Gran Premio motociclistico di Gran Bretagna 1984

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
 GP di Gran Bretagna 1984
378º GP della storia del Motomondiale
10ª prova su 12 del 1984
Data 5 agosto 1984
Nome ufficiale Marlboro British Grand Prix
Circuito Circuito di Silverstone
Percorso 4,71 km
Circuito stradale
Risultati
Classe 500
334º GP nella storia della classe
Distanza 28 giri, totale 131,80 km
Pole position Giro veloce
Raymond Roche Randy Mamola
Honda in 1:28.80 Honda
Podio
1. Randy Mamola
Honda
2. Eddie Lawson
Yamaha
3. Ron Haslam
Honda
Classe 250
341º GP nella storia della classe
Distanza 24 giri, totale 113,04 km
Pole position Giro veloce
Manfred Herweh Christian Sarron
Rotax in 1' 33.26 Yamaha
Podio
1. Christian Sarron
Yamaha
2. Andy Watts
EMC
3. Carlos Lavado
Yamaha
Classe 125
328º GP nella storia della classe
Distanza 20 giri, totale 94,2 km
Pole position Giro veloce
Bruno Kneubühler Ángel Nieto
MBA in 1:39.54 Garelli
Podio
1. Ángel Nieto
Garelli
2. Jean-Claude Selini
MBA
3. Fausto Gresini
Garelli
Classe sidecar
231º GP nella storia della classe
Distanza 20 giri
Pole position Giro veloce
Rolf Biland Rolf Biland
LCR-Yamaha LCR-Yamaha
Podio
1. Egbert Streuer
LCR-Yamaha
2. Rolf Biland
LCR-Yamaha
3. Werner Schwärzel
LCR-Yamaha

Il Gran Premio motociclistico di Gran Bretagna 1984 fu il decimo appuntamento del motomondiale 1984.

Si svolse il 5 agosto 1984 sul circuito di Silverstone e vide la vittoria di Randy Mamola nella classe 500, di Christian Sarron nella classe 250, di Ángel Nieto nella classe 125 e di Egbert Streuer nella classe sidecar[1][2].

Al termine del Gran Premio lo spagnolo Ángel Nieto ha avuto la certezza matematica del suo 13º titolo iridato.

Classe 500[modifica | modifica wikitesto]

Con il secondo posto ottenuto in questa gara, lo statunitense Eddie Lawson è ormai a un passo dal titolo mondiale, perdurando oltremodo l'assenza del maggior rivale Freddie Spencer infortunatosi in una gara negli Stati Uniti d'America, avendo 23 punti di vantaggio a due gare dal termine.

La prova è stata vinta da un altro statunitense, Randy Mamola, al secondo successo della stagione, e al terzo posto è giunto il britannico Ron Haslam[2].

Arrivati al traguardo[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Moto Tempo Griglia Punti
1 Randy Mamola Honda 42.18.64 4 15
2 Eddie Lawson Yamaha 42.21.09 3 12
3 Ron Haslam Honda 42.36.90 5 10
4 Virginio Ferrari Yamaha 42.54.55 6 8
5 Barry Sheene Suzuki 42.55.11 7 6
6 Wayne Gardner Honda 43.07.89 13 5
7 Robert McElnea Suzuki 43.28.42 12 4
8 Takazumi Katayama Honda 43.28.45 19 3
9 Roger Marshall Honda 43.28.58 14 2
10 Christian Le Liard Chevallier 43.32.96 22 1
11 Franco Uncini Suzuki 43.33.19 10
12 Reinhold Roth Honda 43.43.78 15
13 Keith Huewen Suzuki 43.48.94 29
14 Mark Salle Suzuki 43.49.06 25
15 Paul Iddon Suzuki 43.49.36 28
16 Steve Parrish Yamaha 43.50.89 18
17 Mick Grant Suzuki 1 giro 17
18 Fabio Biliotti Honda 1 giro 21
19 Boet van Dulmen Suzuki 1 giro 9
20 Trevor Nation Suzuki 1 giro 37
21 Graham Wood Yamaha 1 giro 26
22 Simon Buckmaster Suzuki 1 giro 35
23 Rob Punt Suzuki 1 giro 36
24 Mile Pajic Honda 1 giro 42
25 Massimo Broccoli Honda 1 giro 38
26 Louis-Luc Maisto Honda 2 giri 43
27 Paolo Ferretti Suzuki 2 giri 40
28 Christoph Bürki Suzuki 2 giri 39
29 Lorenzo Ghiselli Suzuki 2 giri 33
30 Alan Irwin Suzuki 6 giri 41

Ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Moto Motivo Griglia
Didier de Radiguès Chevallier 2
David Griffith Suzuki 34
Paul Lewis Suzuki 8
Wolfgang von Muralt Suzuki 16
Klaus Klein Suzuki 23
Gary Lingham Suzuki 31
Leandro Becheroni Suzuki 11
Henk van der Mark Honda 32
Raymond Roche Honda 1
Sergio Pellandini Suzuki 20
Roger Burnett Suzuki 30
Joey Dunlop Honda 24

Classe 250[modifica | modifica wikitesto]

Il francese Christian Sarron ha qui ottenuto la sua terza vittoria stagionale, consolidando il primato in classifica che comanda con 27 punti di vantaggio sul tedesco Manfred Herweh, qui costretto al ritiro.

Alle altre due posizioni del podio sono giunti lo spagnolo Sito Pons e il venezuelano Carlos Lavado, battuti da Sarron in volata. Tra l'altro anche altri tre piloti sono giunti al traguardo staccati di meno di un secondo dal vincitore[1].

Arrivati al traguardo[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Moto Tempo Griglia Punti
1 Christian Sarron Yamaha 38.03.90 3 15
2 Andy Watts EMC 38.04.14 11 12
3 Carlos Lavado Yamaha 38.04.37 4 10
4 Jean-François Baldé Pernod 38.04.54 2 8
5 Martin Wimmer Yamaha 38.04.64 5 6
6 Sito Pons Rotax 38.04.65 7 5
7 Harald Eckl Rotax 38.15.76 10 4
8 Jean-Michel Mattioli Yamaha 38.16.01 21 3
9 Jacques Cornu Yamaha 38.28.67 18 2
10 Teruo Fukuda Yamaha 38.28.70 14 1
11 Anton Mang Yamaha 38.28.88 16
12 Herbert Besendörfer Yamaha 38.28.89 12
13 Jacques Bolle Pernod 38.30.85 29
14 Wayne Rainey Yamaha 38.31.38 19
15 Donnie McLeod Yamaha 38.45.90 32
16 Thierry Rapicault Yamaha 39.00.45 24
17 Karl-Thomas Grässel Yamaha 39.01.16 25
18 Siegfried Minich Yamaha 39.01.23 28
19 Patrick Fernandez Yamaha 39.04.62 27
20 Paul Tinkler Yamaha 39.11.98 39
21 René Delaby Yamaha 39.28.28 42
22 Graeme McGregor EMC 39.32.95 34
23 Bruno Lüscher Yamaha 39.32.96 35
24 Jean-Louis Guignabodet Yamaha 39.33.18 41
25 Graham Young Rotax 1 giro 33
26 Gary Noël EMC 1 giro 37
27 Manfred Obinger Yamaha 1 giro 40
28 Niall Mackenzie Armstrong 1 giro 26

Ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Moto Motivo Griglia
Manfred Herweh Rotax 1
Guy Bertin MBA 8
Alan Carter Yamaha 9
Richard Hubin Yamaha 13
Stéphane Mertens Yamaha 15
Thierry Espié Chevallier 17
Roland Freymond Yamaha 20
Carlos Cardús Rotax 6
August Auinger Monnet 22

Classe 125[modifica | modifica wikitesto]

Ángel Nieto ottiene matematicamente il titolo iridato dopo aver ottenuto la sesta vittoria in sei gare disputate; in questo caso alle sue spalle sono giunti il francese Jean-Claude Selini e l'italiano Fausto Gresini[1].

