Contea (Montebelluna)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Contea
frazione
Localizzazione
Stato  Italia
Regione Veneto
Provincia Treviso
Comune Montebelluna
Territorio
Coordinate45°46′17″N 12°01′18″E / 45.771389°N 12.021667°E45.771389; 12.021667 (Contea)Coordinate: 45°46′17″N 12°01′18″E / 45.771389°N 12.021667°E45.771389; 12.021667 (Contea)
Altitudine103 m s.l.m.
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postale31044
Prefisso0423
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Contea

Contea è una frazione italiana del comune di Montebelluna.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

L'abitato si estende a sudovest del centro, alla destra del canale di Caerano, derivazione della Brentella di Pederobba.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

L'origine del toponimo è discussa: potrebbe derivare da contà "contado", mentre è meno probabile una relazione con il titolo nobiliare (quest'ultima ipotesi può essere sostenuta dalla presenza in loco dei Contarini).
Il toponimo è molto tardo essendosi consolidato nella seconda metà dell'Ottocento, se non alla fine[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il centro si sviluppò sul finire del Cinquecento come un modesto insediamento di braccianti raccolto attorno a un imponente palazzo dei Contarini, patrizi veneziani[2][3] (l'edificio, oggi scomparso, si collocava dove ora sorge la scuola elementare[3]). Contea ricadeva allora nel territorio della villa di Posmon e tale rimase sino all'epoca recente, quando venne dichiarata frazione autonoma[3][4].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Parrocchiale[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa di Contea, in origine intitolata a San Martino vescovo, esisteva già prima del 1369. Divenuta in seguito oratorio di villa Contarini, passò poi ai Revedin che nel 1776 la intitolarono alla Madonna della Salute. Furono in seguito i Van Axel a donarla alla popolazione.

Rinnovato più volte, l'edificio attuale presenta un particolare sviluppo orizzontale ottenuto al termine di un recente ampliamento laterale. Il campanile è dei primi del Novecento.

È sede della parrocchia di Busta-Contea, istituita il 1º gennaio 1979 scorporandone il territorio dalla parrocchia di Montebelluna[1][5].

Galleria di immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Montebelluna Nuova - Contea.
  2. ^ Scheda di villa Loredan-Van Axel, Angelini dal sito dell'IRVV.
  3. ^ a b c Lucio De Bortoli, I quartieri scomparsi e la storia dimenticata (PDF), in Qui Montebelluna, giugno-luglio-agosto 2006, p. 40-41. URL consultato il 26 agosto 2011.
  4. ^ Comune di Montebelluna - Statuto.
  5. ^ Parrocchia di Busta-Contea - Alcune note di storia.