Finale della UEFA Champions League 2013-2014

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Finale della UEFA Champions League 2013-2014
La cerimonia prepartita allo stadio da Luz di Lisbona, teatro della finale.
Dettagli evento
Competizione UEFA Champions League 2013-2014
Data 24 maggio 2014
Città Lisbona
Impianto di gioco Estádio da Luz
Spettatori 60 976
Risultato
Real Madrid
4
Atlético Madrid
1
Dopo tempi supplementari
Arbitro Björn Kuipers
MVP Ángel Di María
ed. successiva →     ← ed. precedente

La finale della 59ª edizione della Champions League si è tenuta sabato 24 maggio 2014 allo Stadio da Luz di Lisbona, proponendo per la prima volta una stracittadina: a scendere in campo sono state infatti, in un derbi madrileño, le due maggiori squadre di Madrid, l'Atlético Madrid e il Real Madrid.[1]

Il cammino verso la finale[modifica | modifica wikitesto]

Il Real capitò, da testa di serie, nel girone B con Juventus, Galatasaray e Copenaghen.[2] Il primo posto venne conquistato agevolmente, grazie anche alla larga vittoria sui turchi (6-1)[3] e al successo sui campioni d'Italia.[4] L'Atlético, dal canto suo, gareggiò nel gruppo G insieme a Porto, Zenit San Pietroburgo e Austria Vienna: ottenne la qualificazione con due turni d'anticipo.[5]

Nei turni ad eliminazione diretta i Blancos estromisero 3 avversarie tedesche: lo Schalke 04 e le finaliste della precedente stagione, Borussia Dortmund e Bayern Monaco.[6] I Colchoneros sconfissero invece il Milan (l'ultima italiana rimasta in corsa)[7] prima di trovare un'altra connazionale: il Barcellona, battuto con il punteggio complessivo di 2-1. In semifinale, infine, eliminò il Chelsea. Si trattò dunque della prima finale costituita da una sfida stracittadina.[1]

La partita[modifica | modifica wikitesto]

La partita vide il Real Madrid imporre un ottimo gioco ma l'Atlético, nonostante l'abbandono del campo da parte del proprio attaccante Diego Costa dopo soli 9' a causa di un infortunio muscolare, riuscì a passare per primo in vantaggio al 36' grazie ad un colpo di testa di Diego Godín, il quale, trovandosi in mischia all'interno dell'area del Real sugli sviluppi di un calcio d'angolo battuto da Gabi, mise il pallone in rete approfittando dell'uscita a vuoto di Iker Casillas.[8] Nel secondo tempo l'Atlético si chiuse in difesa mentre il Real provò il tutto per tutto, andando molte volte vicino al pareggio senza, però, mai concretizzare le proprie azioni offensive. Il Real agguantò il disperato pareggio solamente al 93', grazie al calcio d'angolo di Luka Modrić che venne ribadito in rete dal colpo di testa di Sergio Ramos, portando il match ai tempi supplementari. Al 110' le sorti della partita si rovesciarono con il Real che passò in vantaggio grazie al colpo di testa di Gareth Bale, abile nell'insaccare in rete una respinta di Thibaut Courtois, avvenuta in seguito ad una fantastica azione di Ángel Di María. Dopo il 2-1, l'Atlético subì il contraccolpo e crollò sia fisicamente che psicologicamente, prendendo altri due gol, quello del 3-1 ad opera di Marcelo al 118' e quello di Cristiano Ronaldo al 120' su rigore che fissò il risultato sul definitivo 4-1, permettendo al Real Madrid di alzare la Décima.[8]

Per la squadra fu il decimo trionfo nella manifestazione, mentre per l'allenatore Ancelotti il terzo (dopo quelli conseguiti sulla panchina del Milan, nel 2003 e 2007).[8]

Tabellino[modifica | modifica wikitesto]

Lisbona
24 maggio 2014, ore 20:45 UTC+2
Real Madrid 4 – 1
(d.t.s.)
referto
Atlético Madrid Estádio da Luz (60 976[9] spett.)
Arbitro Björn Kuipers

Real Madrid
Atlético Madrid
P 1 Iker Casillas (c)
TD 15 Daniel Carvajal
DC 4 Sergio Ramos 27’
DC 2 Raphaël Varane 120+3’
TS 5 Fábio Coentrão 59’
CC 19 Luka Modrić
CC 6 Sami Khedira 45+1’ 59’
CC 22 Ángel Di María
AD 11 Gareth Bale
AC 9 Karim Benzema 79’
AS 7 Cristiano Ronaldo 120+1’
Panchina:
P 25 Diego López
D 3 Pepe
D 12 Marcelo 118’ 59’
D 17 Álvaro Arbeloa
C 23 Isco 59’
C 24 Asier Illarramendi
A 21 Álvaro Morata 79’
Allenatore:
Carlo Ancelotti
P 13 Thibaut Courtois
TD 20 Juanfran 74’
DC 23 Miranda 53’
DC 2 Diego Godín 120’
TS 3 Filipe Luís 83’
CLD 8 Raúl García 27’ 66’
CC 5 Tiago
CC 14 Gabi (c) 100’
CLS 6 Koke 86’
ATT 19 Diego Costa 9’
ATT 9 David Villa 72’
Panchina:
P 1 Daniel Aranzubía
D 12 Toby Alderweireld 83’
C 4 Mario Suárez
C 11 Cristian Rodríguez
C 24 José Ernesto Sosa 66’
C 26 Diego
A 7 Adrián López 9’
Allenatore:
Diego Simeone  120+3’

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Champions League, va in scena la prima finale-derby, su repubblica.it, 1º maggio 2014.
  2. ^ Juventus, Conte: "Un girone duro Ma contro il Real sarà un grande stimolo", su gazzetta.it, 29 agosto 2013.
  3. ^ Ivan Palumbo, Galatasaray-Real Madrid 1-6, Bale in panca? Ci pensa Ronaldo, tris per lui, su gazzetta.it, 17 settembre 2013.
  4. ^ Filippo Maria Ricci, Real Madrid-Juventus 2-1: doppietta di Ronaldo e gol di Llorente. Espulso Chiellini, su gazzetta.it, 23 ottobre 2013.
  5. ^ Stefano Cantalupi, Atletico Madrid agli ottavi: batte l'Austria Vienna e vince il girone, su gazzetta.it, 6 novembre 2013.
  6. ^ Jacopo Gerna, Champions, Bayern Monaco-Real Madrid 0-4: doppiette di Sergio Ramos e Ronaldo, su gazzetta.it, 29 aprile 2014.
  7. ^ Marco Pasotto, Atletico Madrid-Milan 4-1, Diego Costa apre, Kakà illude e poi è notte fonda, su gazzetta.it, 11 marzo 2014.
  8. ^ a b c Jacopo Manfredi, Champions, Real-Atletico 4-1: Ancelotti fa vincere la Decima ai blancos, su repubblica.it, 25 maggio 2014.
  9. ^ Real Madrid CF 4-1 Club Atletico de Madrid (PDF), Union of European Football Associations, 24 maggio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio