Incontrollabili Serpenti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Incontrollabili Serpenti
Paese d'origine  Italia
GenereNew wave
Musica elettronica
Periodo di attività musicale1985 – 1993
2016 – in attività
EtichettaHiara Record, CGD, Ala Bianca/River Nile, Toast Records, OlgaDischiVolanti
Album pubblicati3
Sito ufficiale

Incontrollabili Serpenti è un gruppo musicale italiano new wave formato a Modena nel 1985[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Cristina Luppi (voce), Enrico "Era" Degli Esposti (basso) nel 1985, insieme a Giambo (chitarra) e Bernardo Grimaudo (batteria) fondano gli Incontrollabili Serpenti, gruppo nato inizialmente con l'intento di produrre colonne sonore per eventi associati alla proiezione di diapositive fotografiche a tema, divenuto solo successivamente gruppo vero e proprio con interprete vocale. Incontrollabili Serpenti esordisce discograficamente nel 1986 con il mini album Extasi (Hiara Records)[2]. Il lavoro contribuirà ad allargare progetti e visioni sonore, e in questo periodo venne deciso di inserire un tastierista con velleità dark elettroniche. Nello stesso anno entra Costantino Caracostas alle tastiere.

Attorno al progetto, nel tempo, si alternarono diversi elementi, ma soltanto Era e Cristina saranno il costante motore del gruppo durante tutto l'intero periodo di attività fino ad oggi.[3]

Nel 1988 per la Hiara Records registrano Midnight Time, brano "multilingue" presentato in varie partecipazioni televisive finalizzate alla manifestazione Sanremo Rock 1987 e inserito nella relativa compilation[2]. Midnight Time farà parte anche del loro primo album Biancaneve e Gorbaciov uscito nel 1988[1], registrato e prodotto artisticamente con Romano Trevisani. Alle registrazioni dell'album partecipa come chitarra e fonico Gaetano Pellino, che si inserirà successivamente nell'organico del gruppo nelle esibizioni dal vivo.

Sempre nel 1988 un brano estratto da quell'album viene inserito anche nella compilation Sanremo Rock 88, pubblicata in seguito. Incontrollabili Serpenti partecipano alla manifestazione dal vivo tenuta al teatro tenda di Sanremo Palarock insieme a buona parte dei gruppi più rappresentativi della nuova ondata musicale di quel periodo.

Nel 1990 esce, sempre con la collaborazione artistica di Romano Trevisani, Attenti all'uomo, prodotto da Ala Bianca/River Nile e distribuito da CGD[2]. L'album viene distribuito anche all'estero per il mercato orientale.

La loro prima attività discografica si ferma nel 1993 con l'edizione speciale di un mini-album prodotto dalla torinese Toast Records, Incontrollabili Serpenti. Per l'occasione entra nella formazione il tastierista Nicola Cursi. Da Cimice, uno dei brani del mini- album, viene tratto un video per il circuito indipendente. Il brano sarà inoltre pubblicato in una versione in inglese nel numero 11/12 dell'audiorivista Punto Zero[2].

Successivamente Enrico e Cristina divengono i produttori artistici ed esecutivi nel campo audio/video dell'etichetta discografica OlgaDischiVolanti. I due fondatori del gruppo nel 2017 registrano l'EP Black-Out, in collaborazione con il poeta Andrea Giglio, primo passo del nuovo progetto Endless Album/Time doesn't exist, LP composto da diversi brani singoli che non usciranno contemporaneamente ma slegati nel tempo.

Stile Musicale[modifica | modifica wikitesto]

Gli Incontrollabili Serpenti rappresentano "una delle formazioni più singolari" ascrivibile in parte alla rock wave / post-punk italiano[2]. I temi affrontati nelle canzoni furono spesso tagliati su delle problematiche ambientaliste. La musica assume spesso tinte darkwave, com'era comune negli anni ottanta.

Al termine della prima produzione discografica il gruppo provò anche strade più sperimentali, come ad esempio inserire atmosfere elettroniche in alcune loro canzoni. La contaminazione e scoperta dell'elettronica diventerà in seguito esplorazione sonora utilizzata frequentemente negli arrangiamenti dei loro progetti musicali.[3]

OlgaDischiVolanti[modifica | modifica wikitesto]

Cristina Luppi ed Enrico Degli Esposti nel 1997 sono tra i fondatori dell'etichetta discografica indipendente Olga, che come primo lavoro ha prodotto l'album solista di Fatur, ex CCCP Fedeli alla linea, L'amour (1997), seguiti poi da Faturismo (2000) e Cesso 2012 (2012), oltre ai lavori di Milch, Bob Lugli e DJ Morgen Schroeder. Dal 2009 l'etichetta, sotto la guida di Enrico e Cristina, continua la sua attività tuttora in corso di produzioni audio-video con il nome di OlgaDischiVolanti.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Formazione attuale[modifica | modifica wikitesto]

  • Cristina Luppi - voce (1985-attualmente)
  • Enrico "Era" Degli Esposti - basso, chitarra (1985-attualmente)

Ex componenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Giambo - chitarra (1985-87)
  • Bernardo Grimaudo - batteria (1985-91)
  • Gaetano Pellino - chitarra (1987-91)
  • Costantino Caracostas - tastiere (1987-91)
  • Luka - chitarra (1991-93)
  • Nicola Cursi - tastiere (1993-95)
  • Daniele Tedeschi - batteria (1991-93)
  • Romano Trevisani - chitarra, tastiere (1988-93)

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

  • 1988 - Biancaneve e Gorbaciov
  • 1991 - Attenti all'uomo
  • 1993 - Incontrollabili Serpenti

EP[modifica | modifica wikitesto]

  • 1986 - Extasi
  • 2018 - Demo in casa Trevisani EP

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 2017 - Black-Out
  • 2017 - Co-Zone 2
  • 2018 - Io non so - I Don't Know
  • 2018 - