Eredivisie vrouwen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eredivisie vrouwen
Sport Calcio
TipoClub
FederazioneUEFA
Paese  Paesi Bassi
TitoloCampione dei Paesi Bassi
Cadenzaannuale
Aperturaagosto
Chiusuramaggio
Partecipanti8
Formulagirone all'italiana A/R/A
Sito Internethttp://www.knvb.nl/competities/eredivisie-vrouwen
Storia
Fondazione2007
2015 (rifondazione)
Soppressione2012
DetentoreAjax
Record vittorieAZ Alkmaar
Edizione in corsoEredivisie vrouwen 2016-2017

La Eredivisie vrouwen è la massima serie del campionato olandese di calcio femminile ed è posto sotto l'egida della KNVB. La prima stagione fu nel 2007[1] e fu disputata per cinque edizioni consecutive. Nel 2012 fu interrotta perché fu istituito un campionato unificato belga-olandese, la BeNe League[2]. Nel 2015 dopo sole tre stagioni la BeNe League fu soppressa e la Eredivisie introdotta nuovamente[3]. Attualmente partecipano sette squadre. Per la stagione 2016-2017 la massima serie olandese è il diciassettesimo campionato di calcio femminile in Europa secondo il ranking stilato dalla UEFA[4].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Eredivisie vrouwen fu fondata nel 2007[5], sostituendo la Hoofdklasse come massima serie del campionato olandese di calcio femminile. Alla prima stagione presero parte sei squadre: ADO Den Haag, AZ Alkmaar, Heerenveen, Utrecht, Twente e Willem II[1]. La cerimonia inaugurale si tenne il 29 agosto 2007 ad Enschede prima dell'inizio della prima partita tra l'Heerenveen e il Twente, finita 3-2 per le frisoni[6]. La prima edizione fu vinta dall'AZ Alkmaar, che si confermò nelle due stagioni successive.

Il 1º marzo 2008 fu annunciato che dalla stagione 2008-2009 alle sei squadre si sarebbe aggiunto anche il Roda[7]. La presenza del Roda in Eredivisie durò una sola stagione, poiché al termine del campionato 2008-2009 si ritirò per problemi finanziari. Dopo un'annata di nuovo con sei squadre per la stagione 2010-2011 fu annunciato l'ingresso di due nuove squadre, il PEC Zwolle e il VVV-Venlo[8]. Dopo tre anni di dominio dell'AZ il campionato fu vinto dal Twente dopo un testa a testa con l'ADO Den Haag[9].

Sul finire di febbraio 2011 iniziarono le consultazioni per decidere il futuro della Eredivisie[10]. Fu deciso che dalla stagione 2011-2012 le partite di campionato si sarebbero giocate di venerdì e non più di giovedì[10]. Furono discusse le quote di accesso alla Eredivisie per ciascuna squadra e la gestione delle calciatrici durante il mercato[10]. Inoltre, fu comunicato che dalla stagione 2011-2012 l'AZ Alkmaar e il Willem II non avrebbero preso parte al campionato[11]. Al loro posto fu ammesso il Telstar, portando così a sette il numero di squadre partecipanti alla stagione 2011-2012. Nell'agosto 2011 il Twente comunicò la decisione di iniziare a pagare direttamente le proprie calciatrici, diventando la prima squadra olandese a farlo[12].

Nel febbraio 2012, seguendo quanto già fatto due mesi prima dalla federazione belga, la federazione olandese annunciò l'istituzione della BeNe League, il campionato misto belga-olandese[13]. Nel 2015 dopo sole tre stagioni si concluse questo campionato misto, poiché le squadre olandesi e la federazione olandese non si accordarono sull'aspetto finanziario della partecipazione delle squadre alle successive stagioni della BeNe League. Di conseguenza, entrambe le federazioni decisero di chiudere la BeNe League e di tornare all'organizzazione dei rispettivi campionati nazionali[14].

L'Eredivisie tornò nella stagione 2015-2016 con sette squadre partecipanti e due esordi rispetto alle prime cinque stagioni, l'Ajax e il PSV.

Formato[modifica | modifica wikitesto]

La formula del campionato è un girone all'italiana di 8 squadre con ciascuna squadra che affronta le altre tre volte per un totale di 21 giornate, con apertura ad agosto e conclusione a maggio[3]. Il sistema di assegnazione del punteggio prevede 3 punti per la squadra vincitrice dell'incontro, 1 punto a testa in caso di pareggio e nessun punto per la squadra sconfitta. Le prima classificata accede alla UEFA Women's Champions League della stagione successiva[15]. Non sono previste retrocessioni.

Le squadre[modifica | modifica wikitesto]

Sono 12 le squadre ad aver partecipato alle 6 stagioni di Eredivisie vrouwen disputate dal 2007-2008 al 2011-2012 e dal 2015-2016 in poi (in grassetto le squadre militanti nella stagione 2016-2017):

  • 7 volte: ADO Den Haag, Heerenveen, Twente
  • 5 volte: Utrecht
  • 4 volte: AZ Alkmaar, PEC Zwolle, Willem II
  • 3 volte: Telstar
  • 2 volte: Ajax, PSV, VVV-Venlo
  • 1 volta: Achilles '29, Roda

Organico 2016-2017[modifica | modifica wikitesto]

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

  • 2007-2008 AZ Alkmaar
  • 2008-2009 AZ Alkmaar
  • 2009-2010 AZ Alkmaar
  • 2010-2011 Twente
  • 2011-2012 ADO Den Haag
  • 2015-2016 Twente
  • 2016-2017 Ajax
  • 2017-2018 Ajax

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie per squadra[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Titoli Anni
AZ Alkmaar
3
2008, 2009, 2010
Ajax
2
2017, 2018
Twente
2
2011, 2016
ADO Den Haag
1
2012

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (NL) Zes eredivisieclubs starten met vrouwen, su www.dekrantvantoen.nl, 20 marzo 2007. URL consultato il 31 gennaio 2016.
  2. ^ La UEFA approva il campionato belga-olandese, su knvb.nl. URL consultato il 20 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2012).
  3. ^ a b (NL) Eredivisie Vrouwen start met zeven clubs, su www.vrouwenvoetbalnederland.nl, 2 aprile 2015. URL consultato il 31 gennaio 2016.
  4. ^ (EN) Ranking UEFA per la stagione 2016-2016 (PDF), UEFA.
  5. ^ (NL) Eredivisie vrouwen, su www.knvb.nl.
  6. ^ (NL) Vrouwen SC Heerenveen eerste koploper in eredivisie, su www.dekrantvantoen.nl, 30 agosto 2007. URL consultato il 31 gennaio 2016.
  7. ^ (NL) Roda JC treedt toe tot Eredivisie vrouwen, su www.fcupdate.nl. URL consultato il 31 gennaio 2016.
  8. ^ (NL) VVV-Venlo en FC Zwolle treden toe tot de Eredivisie Vrouwen, su www.vrouwenvoetbalnederland.nl, 10 marzo 2010. URL consultato il 31 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2012).
  9. ^ (NL) Dames FC Twente in stijl naar titel, su www.rtvoost.nl, 12 maggio 2011. URL consultato il 31 gennaio 2016.
  10. ^ a b c (NL) D-day eredivisie vrouwen, su www.telegraaf.nl, 22 febbraio 2011. URL consultato il 31 gennaio 2016.
  11. ^ (NL) AZ stopt met vrouwen, su www.telegraaf.nl, 23 febbraio 2011. URL consultato il 31 gennaio 2016.
  12. ^ (NL) FC Twente gaat vrouwen betalen, su www.ad.nl, 5 agosto 2011. URL consultato il 31 gennaio 2016.
  13. ^ Approvazione olandese della BeNe League [collegamento interrotto], su knvb.nl. URL consultato il 20 luglio 2014.
  14. ^ (EN) Women's BeNe League to close as Dutch and Belgians rethink strategy, su insideworldfootball.com.
  15. ^ Scozia tra le grandi, UEFA.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Portale Calcio
Portale Paesi Bassi