Campionato mondiale di Formula 1 1962

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Campionato mondiale di Formula 1 1962
Edizione n. 13 del Campionato mondiale di Formula 1
Dati generali
Inizio 20 maggio
Termine 29 dicembre
Prove 9
Titoli in palio
Piloti Graham Hill
su BRM P57
Costruttori BRM
Altre edizioni
Precedente - Successiva
Edizione in corso

La stagione 1962 del Campionato mondiale FIA di Formula 1 è, nella storia della categoria, la 13ª ad assegnare il Campionato Piloti e la 5ª ad assegnare il Campionato Costruttori. È iniziata il 20 maggio ed è terminata il 29 dicembre, dopo 9 gare.

Riassunto della stagione[modifica | modifica wikitesto]

Gran Premio d'Olanda[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Olanda 1962.
Il circuito di Zandvoort

Ordine d'arrivo

  1. Graham Hill (BRM)
  2. Trevor Taylor (Lotus-Climax)
  3. Phil Hill (Ferrari)
  4. Giancarlo Baghetti (Ferrari)
  5. Tony Maggs (Cooper-Climax)
  6. Carel Godin de Beaufort (Porsche)

Gran Premio di Monaco[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Monaco 1962.
Il circuito cittadino di Montecarlo
La Cooper T60 con la quale Bruce McLaren vinse il Gran Premio di Monaco 1962

Ordine d'arrivo

  1. Bruce McLaren (Cooper-Climax)
  2. Phil Hill (Ferrari)
  3. Lorenzo Bandini (Ferrari)
  4. John Surtees (Lola-Climax)
  5. Jo Bonnier (Porsche)
  6. Graham Hill (BRM)

Gran Premio del Belgio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio del Belgio 1962.
Il circuito di Spa (1950-1970)

Ordine d'arrivo

  1. Jim Clark (Lotus-Climax)
  2. Graham Hill (BRM)
  3. Phil Hill (Ferrari)
  4. Ricardo Rodriguez (Ferrari)
  5. John Surtees (Lola-Climax)
  6. Jack Brabham (Lotus-Climax)

Gran Premio di Francia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Francia 1962.
Il circuito cittadino di Rouen Les Essarts
La Porsche 804 N. 30 di Dan Gurney al Gran Premio di Francia 1962

Ordine d'arrivo

  1. Dan Gurney (Porsche)
  2. Tony Maggs (Cooper-Climax)
  3. Richie Ginther (BRM)
  4. Bruce McLaren (Cooper-Climax)
  5. John Surtees (Lola-Climax)
  6. Carel Godin de Beaufort (Porsche)

Gran Premio di Gran Bretagna[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Gran Bretagna 1962.
Il circuito di Aintree
La Lotus 25 di Jim Clark

Ordine d'arrivo

  1. Jim Clark (Lotus-Climax)
  2. John Surtees (Lola-Climax)
  3. Bruce McLaren (Cooper-Climax)
  4. Graham Hill (BRM)
  5. Jack Brabham (Lotus-Climax)
  6. Tony Maggs (Cooper-Climax)

Gran Premio di Germania[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Germania 1962.
Nürburgring - Nordschleife
Graham Hill al Gran Premio di Germania

Ordine d'arrivo

  1. Graham Hill (BRM)
  2. John Surtees (Lola-Climax)
  3. Dan Gurney (Porsche)
  4. Jim Clark (Lotus-Climax)
  5. Bruce McLaren (Cooper-Climax)
  6. Ricardo Rodriguez (Ferrari)

Gran Premio d'Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Italia 1962.
Autodromo Nazionale di Monza

Ordine d'arrivo

  1. Graham Hill (BRM)
  2. Richie Ginther (BRM)
  3. Bruce McLaren (Cooper-Climax)
  4. Willy Mairesse (Ferrari)
  5. Giancarlo Baghetti (Ferrari)
  6. Jo Bonnier (Porsche)

Gran Premio degli Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio degli Stati Uniti 1962.
Watkins Glen International nella configurazione odierna

Ordine d'arrivo

  1. Jim Clark (Lotus-Climax)
  2. Graham Hill (BRM)
  3. Bruce McLaren (Cooper-Climax)
  4. Jack Brabham (Brabham-Climax)
  5. Dan Gurney (Porsche)
  6. Masten Gregory (Lotus-BRM)

Gran Premio del Sudafrica[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio del Sudafrica 1962.
Il circuito di East London

Ordine d'arrivo

  1. Graham Hill (BRM)
  2. Bruce McLaren (Cooper-Climax)
  3. Tony Maggs (Cooper-Climax)
  4. Jack Brabham (Brabham-Climax)
  5. Innes Ireland (Lotus-Climax)
  6. Neville Lederle (Lotus-Climax)

Risultati e classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Gran Premi[modifica | modifica wikitesto]

