Discussioni progetto:Cinema/Archivio 14

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Discussioni progetto:Cinema
Vai a: navigazione, cerca

Indice

Dubbio su collegamento esterno

Nei collegamenti esterni de I mercenari - The Expendables è presente questo collegamento dato per sito ufficiale. Come suggerisce il link non sembra proprio il sito ufficiale italiano del film e quindi da togliere. Secondo voi?--Claudin (msg) 23:22, 30 ago 2010 (CEST)

Dovrebbe essere quello, se vai sul sito della casa di distribuzione italiana del film, come sito ufficiale linkano proprio quello. --Azrael 12:18, 1 set 2010 (CEST)

Categoria:Precursori del cinema

Segnalo Categoria:Precursori del cinema con soli 2 nomi. Può avere senso (e quindi magari si scrive un incipit in cui si spieghi chi ci rienta e si popola un po') oppure no? Ora come ora non è che mi convinca particolarmente. --Superchilum(scrivimi) 16:36, 1 set 2010 (CEST)

Aggiungo: anche perchè il concetto di "precursore" è diverso dal concetto di "pioniere" usato nell'omologa categoria su en.wiki. Precursore è uno "prima" del cinema, pioniere è "uno dei primi" del cinema. --Superchilum(scrivimi) 16:39, 1 set 2010 (CEST)

Certamente la categoria ha un senso. Per me dovrebbero rientrarci tutti coloro che prima o contemporaneamente ai Lumiere, lavorarono attorno alle immagini in movimento: Eadweard Muybridge (1872), Etienne-Jules Marey (1882), Augustin Le Prince (1885), William Friese-Greene (1890), Thomas Alva Edison (Kinematograph1891), Henry-Joseph Joly (Kinetoscope,1895), i fratelli Skladanowsky (Bioskop, 1895), il Phantoscope di Thomas Armat e molti altri che fecondarono il terreno per l'invenzione dei Lumiere. derek (msg) 15:26, 2 set 2010 (CEST)
Così com'è ora su it.wiki, la categoria sembra proprio buttata lì per caso. Concordo sulla ratio di Derek, così avrebbe un senso. Tra i due nomi il "precursore" mi pare più dubbio; se intendiamo "cinema" come "immagini in movimento", tutti quelli che han fatto qualcosa per primi con le immagini in moviemento possono essere qualificati come "pionieri" (chi apre la via, cfr.[1]); forse è più semplice spostare. --Azrael 17:30, 2 set 2010 (CEST)
mi sembra che allora "Pionieri" sia un termine migliore. Chi scrive un incipit e riempe la categoria? --Superchilum(scrivimi) 17:41, 2 set 2010 (CEST)

Umberto Lenzi

Hanno senso tutti questi template di navigazione per i film di Umberto Lenzi? Uno per gli horror, uno perla trilogia del commissario Betti, uno per i poliziotteschi, risultando tutti per di più incompleti, perché non coprono tutti i film? Non sarebbe più opportuno un solo template con tutti i film? Perché se si lasciano questi allora sarebbe giustificato crearne più e più per ogni regista che si è occupato di western, di fantascienza, di horror, creando più template "tematici": il Sollima spaghetti western, il Sollima salgariano, ecc. Propongo l'eliminazione di tutti questi template in favore di un unico template "I film di Umberto Lenzi". --  Il Passeggero - amo sentirvi23:05, 1 set 2010 (CEST)

pur'io. --Superchilum(scrivimi) 23:33, 1 set 2010 (CEST)
da unire. --Яαиzαg 23:35, 1 set 2010 (CEST)
Crea pure un Template:Umberto Lenzi. Magari sobrio come Template:Andrea Bianchi, diviso per genere, serie o per annate, quello non saprei, fai pure come ti sembra meglio. E se ci capita, direi di agire così per tutte le varie proliferazioni di template.--Azrael15:14, 5 set 2010 (CEST)

Titolo esatto di Shrek

Io e Martin Mystère abbiamo opinioni diverse sul titolo del quarto film di Shrek. Io ritengo che il titolo corretto sia quello attuale Shrek e vissero felici e contenti, come riportato dai maggiori siti cinematografici:[2],MyMovies,Movieplayer,filmup,Corriere della Sera ect. Invece Martin sostiene che il titolo debba essere Shrek - E vissero felici e contenti, con il trattino. Io ritengo che debba essere continuativo come una frase, senza interrogarci se la frase abbia senso o no. Pareri? BART scrivimi 17:07, 4 set 2010 (CEST)

I siti web più autorevoli per il titolo sono quelli sopra indicati (quando il titolo ha il trattino, lo riportano). Aggiungo ancheFilm TV eCinematografo.it. Quindi va bene Shrek e vissero felici e contenti, IMDb non è una fonte attendibile per quanto riguarda i titoli italiani. --Яαиzαg 17:18, 4 set 2010 (CEST)
Il trailer conferma: Shrek e vissero felici e contenti. Supernino 22:06, 4 set 2010 (CEST)
Idem. Da quando i titoli italiani hanno senso?? --Azrael 15:09, 5 set 2010 (CEST)
In che senso il trailer conferma? --Martin Mystère(msg) 10:13, 6 set 2010 (CEST)
Nel senso che nei casi dubbi bisogna sempre fare riferimento a titolo che si vede nella proiezione nei cinema, che di solito corrisponde a quello inserito nel trailer. Supernino 12:21, 6 set 2010 (CEST)
Ma il trailer mostra un titolo e un sottotitolo --Martin Mystère (msg) 13:29, 6 set 2010 (CEST)
Io l'ho intepretato come un titolo su due righe. Per la cronaca è:
SHREK
e VISSERO FELICI E CONTENTI
Lo speaker nel trailer lo enuncia tutto di seguito, senza una pausa tra "Shrek" e "e vissero felici e contenti". Quindi a parte la disposizione in due righe, non c'è niente che fa pensare nella divisione titolo/sottotitolo, e come fatto notare sopra i maggiori siti cinematografici hanno concordato con tale chiave di lettura. Supernino 15:38, 6 set 2010 (CEST)
Inizialmente anche io l'avevo interpretato così, ma poi ho guardato meglio ed ho notato che tutte le e sono minuscole. Ciò mi ha portato a riflettere e sono giunto alla conclusione che sono titolo e sottotitolo. Ascoltando il trailer, comunque, io noto una pausa. --Martin Mystère (msg) 19:56, 6 set 2010 (CEST)
Pausa percettibile o meno, quando vi sono dei dubbi (e la grafica del logo non aiuta) si fa riferimento alle fonte cartacee o ai siti web più autorevoli, come si è fatto in questo caso. --Яαиzαg 20:08, 6 set 2010 (CEST)
Va bene, io mi ero basato sul buonsenso e su alcune fonti come l'imdb e badtaste. --Martin Mystère (msg) 21:03, 6 set 2010 (CEST)

Iniziamo il Festival?

Dopo gli ultimi confronti qui sopra mi sembra possa essere giunto il momento per avviare il Festival del Cinema: è stata aggiornata la bozza, lasciando sempre 6 sezioni come da consenso, ma lasciando un maggior margine discrezionale alla 6^ sezione (indicata come Distribuzione) che potrebbe essere sostituita da Accoglienza, Critica ecc. Le altre 5 sezioni rimangono inalterate. Tutte le discussioni pregresse sono indicate nella bozza. Il bot di richiesta conferma partecipanti è girato 15 giorni fa e la lista di progetto è aggiornata: che dite, lo facciamo iniziare? Soprano71 15:49, 5 set 2010 (CEST)

Per me si può pigiare il pulsantone START. BART scrivimi 18:37, 6 set 2010 (CEST)
Parlando di film forse meglio dire "play":-) Si, iniziamo.--AnjaManix (msg) 18:59, 6 set 2010 (CEST)

Francamente, intervenuti esclusi, non vedo consenso sulla cosa: iniziare un Festival in 3-4 utenti non mi pare una soluzione wikipedianamente corretta. Un silenzio a volte vale più di mille parole: vedo che si interviene in altre discussioni ma non in questa, e le mie conclusioni sono queste. la bozza è ovviamente a disposizione di chiunque Soprano71 23:48, 7 set 2010 (CEST)

Per me si può partire, anche se dalla prossima settimana avrò comunque più tempo a disposizione per wiki rispetto a questa. Non penso però che un utente in più faccia la differenza, piuttosto chiediamo dunque (direttamente qui) agli altri partecipanti del progetto se andrebbe bene partire in queste settimane o, se no, quando farebbe generalmente più comodo iniziare il festival. --Яαиzαg 00:27, 8 set 2010 (CEST)
Beh una decina di utenti li vedo fra i partecipanti, oltre ai 4 qui sopra due avevano già iniziato il lavoro (e sono per il detto "pochi ma buoni"), appello ai rimanenti: iniziamo?--AnjaManix (msg) 11:36, 8 set 2010 (CEST)
se qualcuno di voi tre, Bart, Anja, RanZag, che avete tutta la mia fiducia, ritiene che sia il caso e vuole dare il via può farlo: come detto, la bozza è a disposizione. Io ho perso l'entusiasmo iniziale, parteciperò comunque come avrei fatto, nei tempi che posso. La procedura per l'avvio si trova qui, le discussioni sono già state fatte, si tratta di spostare la bozza e fare il resto. D'altronde è una cosa collaborativa di progetto, non è un utente che fa la differenza, nè il festival "appartiene" ad un utenteSoprano71 12:56, 8 set 2010 (CEST)
Per quel che mi riguarda, purtroppo non so quanto tempo avrò nei prossimi giorni. Se parte ovviamente un minimo di contributo lo darò eccome :) --Azrael 13:05, 8 set 2010 (CEST)
Io credo che debba iniziare. È stato preparato, annunciato... e ora? Tanto non si troverà mai un momento "buono per tutti" e comunque serve a dare un impulso e soprattutto attrarre nuovi contributori indicando loro il modo corretto di intervenire (quelli che davvero frequentano questa pagina sono da sempre impegnati nel migliorare le voci di cinema e lo saranno anche dopo il festival).--Ermanon 00:17, 9 set 2010 (CEST)

Don Chisciotte

Alla luce di questa notizia dobbiamo decidere una volta per tutte cosa fare della voce The Man Who Killed Don Quixote. La voce si è salvata un paio di volte dalla cancellazione, per volere della comunità, ma sostanzialmente il film NON esiste. BART scrivimi 18:37, 6 set 2010 (CEST)

Intanto ho aggiornato, l'incipit della voce parla adesso di un progetto, non di un film. --Azrael 19:18, 6 set 2010 (CEST)
Cancellarla sarebbe un peccato, forse possiamo trovare un modo per integrarla in una più ampia --GABRIELE · DEULOFLEU 19:55, 6 set 2010 (CEST)
Infatti, è un film "storico" per la sua travagliata produzione. Ho appena iniziato a sistemare il testo che è scritto veramente male.--JOk3R Dimmi tutto!! 02:42, 7 set 2010 (CEST)

Vaglio/Notting Hill (film)

Segnalo l'apertura del vaglio del film Notting Hill.Narayan89 20:05, 6 set 2010 (CEST)

Nome

Sto scrivendo la voce sul film di Vallanzasca, ma sono arrivato a un bivio. Una fonte molto autorevole quale La Stampa scrive di Angelo Pascolini a firmarne una revisione della sceneggiatura[3], ma in un articolo di ADNKRONOS di oggi viene scritto di Angelo Pasquini[4]. Quale dei due? Possibile un errore della Stampa?--JOk3R Dimmi tutto!! 19:30, 7 set 2010 (CEST)

Penso sia proprio un refuso, quello corretto è Pasquini. --Azrael 14:47, 8 set 2010 (CEST)

Cinema fascista?

Esprimo forte perplessità per la creazione da parte dell'Utente:Barbicone della Categoria:Cinema fascista, in cui ha inserito film, attori, registi.. di tutt'un po'. Se si intende "(di ideologia) o (di propaganda) fascista", invece di una categoria nella quale rientrerebbe un numero di opere davvero ristretto, ritengo preferibile che venga data una bella sistemata alla superficiale voce Cinema di propaganda fascista (magari aiutandosi con qualche fonte autorevole, es. Il cinema italiano di regime di Gian Piero Brunetta). Se si intende invece genericamente "(di epoca) fascista", mi sembra abbia ancor meno motivo d'essere. --Gawain78 (msg) 20:13, 7 set 2010 (CEST)

Non mi pare non abbia motivo di essere, il fascismo ha dato fortissimo sviluppo al cinema italiano che, sia prima che dopo la seconda guerra mondiale ha avuto la sua fortuna grazie alla spinta ricevuta nel periodo fascista, così come decine di registi, artisti ed operatori di vario genere del settore erano fascisti ed hanno avuto dal fascismo la spinta per le loro opere. Come dire, ad esempio, che il Razionalismo in architettura non possa essere definito architettura fascista.--Barbicone (msg) 20:20, 7 set 2010 (CEST)
La voce da te menzionata è sicuramente da integrare (io, tempo fa, gli diedi una risistematina alla formattazione), ma non trovo così sbagliata la creazione di questa categoria. Obiettivamente, scorrendo le varie categorie riguardanti il cinema ho trovato cose molto più banali e immeritevoli di esistere tipo questa o quest'altra --Stimetta (msg) 21:48, 7 set 2010 (CEST)
Avevo notato anch'io la cosa. La categoria ha un senso solo se riferita a film di propaganda, ma in questo caso perché includere titoli come Giuseppe Verdi (film 1938)? --Al Pereira (msg) 22:38, 7 set 2010 (CEST)
Non è vero che questa categoria ha senso solo se riferita a film di propaganda. Come diceva l'utente Barbicone, molti attori e registi aderirono al PNF senza però recitare o produrre film di propaganda, quindi secondo me va lasciata ed eventualmente modificata. Concordo comunque, come già detto prima peraltro, che la voce Cinema di propaganda fascista vada sistemata, ma a prescindere dall'esistenza di questa categoria. --Stimetta (msg) 09:13, 8 set 2010 (CEST)
No, attualmente la categoria così com'è non ha alcun senso. Cinema del tempo fascista? dell'ideologia fascista? E' una categoria generica quasi abbozzata. Possiamo avere ad esempio Categoria:Film di propaganda fascista, in cui è lampante cosa ci troveremo, maCategoria:Cinema fascista così com'è intesa vale tanto quanto Categoria:Cinema del novecento: non è di alcuna utilità al lettore, vuol dire tutto e non vuol dire niente.
Prima va ponderata un attimo una classificazione di quello che si vuol inserire. Adesso, gli unici che mi vengono in mente di vagamente utili sono Categoria:Film di propaganda fascista e Categoria:Registi di film di propaganda fascista. --Azrael 11:49, 8 set 2010 (CEST)

Categoria:Film del ventennio fascista, ci sono decine di volumi su questa tematica cinematografica, alla quale aggiungereiCategoria:Film della Repubblica di Salò. Indeciso42 (msg) 12:45, 8 set 2010 (CEST) Ps sono circa 1800 film per la maggior parte sconosciuti.

