Giuseppe Gazzaniga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai a: navigazione, cerca
Giuseppe Gazzaniga

Giuseppe Gazzaniga (Verona, 5 ottobre 1743Crema, 1º febbraio 1818) è stato un compositore italiano.

Indice

Biografia

Studiò musica all'insaputa del padre, che lo aveva destinato alla carriera ecclesiastica. Grazie ad alcune raccomandazioni si recò a Venezia, dove incontrò il celebre Nicola Porpora in sosta nella città lagunare durante il suo ritorno verso Napoli. Quindi accompagnò il giovane Gazzaniga a Napoli, dove presso il Conservatorio di Sant'Onofrio a Porta Capuana fu suo insegnante di composizione. Nel 1767 diventò allievo di Niccolò Piccinni e nel 1768 debuttò al Teatro Nuovo di Napoli con l'intermezzo Il barone di Trocchia.

Nel 1770 tornò a Venezia, dove ricevette l'incarico di musicare un'opera per Vienna su libretto di Lorenzo Da Ponte, Il finto cieco. Sebbene il libretto fosse un emerito "pasticcio", come usava definirlo il suo stesso autore, l'opera ebbe successo, tant'è che ebbe parecchie repliche.

Nel 1786 Giuseppe Gazzanica scrive la musica del Don Giovanni su libretto di Bertati che viene rappresentato presso il Teatro Giustiniani di San Moisè di Venezia un anno prima della rappresentazione di Da Ponte-Mozart, come riportato da Arthur Loewemberg nel Grove The Oxfor d Dictionary of Music.

Nel 1791 diventò compositore del duomo di Crema, dove nel 1802 accolse come suo allievo Stefano Pavesi.

Considerazioni sull'artista

Nelle sue memorie Da Ponte scriveva:

Ricevei ordine da' direttori teatrali di scrivere un dramma per Gazzaniga, compositore di qualche merito, ma d'un stile non più moderno. Per isbrigarmi presto, scelsi una commedia francese, intitolata L'aveugle clairvoyant, e ne schiccherai un dramma in pochi giorni, che piacque poco, tanto per le parole che per la musica. Una passioncella per una donna di cinquant'anni, che disturbava la mente di quel brav'uomo, gl'impedì di finire l'opera al tempo fissatogli. Ho dovuto perciò incastrare in un second'atto de' pezzi fatti vent'anni prima; prender varie scene d'altr'opere, tanto sue che d'altri maestri; infine fare un pasticcio, un guazzabuglio, che non avea né capo, né piedi, che si rappresentò tre volte e poi si mise a dormire.

Nonostante le considerazioni di Da Ponte, Gazzaniga dimostrò di essere un compositore ricco di talento e molto apprezzato dai contemporanei; infatti le sue opere (sia buffe che serie), i suoi oratori e le sue cantate furono molto apprezzate in Italia, in Germania e in Inghilterra.

Opere

Opere liriche

Composizioni sacre

Composizioni strumentali


Portale Biografie
Portale Musica classica
© Copyright Wikipedia authors - The articles gathered in this document are under the GFDL licence.
http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html