Forte Mitterberg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Forte Mitterberg
Werk Mitterberg
Fortificazioni austriache al confine italiano
Il Forte Mitterberg
Ubicazione
Stato  Austria-Ungheria
Stato attuale  Italia
Regione Trentino-Alto Adige
CittàSesto  Bolzano
Coordinate46°41′56.38″N 12°22′06.04″E / 46.698994°N 12.368344°E46.698994; 12.368344Coordinate: 46°41′56.38″N 12°22′06.04″E / 46.698994°N 12.368344°E46.698994; 12.368344
Informazioni generali
TipoForte
Stilestile neoclassico
Altezza1575 m s.l.m.
Costruzione1885-1889
Primo proprietarioImperial regio Esercito
Condizione attualeRestaurato
VisitabileSi
Informazioni militari
UtilizzatoreImpero austro-ungarico
Funzione strategicaControllo della valle di Sesto
Termine funzione strategicasuccessivamente alla prima guerra mondiale
Armamento3 cannoni da 120 mm, Mod 80/96

3 mortai da 150 mm, Mod 78

11 mitragliatrici Montigny 11 mm
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il forte Mitterberg (in tedesco Werk Mitterberg) è un forte austroungarico della Prima guerra mondiale, che si trova presso il paese di Sesto, nella val di Sesto, in Alta Pusteria, in Alto Adige. Il forte appartiene al grande sistema di fortificazioni austriache al confine italiano.

Il forte fu eretto negli anni 1885-1889, ad una quota di 1575 metri, ed assieme al Forte Heideck sbarra l'accesso alla val di Sesto alle truppe italiane che potevano accedere all'Impero austroungarico dal Passo di Monte Croce di Comelico.

Il forte è una struttura di grandi dimensioni, disposto su tre livelli, corazzato con blocchi in granito, difeso da diverse postazioni di artiglieria fisse e vallo difensivo frontale verso il passo di Monte Croce di Comelico.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Il Forte Mitterberg
Foto storica del Forte

Con il Forte Heideck essi andavano a formare la chiusa di Sesto. Non appena il forte fu edificato, esso rappresentava una fortificazione tatticamente moderna, ma dopo che furono sviluppate le granate con forza dirompente e penetrante, il forte perdette la sua modernità, e quindi nel 1909 fu giudicato non più così sicuro.

Fu così che il forte fu disarmato nel gennaio del 1915 e fu trasformato in un deposito, e quindi i suoi pezzi d'artiglieria furono spostati all'aria aperta in una posizione più elevata.

In totale, durante i combattimenti il forte fu bersagliato da circa 160 colpi, ma effettivamente colpito soltanto da 12 colpi di calibro 280.

Negli anni della guerra, il forte fu utilizzato come punto d'appoggio per la fanteria. Per ingannare le truppe italiane, sull'efficienza del forte, i soldati austriaci di giorno facevano il fuoco utilizzando la legna bagnata per produrre un denso fumo nero, mentre durante la notte i soldati tenevano le luci accese.

Dopo la disfatta di Caporetto il forte divenne nel 1918 un quartiere per le emergenze, utilizzato da alcune famiglie di sfollati, mentre attendevano di farsi ricostruire la propria dimora.

Alla fine del conflitto, il forte è stato acquisito dal Demanio Militare italiano, e quindi utilizzato principalmente come deposito.

Alla fine degli anni '60 l'associazione Dolomitenfreunde chiese il permesso per trasformare il forte in un museo, ma il permesso non gli fu concesso.

Negli ultimi anni il comune di Sesto si è interessato ad acquisire la proprietà della fortezza, per poter integrare il forte nelle infrastrutture culturali e storiche del paese.

Armamenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 3 cannoni da 120 millimetri Modello 80/96 in cannoniera ad apertura minima;
  • 3 mortai da 150 millimetri Modello 78 in cupole corazzate, sostituiti all'inizio del secolo con 3 mortai da 100 millimetri;
  • 11 mitragliatrici Montigny calibro 11 millimetri e altri pezzi in posizioni campali.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Portale Alto Adige
Portale Grande Guerra