Ed eventualmente cambiare il nome della categoria creata da Barbicone con quella proposta dall'utente Indeciso42,ossia Categoria:Film del ventennio fascista ? --Stimetta (msg) 12:55, 8 set 2010 (CEST)
Contrario alla categoria. O esiste un legame preciso tra situazione politica e contenuto dei film (ed è il caso dei film di propaganda) oppure è un collegamento forzato, quando non del tutto improprio (un film può nascere in una fase politica senza per questo essere figlio della cultura dominante in quella fase. --Al Pereira (msg) 13:44, 8 set 2010 (CEST)
Sono d'accordo con Al Pereira. La mia opinione è che i film potrebbero essere inseriti nella categoria (che sarebbe più giusto chiamare cinema di regime e non cinema fascista, mi sembra ci sia una certa differanza) da La canzone dell'amore aOssessione (cfr. Brunetta Gian Piero) ma sarebbe solo una categorizzazione di un periodo storico, che ha certamente influenzato la cinematografia italiana, e non una categorizzazione tematica. Come cinema fascista inserirei invece film come Scipione l'Africano o Luciano Serra pilota e gli altri film che sono attualmente citati nella voce Cinema di propaganda fascista. RamblerBiondo 16:13, 8 set 2010 (CEST)

Ho parlato di "ventennio fascista" cioè un lasso di tempo che va dal cinema muto dei primi anni 20, al sonoro del 1943 fine del ventennio. Non intendevo direttamente parlare di regime fascista. Sul cinema del ventennio sono stati scritti decine di volumi che hanno analizzato i prodotti dell'industria cinematografica, la quale ha avuto a che fare con una serie di accadimenti e normative, ancora non molto conosciute sopratutto per il periodo del muto che viene sempre ignorato come se non fosse mai esistito, queste hanno condizionato sia gli autori che i loro prodotti, anche per quanto riguarda pellicole di evasione, che non hanno apparentemente nulla a che fare con il regime ma che in realtà ne sono storicamente e oggettivamente i suoi prodotti, questo vale anche per altre espressioni, come l'architettura, le arti figurative ecc..Indeciso42 (msg) 16:40, 8 set 2010 (CEST)

Ma certo. E di questo va benissimo parlare in una voce, ci mancherebbe altro. Ogni fase storica e politica ha un impatto sulle arti e sui media, ma ciò non significa che ciascuna opera dell'ingegno (in questo caso ciascun film) prodotta in quell'arco temporale debba avere quel marchio. Caso mai dovrà essere il contenuto delle voci dedicate ai film a sottolineare i termini di quel legame, quando c'è e quando è rilevante. 16:57, 8 set 2010 (CEST)
Come del resto nel celebre caso della cosiddetta "architettura fascista": direi che la categorizzazione utile è quella in film di "propaganda o ispirazione" fascista e film realizzati nel periodo storico, come nel caso dell'architettura la "coincidenza storica" non indica alcuna influenza diretta e francamente mi pare decisamente inopportuno una categoria antiscientifica che suona un po' come dire "guarda che rigoglio di arte cinematografica causato dal fascismo" (è il causato ad essere POV o falso). --Vito (msg) 17:00, 8 set 2010 (CEST)
Infatti non ho scritto niente del genere. Però sarebbe altrettanto pov dire che senza l'esistenza del fascismo in cinema italiano avrebbe avuto quello sviluppo nè ci sarebbe stato l'impulso per la nascita di cotale parco registi-attori-artisti-operanti. Chi avrebbe creatoCinecittà, Giolitti o Facta? Spero non si creda ciò.--Barbicone (msg) 17:18, 8 set 2010 (CEST)

Ho parlato di "Industria cinematografica del ventennio", pertanto come tutte le attività legate al mercato, alle leggi e alle scelte comunque provenienti dai governi in carica, a questi va riconosciuto il successo o il fallimento della stessa..Pertanto sarei propenso che la voce sia estesa al Cinema del ventennio, comprendendo tutte le realizzazioni filmiche del periodo cinema muto compreso perchè è da lì che bisogna partire per capire la storia del film italiano. Come altra voce dovrebbe essere dedicata al Cinema di Salò. Però non vorrei che questa discussione prendesse la strada delle personali idee politiche, perchè le enciclopedie in genere devono essere estranee a queste derive. Spesso non si accetta che determinate cose siano nate nel ventennio, ma è storico riconoscere che lo sviluppo del cinema italiano ha avuto un concreto sviluppo proprio in quel periodo e questo vale anche per l'architettura che però non fa parte di questa discussione. Indeciso42 (msg) 17:52, 8 set 2010 (CEST)

Indeciso, le voci che proponi sono sicuramente interessanti, legittime e da scrivere. Qui però si stava parlando delle sole categorie. E in base ai pareri espressi, non vedo consenso alla generica Categoria:Cinema fascista, bensì un auspicio ai Categoria:Film di propaganda fascista o simili. --Azrael 17:59, 8 set 2010 (CEST)

La voce attualmente comprende anche nomi di persone, non solo titoli, pertanto la categoria non è facile da definire forse Categoria:cinema di propaganda fascista così la presenza di nomi potrebbe andare insieme ai titoli dei film Indeciso42(msg) 18:09, 8 set 2010 (CEST)

Bene basta il semplicismo di "senza l'esistenza del fascismo in cinema italiano avrebbe avuto quello sviluppo" per (s)qualificare il discorso in blocco, giusto perché è fantapolitica, del resto il riferimento a Giolitti e Facta è doveroso in una certa ottica "salvifica" che è proprio ineliminabile così quanto è inaccettabile su un'enciclopedia neutrale o semplicemente scientifica, ma transeat.
Andando alla realtà direi che il cinema saloino come sottocategoria di "film realizzati durante il regime fascista" potrebbe andar bene visto che sotto Salò (e già un po' prima in piena guerra) iniziano ad emergere spunti sviluppatisi grandiosamente nel dopoguerra anche se francamente non sono certo che questa classificazione "cronologica" abbia poi tanto valore.--Vito (msg) 18:20, 8 set 2010 (CEST)

