione del mondo, vincendo la finale del torneo contro la Croazia. Nel corso della partita è autore del momentaneo 2-1 su calcio di rigore, marcatura che riporta i Bleus in vantaggio; viene inoltre eletto migliore in campo alla fine dell'incontro[42].

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Tra club, nazionale maggiore e nazionali giovanili, Griezmann ha totalizzato globalmente 507 presenze segnando 194 reti, alla media di 0,38 gol a partita.

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 29 settembre 2018.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2009-2010 Real Sociedad SD 39 6 CR 1 0 - - - - - - 40 6
2010-2011 PD 37 7 CR 2 0 - - - - - - 39 7
2011-2012 PD 35 7 CR 3 1 - - - - - - 38 8
2012-2013 PD 34 10 CR 1 1 - - - - - - 35 11
2013-2014 PD 35 16 CR 7 3 UCL 8[43] 1[44] - - - 50 20
Totale Real Sociedad 180 46 14 5 8 1 - - 202 52
2014-2015 Atlético Madrid PD 37 22 CR 5 1 UCL 9 2 SS 2 0 53 25
2015-2016 PD 38 22 CR 3 3 UCL 13 7 - - - 54 32
2016-2017 PD 36 16 CR 5 4 UCL 12 6 - - - 53 26
2017-2018 PD 32 19 CR 3 2 UCL+UEL 6+8 2+6 - - - 49 29
2018-2019 PD 7 2 CR 0 0 UCL 1 0 SU 1 0 9 2
Totale Atlético Madrid 150 81 16 10 49 23 3 0 218 114
Totale carriera 330 127 30 15 57 24 3 0 420 166

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Francia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
5-3-2014 Saint-Denis Francia 2 – 0  Paesi Bassi Amichevole - 68’
27-5-2014 Saint-Denis Francia 4 – 0  Norvegia Amichevole - 65’
1-6-2014 Nizza Francia 1 – 1  Paraguay Amichevole 1 64’
8-6-2014 Lilla Francia 8 – 0  Giamaica Amichevole 2 71’
15-6-2014 Porto Alegre Francia 3 – 0  Honduras Mondiali 2014 - 1º Turno -
20-6-2014 Salvador Svizzera 2 – 5  Francia Mondiali 2014 - 1º Turno - 82’
25-6-2014 Rio de Janeiro Ecuador 0 – 0  Francia Mondiali 2014 - 1º Turno - 79’
30-6-2014 Brasilia Francia 2 – 0  Nigeria Mondiali 2014 - Ottavi di finale - 62’
4-7-2014 Rio de Janeiro Francia 0 – 1  Germania Mondiali 2014 - Quarti di finale -
4-9-2014 Saint-Denis Francia 1 – 0  Spagna Amichevole - 57’
11-10-2014 Saint-Denis Francia 2 – 1  Portogallo Amichevole - 84’
14-10-2014 Erevan Armenia 0 – 3  Francia Amichevole 1 60’
14-11-2014 Rennes Francia 1 – 1  Albania Amichevole 1 59’
18-11-2014 Marsiglia Francia 1 – 0  Svezia Amichevole -
26-3-2015 Saint-Denis Francia 1 – 3  Brasile Amichevole - 74’
29-3-2015 Saint-Étienne Francia 2 – 0  Danimarca Amichevole - 60’
7-6-2015 Saint-Denis Francia 3 – 4  Belgio Amichevole - 46’
13-6-2015 Elbasan Albania 1 – 0  Francia Amichevole - 59’
4-9-2015 Lisbona Portogallo 0 – 1  Francia Amichevole - 14’ - 88’
7-9-2015 Bordeaux Francia 2 – 1  Serbia Amichevole - 90’
8-10-2015 Nizza Francia 4 – 0  Armenia Amichevole 1 88’
11-10-2015 Copenaghen Danimarca 1 – 2  Francia Amichevole - 78’
13-11-2015 Saint-Denis Francia 2 – 0  Germania Amichevole - 80’
17-11-2015 Londra Inghilterra 2 – 0  Francia Amichevole - 64’
25-3-2016 Amsterdam Paesi Bassi 2 – 3  Francia Amichevole 1 46’
29-3-2016 Saint-Denis Francia 4 – 2  Russia Amichevole - 62’
4-6-2016 Metz Francia 3 – 0  Scozia Amichevole - 46’
10-6-2016 Saint-Denis Francia 2 – 1  Romania Euro 2016 - 1º turno - 66’
15-6-2016 Marsiglia Francia 2 – 0  Albania Euro 2016 - 1º turno 1 68’
19-6-2016 Lilla Francia 0 – 0  Svizzera Euro 2016 - 1º turno - 78’
26-6-2016 Lione Francia 2 – 1  Irlanda Euro 2016 - Ottavi di finale 2
3-7-2016 Saint-Denis Francia 5 – 2  Islanda Euro 2016 - Quarti di finale 1
7-7-2016 Marsiglia Francia 2 – 0  Germania Euro 2016 - Semifinale 2
10-7-2016 Saint-Denis Portogallo 1 – 0 dts  Francia Euro 2016 - Finale -
1-9-2016 Bari Italia 1 – 3  Francia Amichevole -
6-9-2016 Barysaŭ Bielorussia 0 – 0  Francia Qual. Mondiali 2018 -
7-10-2016 Saint-Denis Francia 4 – 1  Bulgaria Qual. Mondiali 2018 1 83’
10-10-2016 Amsterdam Paesi Bassi 0 – 1  Francia Qual. Mondiali 2018 - 90+3’
11-11-2016 Saint-Denis Francia 2 – 1  Svezia Qual. Mondiali 2018 - 88’
25-3-2017 Lussemburgo Lussemburgo 1 – 3  Francia Qual. Mondiali 2018 1
28-3-2017 Saint-Denis Francia 0 – 2  Spagna Amichevole - 65’
2-6-2017 Saint-Denis Francia 5 – 0  Paraguay Amichevole 1 80’
9-6-2017 Solna Svezia 2 – 1  Francia Qual. Mondiali 2018 - 76’
31-8-2017 Saint-Denis Francia 4 – 0  Paesi Bassi Qual. Mondiali 2018 1 90’
3-9-2017 Tolosa Francia 0 – 0  Lussemburgo Qual. Mondiali 2018 - 81’
7-10-2017 Sofia Bulgaria 0 – 1  Francia Qual. Mondiali 2018 -
10-10-2017 Saint-Denis Francia 2 – 1  Bielorussia Qual. Mondiali 2018 1 78’
10-11-2017 Parigi Francia 2 – 0  Galles Amichevole 1 63’
14-11-2017 Colonia Germania 2 – 2  Francia Amichevole - 76’
23-3-2018 Saint-Denis Francia 2 – 3  Colombia Amichevole - 73’
27-3-2018 San Pietroburgo Russia 1 – 3  Francia Amichevole - 58’
28-5-2018 Saint-Denis Francia 2 – 0  Irlanda Amichevole - 64’
1-6-2018 Nizza Francia 3 – 1  Italia Amichevole 1 77’
9-6-2018 Décines-Charpieu Francia 1 – 1  Stati Uniti Amichevole - 69’
16-6-2018 Kazan' Francia 2 – 1  Australia Mondiali 2018 - 1º turno 1 70’
21-6-2018 Ekaterinburg Francia 1 – 0  Perù Mondiali 2018 - 1º turno - 80’
26-6-2018 Mosca Danimarca 0 – 0  Francia Mondiali 2018 - 1º turno - 69’
30-6-2018 Kazan' Francia 4 – 3  Argentina Mondiali 2018 - Ottavi di finale 1 83’
6-7-2018 Nižnij Novgorod Uruguay 0 – 2  Francia Mondiali 2018 - Quarti di finale 1 90+3’
10-7-2018 San Pietroburgo Francia 1 – 0  Belgio Mondiali 2018 - Semifinale -
15-7-2018 Mosca Francia 4 – 2  Croazia Mondiali 2018 - Finale 1
6-9-2018 Monaco di Baviera Germania 0 – 0  Francia UEFA Nations League 2018-2019 - 1° turno - 80’
9-9-2018 Saint-Denis Francia 2 – 1  Paesi Bassi UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno - 56’ - 81’
Totale Presenze 63 Reti 24

