Atletica leggera ai Giochi della XXVI Olimpiade - Salto in alto maschile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
 
Salto in alto maschile
Atlanta 1996
Informazioni generali
Luogo Centennial Olympic Stadium di Atlanta
Periodo 26-28 luglio 1996
Partecipanti 37
Podio
Charles Austin  Stati Uniti
Artur Partyka  Polonia
Steven Smith  Regno Unito
Edizione precedente e successiva
Barcellona 1992 Sydney 2000
Atletica leggera ai
Giochi di Atlanta 1996
Corse piane
100 metri   uomini   donne
200 metri uomini donne
400 metri uomini donne
800 metri uomini donne
1500 metri uomini donne
5000 metri uomini donne
10000 metri uomini donne
3000 m siepi uomini
Corse ad ostacoli
110/100 m ostacoli uomini donne
400 m ostacoli uomini donne
Staffette
Staffetta 4×100 m uomini donne
Staffetta 4×400 m uomini donne
Prove su strada
Maratona uomini donne
Marcia 10 km donne
Marcia 20 km uomini
Marcia 50 km uomini
Concorsi
Salto in alto uomini donne
Salto con l'asta uomini
Salto in lungo uomini donne
Salto triplo uomini donne
Getto del peso uomini donne
Lancio del disco uomini donne
Lancio del martello uomini
Lancio del giavellotto uomini donne
Prove multiple
Decathlon uomini
Eptathlon donne

Il Salto in alto ha fatto parte del programma di atletica leggera maschile ai Giochi della XXVI Olimpiade. La competizione si è svolta nei giorni 26-28 luglio 1996 allo Stadio Olimpico del Centenario di Atlanta.

L'eccellenza mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Campione olimpico 1992 2,34 Javier Sotomayor Presente
Primatista mondiale 2,45 1993 Javier Sotomayor Presente
Campione mondiale 1995 2,37 Troy Kemp Presente
Primatista stagionale 2,38 Artur Partyka Presente

La gara[modifica | modifica wikitesto]

Il favorito d'obbligo è il campione in carica e primatista mondiale Javier Sotomayor. Però il cubano lamenta un infortunio alla gamba di stacco, la sinistra.
14 atleti superano la misura di qualificazione, posta a 2,28.
In finale Sotomayor esordisce a 2,25, poi passa 2,29 e prova 2,32 ma fallisce ed esce di gara. Anche il campione mondiale Troy Kemp salta solo 2,25 (alla seconda prova) e poi deve dire addio al podio.
A quota 2,32 rimangono in 6: quattro europei, un atleta USA e un australiano. Charles Austin, l'atleta di casa, è l'unico che supera i 2,35 al primo tentativo. Artur Partyka e Steve Smith ce la fanno al secondo. A 2,37 sbagliano tutti. Austin si riserva l'ultimo tentativo a 2,39 e passa l'asticella tra le urla di approvazione del pubblico. Vittoria e nuovo record olimpico.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Turno eliminatorio[modifica | modifica wikitesto]

Qualificazione
2,28 m

Quattordici atleti raggiungono la misura richiesta.

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos Atleta Paese 2,15 2,20 2,25 2,29 2,32 2,35 2,37 2,39 2,41 2,46 Misura Note
Charles Austin  Stati Uniti O - O - O O XX- O - XXX 2,39
Artur Partyka  Polonia - O - O O XO X- XX 2,35
Steve Smith  Regno Unito - - XO - O XO XX- X 2,35
4 Dragutin Topić  Serbia e Montenegro - O O O O XX- X 2,32
5 Steinar Hoen  Norvegia - O O XO O XX- X 2,32
6 Lambros Papakostas  Grecia - O O O XO XX- X 2,32
7 Tim Forsyth  Australia - O O O XXO XX- X 2,32
8 Lee Jin-Taek  Corea del Sud - XO O O XXX 2,29
9 Wolfgang Kreißig  Germania - XO XO O XXX 2,29
10 Przemysław Radkiewicz  Polonia - XO XO XO XXX 2,29
11 Javier Sotomayor  Cuba - - O - XXX 2,25
11 ex aequo Jarosław Kotewicz  Polonia O - O XXX 2,25
13 Troy Kemp  Bahamas - - XO - X- XX 2,25
14 Tomáš Janků  Rep. Ceca XO XO XO XXX 2,25

L'ultima medaglia per il Regno Unito nel salto in alto era stata conquistata da Cornelius Leahy (irlandese) nei Giochi del 1908 a Londra.

Legenda: O = Salto valido; X = Salto nullo; – = Misura passata; RN = Record nazionale; RM = Record mondiale; RP = Record personale.

Portale Atletica leggera
Portale Giochi olimpici