Si, ma dopo questa cascata di argomentazioni come ne usciamo? Quale Categoria? Indeciso42 (msg) 19:49, 8 set 2010 (CEST)

Avverto il bisogno di esprimere il mio sommesso parere a favore della Categoria: cinema di propaganda fascista. Non riesco a reggere alla vista di nomi come Rossellini o Camerini nella Categoria :cinema fascista. Non mi pare corretto imputare a Giolitti o Facta di non aver fatto ciò che non era neppure pensabile ai tempi in cui il cinema era ai suoi primi passi e in cui non ne era stato svelato il formidabile potenziale propagandistico (cosa di cui si resero conto non solo Mussolini, ma anche Hitler, Roosevelt, Lenin, Churchill e so on)derek (msg) 19:46, 9 set 2010 (CEST)

Le repliche della storia?! Quando sotto qualunque governo nascono tendenze, sviluppo industriale, grandi movimenti artistici il "merito" va sempre al governo in carica, per i fallimenti, le crisi industriali e il crollo degli "ideali" sono "colpa" sempre dei governi, comunque la si giri rimane un dato di fatto. Esaminati storicamente gli avvenimenti in tutti i campi della vita di una nazione, non possiamo fare a meno di non fare riferimento al governo in carica, non dimentichiamo che il periodo di maggior splendore del cinema italiano 1948/1968 si svolge durante governi democristiani che molto attratti dalla cinematografia non erano, eppure negli anni 60 si giravano sino a 250 pellicole all'anno. Per quanto riguarda Rossellini e Camerini rimango dell'idea di quanto ho scritto sopra anche i loro film risentono nel bene e nel male delle tendenze e delle scelte fatte in sede governativa del periodo. Curioso che nel dopoguerra la commissione per le epurazioni che vedeva a capo Luchino Visconti aveva all'interno molti registi e attori che sino a qualche mese prima portavano il distintivo del PNF e facevano il saluto romano anche quando non c'è n'era bisogno.. Rossellini non fu mai antifascista eppure anche lui si trovava nella commissione di cui sopra. Indeciso42 (msg) 20:33, 9 set 2010 (CEST)


Vieni con me Indeciso42. Come nessuno si sognerebbe di includere quei film in una categoria " cinema democristiano ", è altrettanto arbitrario includere i film del ventennio in una categoria " cinema fascista ". I film di Camerini, Blasetti (tolto Vecchia guardia), persino Lo squadrone bianco, il futurista Acciaio, le commedie dei "telefoni bianchi" non sono film fascisti bensì film del periodo fascista (ma farne una categoria sarebbe una tautologia: includiamo tutti i film (o i registi) italiani dal 1922 al 1943 in una categoria?). Per di più la definizione stessa di "cinema fascista" tende a connotare un livello di controllo del regime sull'attività creativa, superiore a quello reale ( se è vero che sino al 1938 l'80% degli incassi proveniva ancora da film americani). Sino alla creazione di Cinecittàl'intervento fascista a sostegno della produzione si era limitato ad incentivi all'investimento (legge 918 del 1931). derek (msg) 15:29, 10 set 2010 (CEST)

Confermo Categoria:Cinema di propaganda fascista, alcuni film, senza che qualcuno lo obbligasse a farlo, sono anche quelli che Rossellini diresse La nave bianca, Un pilota ritorna e quelli a cui lo stesso Rossellini collaborò alla sceneggiatura come Luciano Serra pilota. In realtà non furono molti questi tipi di film, all'interno della categoria possono entrare anche le persone che collaborarono alla realizzazione. Per quanto riguarda il periodo 1922 - 1943 Categoria:Film del ventennio fascista o Categoria:Cinema del ventennio fascista. Indeciso42 (msg) 16:13, 10 set 2010 (CEST)

Dal mio punto di vista (per quello che può contare), La nave bianca è solo un film di guerra...ed anche leggermente anti-militarista. Non un film fascista, non film di propaganda derek (msg) 00:46, 12 set 2010 (CEST)

Vabbè essere puntigliosi... però

Vabbè essere puntigliosi... ma nella voce La sposa cadavere penso si sia un po' esagerato. Nel template è stato inserito un elenco sterminato di animatori e curatori degli effetti speciali, tutti linkati che secondo me non verranno mai creati. E' il template più lungo che abbia mai visto ^__^. Vabbè che siamo un'enciclopedia, che deve fornire più informazioni possibili, ma in questo caso penso si sia esagerato. IMHO sono da eliminare in toto. BART scrivimi 18:38, 8 set 2010 (CEST)

Concordo assolutamente, da levare --GABRIELE · DEULOFLEU18:45, 8 set 2010 (CEST)
Una sezioncina per recuperare le info non se po' fa'? --Vito (msg) 18:48, 8 set 2010 (CEST)
(conflittato) Ovviamente. Quando ci sono così tanti nomi da mettere, o si mettono i principali (due o tre, se è possibile scegliere in maniera abbastanza obiettiva) o non si compila proprio il parametro. Dopotutto siamo un'enciclopedia, non un database.--Яαиzαg 18:49, 8 set 2010 (CEST)
@Vito: IMHO quando ci sono tutti quei nomi, nel suo complesso essi rappresentano un'informazione poco enciclopedica. Se si vuole fare un paragrafo sull'animazione o sugli effetti speciali si parla in maniera generica dell'animazione e degli effetti speciali, magari citando alcuni nomi più importanti (proprio quelli da mettere eventualmente ed esclusivamente in template) e indicando il numero (anche approssimativo, se sono disponibili fonti) delle persone che stanno dietro il determinato lavoro (senza indicarle una ad una).--Яαиzαg 18:53, 8 set 2010 (CEST)
Eh sì, solo i principali, i capo/responsabili, non tutti i singoli animatori. --Azrael 18:54, 8 set 2010 (CEST)