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Real Sociedad: 2009-2010
Atlético Madrid: 2014

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Atlético Madrid: 2017-2018
Atlético Madrid: 2018

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

2010

Competizioni maggiori[modifica | modifica wikitesto]

Russia 2018

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2015-2016, 2016-2017
2017-2018
Francia 2016 (6 gol)
Francia 2016
Francia 2016
2015-2016
2015-2016
2016
2017-2018
  • Scarpa d'argento del campionato mondiale: 1
Russia 2018
  • Pallone di bronzo del campionato mondiale: 1
Russia 2018

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (ES) Antoine Griezmann, clubatleticodemadrid.com. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  2. ^ Le Petit Diable:Antonio Omogrezzo conquista tutti, sportcafe24.com, 26 gennaio 2015. URL consultato il 23 febbraio 2015.
  3. ^ 101 prospetti per il futuro. Ecco la lista di Don Balon, tuttomercatoweb.com, 13 novembre 2012. URL consultato il 13 novembre 2012.
  4. ^ Atlético, su uefa.com. URL consultato il 10 febbraio 2014.
  5. ^ a b c d (FR) Griezmann: "Un rêve de porter le maillot bleu" (Griezmann: "It's a dream to wear the blue jersey"), Federazione calcistica della Francia, 25 giugno 2010. URL consultato il 27 giugno 2010 (archiviato il 29 giugno 2010).
  6. ^ Eppure Griezmann non lo voleva nessuno. URL consultato il 30 giugno 2018.
  7. ^ Milan, il sogno Griezmann rimarrà tale: Atletico Madrid pronto a pagare 30mln di clausola, su goal.com.
  8. ^ Atletico Madrid|: Idea Griezmann, su calciomercato.com.
  9. ^ Liga: Real e Atletico, poker spettacolo. Il Celta beffa il Barça, tgcom24.mediaset.it, 1º novembre 2014. URL consultato il 19 gennaio 2015.
  10. ^ Liga, l'Atletico Madrid rimonta e vince: 4-1 a Bilbao. Tris di Griezmann, gazzetta.it, 21 dicembre 2014. URL consultato il 19 gennaio 2015.
  11. ^ Liga - Griezmann macchina da gol, tris dell'Atletico[collegamento interrotto], eurosport.yahoo.com, 25 aprile 2015.
  12. ^ (ES) Griezmann ya es centenario, clubatleticodemadrid.com, 20 aprile 2016.
  13. ^ STEFANO RONCHI, Champions, Real-Atletico 6-4: decide CR7 ai rigori - Sportmediaset, su Sportmediaset.it. URL consultato il 30 maggio 2016.
  14. ^ Griezmann extends his contract until 2021 atleticodemadrid.com
  15. ^ (ES) Griezmann, 'Mejor Jugador de LaLiga 2015/2016' y ‘Jugador Cinco Estrellas de la Afición’, atleticodemadrid.com, 24 ottobre 2016.
  16. ^ (ES) Griezmann ya es el máximo goleador del Atlético en la Champions, atleticodemadrid.com, 23 novembre 2016.
  17. ^ Adriano Seu, Colchoneros in festa: 1-0 al Malaga per celebrare la nuova casa, gazzetta.it, 16 settembre 2017.
  18. ^ (ES) Griezmann: "Estoy muy feliz por marcar el primer gol en este magnífico estadio", atleticodemadrid.com, 16 settembre 2017.
  19. ^ (ES) Griezmann marcó el primer gol rojiblanco en Liga y en Europa en el Wanda Metropolitano, como Luis en el Manzanares, atleticodemadrid.com, 27 settembre 2017.