Arrivati al traguardo[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Moto Tempo Griglia Punti
1 Ángel Nieto Garelli 33.43.58 7 15
2 Jean-Claude Selini MBA 33.49.21 3 12
3 Fausto Gresini Garelli 33.49.51 10 10
4 Bruno Kneubühler MBA 33.49.69 1 8
5 Maurizio Vitali MBA 34.07.13 6 6
6 Luca Cadalora MBA 34.07.28 30 5
7 Olivier Liegeois MBA 34.07.43 12 4
8 Stefano Caracchi MBA 34.22.41 8 3
9 Johnny Wickström MBA 34.23.52 17 2
10 Jacky Hutteau MBA 34.42.11 18 1
11 Anton Straver MBA 34.50.85 16
12 Ezio Gianola MBA 34.59.99 13
13 Domenico Brigaglia MBA 34.59.99 20
14 Mike Leitner MBA 35.17.40 24
15 Willi Hupperich Seel 35.24.25 23
16 Alojz Pavlič MBA 35.27.04 26
17 Tony Smith Casal 1 giro 25
18 Helmut Lichtenberg MBA 1 giro 27
19 Thomas Pedersen MBA 1 giro 29
20 Giuseppe Ascareggi MBA 1 giro 32
21 Ian McConnachie Arfryn 1 giro 31
22 Peter Sommer MBA 1 giro 33
23 Doug Flather MBA 1 giro 34
24 Robert Hmeljak MBA 1 giro 36
25 Steve Mason MBA 1 giro 37

Ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Moto Motivo Griglia
Henk van Kessel MBA 4
Eugenio Lazzarini Garelli 5
Hans Müller MBA 9
Willy Pérez MBA 11
Alex Bedford MBA 14
Lucio Pietroniro MBA 15
Peter Balaz MBA 19
Robin Appleyard MBA 21
Neil Robinson MBA 22
Beat Sidler MBA 28
Jacques Grandjean MBA 35
August Auinger MBA 2

Classe sidecar[modifica | modifica wikitesto]

L'equipaggio leader della classifica Egbert Streuer-Bernard Schnieders vince la penultima gara stagionale battendo Rolf Biland-Kurt Waltisperg dopo un duello ravvicinato. Si piazzano terzi e quarti i principali contendenti al titolo, Schwärzel-Huber e Michel-Fresc; Streuer può così arrivare all'ultima gara con un vantaggio di 7 punti su Schwärzel e di 12 punti su Michel, mentre Biland, campione uscente, è matematicamente fuori dalla lotta[3].

Arrivati al traguardo (posizioni a punti)[4][modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Passeggero Moto Tempo Punti
1 Egbert Streuer Bernard Schnieders LCR-Yamaha 31'10"21[5] 15
2 Rolf Biland Kurt Waltisperg LCR-Yamaha 31'10"55 12
3 Werner Schwärzel Andreas Huber LCR-Yamaha 31'19"61 10
4 Alain Michel Jean-Marc Fresc LCR-Yamaha 31'57"26 8
5 Derek Jones Brian Ayres LCR-Yamaha 31'59"10 6
6 Masato Kumano Helmut Diehl LCR-Yamaha 32'10"77 5
7 Rolf Steinhausen Wolfgang Kalauch Busch-Yamaha 4
8 Mick Boddice Chas Birks LCR-Yamaha 3
9 Theo van Kempen Geral de Haas LCR-Yamaha 2
10 René Progin Yvan Hunziker LCR-Yamaha 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (ES) Nieto ya tiene su 13° titulo, El Mundo Deportivo, 6 agosto 1984. URL consultato il 22 aprile 2016.
  2. ^ a b Lawson a un solo passo dal mondiale, La Stampa, 6 agosto 1984. URL consultato il 22 aprile 2016.
  3. ^ (NL) Streuer en Schnieders op fluweel na zege, Nieuwsblad van het Noorden, 6 agosto 1984, p. 17. URL consultato il 10 novembre 2017.
  4. ^ Tabella dei risultati su racingmemo.free, racingmemo.free.fr. URL consultato il 16 giugno 2016.
  5. ^ (FR) Résultats du GP d'Angleterre, Nouvelliste, 6 agosto 1984, p. 11. URL consultato il 10 novembre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Motomondiale - Stagione 1984
 

Edizione precedente:
1983
Gran Premio motociclistico di Gran Bretagna
Altre edizioni
Edizione successiva:
1985
Portale Moto
Portale Sport