Rd. Gran Premio Data Circuito Pole position Giro veloce Pilota vincitore Team vincitore Resoconto
1 Gran Premio d'Olanda 20 maggio Zandvoort John Surtees Bruce McLaren Graham Hill BRM Resoconto
2 Gran Premio di Monaco 3 giugno Monaco Jim Clark Jim Clark Bruce McLaren Cooper-Climax Resoconto
3 Gran Premio del Belgio 17 giugno Spa Jim Clark Jim Clark Jim Clark Lotus-Climax Resoconto
4 Gran Premio di Francia 8 luglio Rouen Jim Clark Graham Hill Dan Gurney Porsche Resoconto
5 Gran Premio di Gran Bretagna 21 luglio Aintree Jim Clark Jim Clark Jim Clark Lotus-Climax Resoconto
6 Gran Premio di Germania 5 agosto Nürburgring Dan Gurney Graham Hill Graham Hill BRM Resoconto
7 Gran Premio d'Italia 16 settembre Monza Jim Clark Graham Hill Graham Hill BRM Resoconto
8 Gran Premio degli Stati Uniti 7 ottobre Watkins Glen Jim Clark Jim Clark Jim Clark Lotus-Climax Resoconto
9 Gran Premio del Sudafrica 29 dicembre Prince George Jim Clark Jim Clark Graham Hill BRM Resoconto

Classifica Piloti[modifica | modifica wikitesto]

Il sistema di punteggio prevedeva l'attribuzione ai primi sei classificati rispettivamente di 9, 6, 4, 3, 2 e un punto. Per la classifica finale valevano i migliori cinque risultati; nella colonna Punti sono indicati i punti effettivamente validi per il campionato, tra parentesi i punti totali conquistati.

Pos. Pilota Punti
1 Graham Hill 1 6 2 9 4 1 1 2 1 42 (52)
2 Jim Clark 9 Rit 1 Rit 1 4 Rit 1 Rit 30
3 Bruce McLaren Rit 1 Rit 4 3 5 3 3 2 27 (32)
4 John Surtees Rit 4 5 5 2 2 Rit Rit Rit 19
5 Dan Gurney Rit Rit NP 1 9 3 13 5 15
6 Phil Hill 3 2 3 Rit Rit 11 NP 14
7 Tony Maggs 5 Rit Rit 2 6 9 7 7 3 13
8 Richie Ginther Rit Rit Rit 3 13 8 2 Rit 7 10
9 Jack Brabham Rit 8 6 Rit 5 Rit 4 4 9
10 Trevor Taylor 2 Rit Rit 8 8 Rit Rit 12 Rit 6
11 Giancarlo Baghetti 4 Rit 10 5 5
12 Lorenzo Bandini 3 Rit 8 4
= Ricardo Rodríguez Rit NP 4 6 14 4
14 Willy Mairesse 7 Rit 4 3
= Joakim Bonnier 7 5 10 Rit 7 6 13 3
16 Innes Ireland Rit Rit Rit Rit 16 Rit 8 5 2
= Carel Godin de Beaufort 6 NQ 7 6 14 13 10 Rit 11 2
18 Masten Gregory Rit NQ Rit Rit 7 12 6 1
= Neville Lederle 6 1
Maurice Trintignant Rit 8 7 Rit Rit Rit 0
Jackie Lewis 8 NQ Rit 10 17 0
John Love 8 0
Nino Vaccarella NQ 15 9 0
Lucien Bianchi 9 16 0
Roger Penske 9 0
Bruce Johnstone 9 0
Jo Siffert NQ 10 Rit 12 NQ 0
Rob Schroeder 10 0
Ernie Pieterse 10 0
Ian Burgess 12 11 NQ 0
Tony Settember 11 Rit 0
John Campbell-Jones 11 0
Hap Sharp 11 0
Heini Walter 14 0
Jay Chamberlain 15 NQ NQ 0
Wolfgang Seidel NC Rit NQ 0
Roy Salvadori Rit Rit Rit Rit Rit Rit NP Rit 0
Tony Shelly Rit NQ NQ 0
Keith Greene Rit NQ 0
Ben Pon Rit 0
Heinz Schiller Rit 0
Bernard Collomb Rit 0
Timmy Mayer Rit 0
Doug Serrurier Rit 0
Mike Harris Rit 0
Jim Hall NP 0
Günther Seiffert NQ 0
Gerry Ashmore NQ 0
Ernesto Prinoth NQ 0
Roberto Lippi NQ 0
Nasif Estéfano NQ 0
Pos. Pilota Punti
Legenda Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti
Squalificato Ritirato Non partito Non qualificato

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos Costruttore Punti
1 BRM 42 (56)
2 Lotus-Climax 36 (38)
3 Cooper-Climax 29 (37)
4 Lola-Climax 19
5 Porsche 18 (19)
6 Ferrari 18
7 Brabham-Climax 6
8 Lotus-BRM 1
9 De Tomaso-Osca 0
10 De Tomaso 0
11 LDS-Alfa Romeo 0
12 Gilby-BRM 0
13 ENB-Maserati 0
14 Emeryson-Climax 0
15 Cooper-Alfa Romeo 0
  • Punti assegnati: 1° 9 pts - 2° 6 pts - 3° 4 pts - 4° 3 pts - 5° 2 pts - 6° 1 pt.
  • Nel conteggio punti per il campionato valgono solo i migliori 5 risultati.
  • Solo la prima vettura classificata segna punti.
  • Nella colonna Punti sono indicati quelli effettivamente validi per il campionato, tra parentesi i punti totali conquistati.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1