  20. ^ (ES) El Leganés no consigue sumar en el Metropolitano ante un inspirado Griezmann (4-0), deportivoleganes.com, 28 febbraio 2018.
  21. ^ (ES) Griezmann supera los 100 goles como rojiblanco, atleticodemadrid.com, 28 febbraio 2018.
  22. ^ (ES) Griezmann alcanza los 200 partidos como rojiblanco, atleticodemadrid.com, 8 aprile 2018.
  23. ^ (ES) Antoine Griezmann, MVP de la final de la Europa League, atleticodemadrid.com, 17 maggio 2018.
  24. ^ (ES) Antoine Griezmann, mejor jugador de la Europa League 2017-18, atleticodemadrid.com, 31 agosto 2018.
  25. ^ Francia 1-0 Norvegia, uefa.com, 12 ottobre 2012. URL consultato il 19 gennaio 2015.
  26. ^ Norvegia 5-3 Francia, uefa.com, 16 ottobre 2012. URL consultato il 19 gennaio 2015.
  27. ^ La nuova bravata di Niang. Fuga dal ritiro per la disco, gazzetta.it, 18 ottobre 2012. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  28. ^ (FR) Les joueurs convoqués le jeudi 8 novembre, fff.fr, 26 ottobre 2012. URL consultato il 27 ottobre 2012.
  29. ^ (FR) Commission Fédérale de Discipline, fff.fr, 8 novembre 2012. URL consultato l'8 novembre 2012..
  30. ^ (FR) Communiqué de la FFF, fff.fr, 18 ottobre 2012. URL consultato il 27 ottobre 2012.
  31. ^ La liste pour l'Euro 2016 dévoilée !, fff.fr, 12 maggio 2016. URL consultato il 12 maggio 2016.
  32. ^ Euro 2016, Francia-Albania 2-0: Griezmann e Payet regalano gli ottavi, su gazzetta.it. URL consultato l'11 luglio 2016.
  33. ^ Francia-Irlanda 2-1, Griezmann fa 2 gol, Deschamps trema, poi va ai quarti, gazzetta.it, 26 giugno 2016. URL consultato l'11 luglio 2016.
  34. ^ Francia-Islanda 5-2, show a Saint-Denis - Deschamps: semifinale con la Germania, gazzetta.it, 3 luglio 2016. URL consultato l'11 luglio 2016.
  35. ^ Germania Francia 0-2, doppietta Griezmann piega i tedeschi e i Bleus volano in finale contro il Portogallo, ansa.it, 8 luglio 2016. URL consultato l'11 luglio 2016.
  36. ^ Euro 2016, Portogallo campione: 1-0 alla Francia, Eder gol ai supplementari, gazzetta.it, 10 luglio 2016. URL consultato l'11 luglio 2016.
  37. ^ Euro 2016, Griezmann capocannoniere: le Petit Diable stecca in finale, su ilgiornale.it. URL consultato l'11 luglio 2017.
  38. ^ Francia, Deschamps e i convocati per i Mondiali in Russia: assente Payet, sport.sky.it, 17 maggio 2018.
  39. ^ Mondiali, Francia-Australia 2-1: Griezmann-Pogba, la tecnologia aiuta Deschamps, gazzetta.it, 16 giugno 2018.
  40. ^ Francia-Argentina, le pagelle: Mbappé celestiale, Matuidi nervoso | Goal.com. URL consultato il 30 giugno 2018.
  41. ^ Francia campione del mondo per la seconda volta: la Croazia ha cuore, ma perde 4-2, in Eurosport, 15 luglio 2018. URL consultato il 16 luglio 2018.
  42. ^ Referto ufficiale FIFA, su resources.fifa.com.
  43. ^ 2 presenze nei play-off.
  44. ^ Nei play-off.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0004 6342 3983
Portale Biografie
Portale Calcio