Viene di tutti i nomi, io solitamente inserisco i nomi delle società che si occupano di effetti speciali, come ho fatto ora per La sposa cadavere. I dati sono reperibili di IMDb alla voce "compagnia". BART scrivimi 19:14, 8 set 2010 (CEST)

Anche quando c'è un elenco così lungo di premi come nella voce in questione, è molto opportuno creare un paragrafo a sé sui premi (ed eventualmente le candidature) seguendo le linee guida del progetto. In tal modo nel paragrafo basta un "vedi Premi e candidature", con un link al paragrafo, ad esempio. --Яαиzαg 19:18, 8 set 2010 (CEST)
PS Forse l'esempio non era calzante, visto che a quanto pare, erano per lo più candidature. Comunque sia la sostanza del discordo resta quella, IMHO basta un po' di buon senso. --Яαиzαg 19:21, 8 set 2010 (CEST)

Marco Müller

Salve a tutti, ho intenzione di creare la voce su Marco Müller, direttore artistico del festival di Venezia. Leggendoquesta biografia, non capisco quali professioni sia meglio indicato inserire nel template:bio, docente, studioso, critico cinematografico? Consigli, grazie. BART scrivimi 16:52, 12 set 2010 (CEST)

Utilizza quella per la quale si è distinto nel suo campo. Docente no, studioso è vago, più altro è un critico, indicherei questo. E "direttore artistico" non saprei inquadrarla come definizione. Inserisci un |PostNazionalità= con attivo inoltre come direttore artistico di numerosi festival internazionali o simili. --Azrael 16:56, 12 set 2010 (CEST)
Fatto Marco Müller, può andar bene come incipit? BART scrivimi 19:04, 12 set 2010 (CEST)
L'incipit per me è ok, mancano solo i riferimenti per la sua biografia (tipo le origini e gli studi). --Azrael 19:25, 12 set 2010 (CEST)
Fatto BART scrivimi 21:41, 12 set 2010 (CEST)

dubbio sul titolo del film Frost/Nixon

ho sempre pensato che il titolo italiano del film fosse "Frost/Nixon - Il duello", come riportano anche alcuni database che ho consultato. oggi però ho visto il dvd e il titolo riportato invece è "Il duello Frost/Nixon". nella locandina del film c'è la scritta "Frost/Nixon" in grande e sotto, più piccolo, "Il duello"; mentre nella copertina del dvd c'è scritto in grande "Il duello" e a lato "Frost Nixon". voi che dite? --Errix (msg) 18:50, 13 set 2010 (CEST)

Il sito ufficiale riporta Frost/Nixon - Il duello, così come ilposter promozionale, [5], movieplayer, FilmUP. Io sarei per tenere quello. IMHO quella del DVD è solo un'elaborazione grafica del logo del film, senza intento di invertire il sottotitolo con il titolo vero e proprio. --Яαиzαg 19:06, 13 set 2010 (CEST)
Concordo con RanZag BART scrivimi 19:15, 13 set 2010 (CEST)
Idem --Supernino 19:37, 13 set 2010 (CEST)

Frankenstein Junior

Vorrei chiedere il vostro parere riguardo questa discussione[[6]], nata in seguito a modifiche come questa[[7]] e questa[[8]](scusate se ho fatto un po' di pasticcio nello scrivere i link).

Io sostengo che un paragrafo in cui vengano elencate le battute o le gag di un film comico non sia enciclopedico: anche perchè non c'è alcun motivo per elencare più battute (a parte la citazione iniziale) se non quello per cui tali battute siano entrate nell'uso comune...ma questo va dimostrato e di certo non ci si può basare sul fatto che gli appasionati del film se le raccontino tra di loro. Inoltre, proprio per questo tipo di elenchi, esiste wikiquote, che impedisce anche il tipico comportamento "apro la pagina, vedo un elenco e ne aggiungo un pezzo", che rischia di rendere quel paragrafo più lungo del resto della pagina.

Mi piacerebbe che qualcuno intervenisse su quella pagina a dire la propria opinione in merito. Grazie. --Darth Master (msg) 13:46, 14 set 2010 (CEST)

Ubaldo Arata, la filmografia.

