Cese di Montefortino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cese di Montefortino (Villa Cese)
frazione
Localizzazione
Stato  Italia
Regione Marche
Provincia Fermo
Comune Montefortino
Territorio
Coordinate42°56′55″N 13°22′14″E / 42.948611°N 13.370556°E42.948611; 13.370556 (Cese di Montefortino (Villa Cese))Coordinate: 42°56′55″N 13°22′14″E / 42.948611°N 13.370556°E42.948611; 13.370556 (Cese di Montefortino (Villa Cese))
Altitudine650 m s.l.m.
Abitanti7
Altre informazioni
Cod. postale63858 (vecchio codice 63044)
Prefisso0736
Fuso orarioUTC+1
Nome abitanticesani
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cese di Montefortino (Villa Cese)

Cese di Montefortino (Villa Cese) è una frazione del comune di Montefortino in provincia di Fermo, nelle Marche.

Conta 7 abitanti (al 25 gennaio 2016) ed è situata in zona collinare (650 m s.l.m.) in prossimità del Parco nazionale dei Monti Sibillini.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le Cese è probabilmente un villaggio celtico, il suo nome infatti significa "bosco tagliato" e in questo caso sicuramente trattasi di "bosco sacro tagliato" o meglio di "un bosco sacro celtico tagliato" perché nella frazione c'è anche una piccola chiesa dedicata alla Madonna della Quercia. Le chiese di questo tipo si trovano tutte nei luoghi dove hanno vissuto i Celti e dove di conseguenza la quercia era sacra. A conferma di questa celticità nella frazione c'è un appezzamento di terreno che è denominato "Croce di Maggio" e ciò significa che in questo luogo veniva celebrata la festa del Calendimaggio, la celtica Beltaine (v. "Lunario" di Alfredo Cattabiani). C'è un altro appezzamento di terreno che si chiama "Sotto l'Are" sicuramente con riferimento ai Menhir che in passato erano nella zona (v. "Miti, leggende e superstizioni dell'Abruzzo" di Giovanni Pansa).

Luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Madonna della Cerqua

Chiesuola della "Madonna della Cerqua" (nel dialetto sibillino "Cchisòla de la Madonna de la Cerqua").

Il culto degli alberi era molto diffuso tra le comunità celtiche. La quercia ("cerqua" in dialetto locale) era considerata sacra e dalle bacche del suo vischio i Druidi estraevano un medicinale efficace per tutte le malattie.

In tutti quei luoghi ove hanno vissuto i Celti e precisamente nelle zone sacre riservate alle querce oggi troviamo le chiese dedicate alla Madonna della Quercia.

Flora e fauna[modifica | modifica wikitesto]

Flora[modifica | modifica wikitesto]

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi[modifica | modifica wikitesto]

Uccelli[modifica | modifica wikitesto]

Rettili[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Portale Marche: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marche