Sto creando la voce su Ubaldo Arata, direttore della fotografia dal muto al neorealismo (testo prova. Siccome cercherò anche di ampliare le voci che fanno parte della sua filmografia, come citazione della fonte vorrei sapere se va bene inserire, nelle singole voci dei film, ==Bibliografia== e il dizionario del cinema da cui ho tratto il dato o i dati o è meglio inserire la nota come ref /ref . Fatemi sapere così poi arrivo ad avere uno stardard per effettuare eventuali modifiche/integrazioni alle voci. RamblerBiondo 13:54, 14 set 2010 (CEST)

Se ti è possibile, è meglio mettere sempre il riferimento preciso accanto all'informazione, così è poi più facile, se si vuole controllare/approfondire, dirigersi direttamente alla pagina/capitolo preciso. (Nel caso poi più informazioni siano prese dallo stesso capitolo/libro/pagina, puoi impiegare anche la funzione di assegnare il nome alla ref, chiamandola ref nome=nota1 Bla bla ref e poi richiamandola inserendo ref name=nota 1/ ). --Azrael 14:01, 14 set 2010 (CEST)
Se hai la pagina esatta ricorda di inserirla, cmq questa è la regola che io applico: se inserisco una sola informazione presa da un testo inserisco sempre la nota e basta, se prendo più informazioni inserisco in bibliografia il testo e se ritengo necessario anche la (una o più) nota--AnjaManix (msg) 17:38, 14 set 2010 (CEST)
Il problema è che agendo così al momento può andare (ad esempio quando c'è un solo libro in bibliografia), ma in caso si ampli la voce oppure siano presenti più libri in bibliografia, si perde il preciso riferimento informazione-fonte, e sorgono così problemi diverificabilità. --Azrael 17:52, 14 set 2010 (CEST)

Omonimia

Penso sarebbe il caso di creare una disambigua tra Federico_Rizzo_(regista_e_sceneggiatore) eFederico_Rizzo_(attore) onde evitare confusione di persone e di ruoli

Antpriv (msg) 23:09, 14 set 2010 (CEST)

Le disambigue si creano solo quando le voci esistono effettivamente. L'attore è enciclopedico? In caso negativo la situazione va bene com'è. --Jaqen [...] 23:27, 14 set 2010 (CEST)

Template Umberto Lenzi

Fatto Template:Umberto Lenzi. L'ho inserito soltanto nella voce Umberto Lenzi. Bisogna ora inserirlo in tutte le voci dei film, togliendo i vari template di navigazione presenti (Template:Commissario Betti, Template:Lenzi/Horror,Template:Lenzi/Poliziotteschi): è possibile attivare un bot o bisogna fare a mano? In tal caso mi potreste aiutare? Infine, i template rimossi andranno messi in cancellazione: con quale procedura? --  Il Passeggero - amo sentirvi 10:59, 16 set 2010 (CEST)

Ah, l'elenco dei film l'ho preso dalla voce Umberto Lenzi, non so se sia completo o soltanto parziale. Va controllato anch'esso. -- Il Passeggero - amo sentirvi 11:01, 16 set 2010 (CEST)

Porto in nuova sezione la discussione per evitare che vada persa. --  Il Passeggero - amo sentirvi 11:04, 16 set 2010 (CEST)

(mi son permesso di adeguare i colori a quello maggiormente usato dal progetto; ma bravo, bel lavoro.)
per il resto ti risponderanno (io sono poco in forma, scusa). --Kal - El 16:59, 16 set 2010 (CEST)
Grazie. OK, io ho usato i parametri default. Non mi ero accorto ci fossero dei colori specifici per il progetto cinema. :-) -- Il Passeggero - amo sentirvi 07:57, 17 set 2010 (CEST)
Fatto. Solo il tmp Commissario Betti rimane ancora in quanto utilizzato anche in altre voci, ottimo lavoro.--AnjaManix (msg) 17:54, 16 set 2010 (CEST)
OK. Grazie. --  Il Passeggero - amo sentirvi 07:57, 17 set 2010 (CEST)

Soggetto e sceneggiatura

La questione mi è balzata all'occhio lavorando a Piccolo Grande Uomo. Il tmp indica Thomas Berger come autore del soggetto. A me risulta che egli è autore del libro: gli avranno comprato i diritti, ma non vedo, né in en. né nella 4a del DVD, che lui sia entrato in altro modo nella produzione del film. Ho avuto difficoltà a controllare anche perché non c'è alcun interlink in soggetto (cinema). Come mai il nostro tmp {{film}} non distingue tra soggetto e sceneggiatura? A quanto mi consta le due cose non sono affatto identiche... --Pequod76(talk) 15:29, 16 set 2010 (CEST)

il template distingue "nomesoggetto" e "nomesceneggiatore", quello sì. Nella fatispecie io ho sempre considerato accettabile nel caso di trasposizioni di altre opere qualcosa tipo:
|nomesoggetto = Lewis Carroll (libro)
o qualcosa del genere. --Superchilum(scrivimi) 16:03, 16 set 2010 (CEST)
Effettivamente esistono soggetti originali e soggetti non originali. Per i soggetti non originali, normalmente bisogna acquistare i diritti sul soggetto. Nel momento in cui l'autore (o chi per lui - questo dipende dagli accordi con la casa editrice) acconsente a cedere i diritti, in qualche misura, rientra nella produzione del film. Penso che la questione si possa ricondurre in questi termini. derek (msg) 16:43, 16 set 2010 (CEST)
E per i testi non coperti da copyright -tipo(forse) Alice nel paese delle meraviglie-? (Boh)!! derek(msg) 16:50, 16 set 2010 (CEST)
Per l'ultima questione non avrei dubbi (magari sbaglio): anche scaduta la legittimità ad incassare i diritti resta la paternità artistica che continuerei ad attribuire senza tema. Credo la questione © a nulla rilevi in questo senso (Dante resta l'autore della Commedia, insomma, anche se ne ha perso i diritti :)).
Per la prima domanda mi sembra sufficiente e condivisibile la risposta di Superchilum. --Kal - El 16:56, 16 set 2010 (CEST)
Attenzione, restando a Berger: ok, ammettiamo pure che abbiano comprato i diritti: questo non lo rende affatto autore del soggetto. Infatti, il libro e il film differiscono in modo sostanziale: nulla impedisce insomma che egli abbia venduto i diritti e che a occuparsi del soggetto sia stato un altro, che abbia appunto sbozzato il plot perché lo sceneggiatore vi mettesse mano. Non sono espertissimo, ma il soggetto non è semplicemente la trama, è anche qualcosa che viene buttato giù per iniziare a redigere un bilancio approssimativo. Voglio cmq dire che non è affatto detto che Berger fosse in grado di scrivere un soggetto per il cinema: a farlo può essere stato qualcuno che aveva in mente come asciugare la storia per renderlo realizzabile. Ho idea che ci avesse pensato Berger, ne sarebbe uscita una trilogia, nello stile lord of the rings... Lo dico perché mi sembra strano pensare a Carroll come autore del soggetto di un film. Cerchiamo cmq di rintracciare gli interlink per soggetto (cinema). --Pequod76(talk) 21:22, 20 set 2010 (CEST)

Piccola revisione dei criteri

Dopo la segnalazione di problematicità di Jok3r ho pensato ad una cosa. Nella segnalazione viene citato l'inesistente film Born, cancellato qualche mese fa, e la sua fantomaticalocandina. Onde evitare casi simili e per evitare interpretazioni varie, chiedo di eliminare la frase immagini promozionali ufficiali dai criteri dei film non ancora distribuiti. Spesso locandine, loghi o altre immagine promozionali vengono create appositamente per eventi, tipo ilComic-Con, per permettere alle case di produzione di presentare il loro film annunciati o in pre-produzione. Per concludere il mio ragionamento, chiedo che d'ora in avanti l'unico elemento che permetta ad un film di diventare enciclopedico sia il trailer ufficiale e basta (ovvero immagini in movimento). Siete d'accordo? BART scrivimi 21:35, 17 set 2010 (CEST)

D'accordissimo, avevo intenzione di proporre anch'io la stessa cosa. Un'immagine non può bastare a decretare l'enciclopedicità di un film, sia perché talvolta un'immagine promozionale viene pubblicata molto prima dell'effettiva uscita del film, sia perché (come si è visto perBorn) un'immagine promozionale non prova che il film si farà, e che la sua produzione, per un qualche motivo, non possa interrompersi.--Яαиzαg 22:08, 17 set 2010 (CEST)
Anche io d'accordissimo per evitare in futuro casi simili, frase da eliminare.--AnjaManix (msg) 23:47, 17 set 2010 (CEST)
Alla fine aspettiamo e ci fidiamo di più dei trailer, tanto vale porre fine all'ambiguità. --Azrael 09:23, 18 set 2010 (CEST)
favorevole pur'io. --Superchilum(scrivimi) 11:23, 18 set 2010 (CEST)
Sì, d'accordo con Bart e tutti i quotanti. Per esperienza lavorativa quotidiana so che le fasi di promozione di un prodotto possono seguire tempistiche diverse, nel marketing. La promozione è una cosa, il prodotto un'altra, e son seguite da professionisti diversi. Nel caso di un film si può dare ad uno studio grafico l'incarico di eseguire una locandina/serie di bozze di locandine ben prima che il film risulti ufficialmente terminato: non è una fase generalmente seguita dal regista, che segue invece la fase del montaggio (quindi il prodotto). È quindi di norma solo il trailer che dovrebbe circolare quando tutto è pronto per la distribuzione (anche se ricordo comunque trailer contenenti scene poi tagliate in una fase di montaggio successiva). Poi, si sa, la RL è un'altra cosa: nel web i film circolano anche prima che escano al cinema, ma questo è un discorso di altro tipo.
Colgo l'occasione anche per ricordare (soprattutto ai molti ip che si sbizzarriscono in merito) che anche l'inserimento di pellicole future in molte filmografie è cosa deprecata e già ben stabilita nei criteri. Se persinosu esempi famosi (fonte Ansa) non si è certi della presenza, figuriamoci su attori secondari con fonti gossippare Soprano71 11:49, 18 set 2010 (CEST)

Visto il generale consenso, ho eliminato la frase incriminata immagini promozionali ufficiali. D'ora in poi solo il trailer ufficiale renderà enciclopedico un film futuro. BART scrivimi 13:36, 18 set 2010 (CEST)

D'accordissimo in ritardo. --87.6.38.147 (msg) 19:33, 18 set 2010 (CEST)

Curiosità Alex l'ariete

Ho inserito la voce tra le proposte. Se qualcuno vuole dare la sua valutazione questa è la pagina: proposte Kę́ḳḳ0-M3r3ǿṣ HOT—LINE 17:00, 18 set 2010 (CEST)

Musiche Vallanzasca

Segnalo questa (strana) discussione. --87.6.38.147 (msg) 19:32, 18 set 2010 (CEST)

Discussione chiusa tempo fa.--JOk3R Dimmi tutto!! 20:29, 18 set 2010 (CEST)
© Copyright Wikipedia authors - The articles gathered in this document are under the GFDL licence.
http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html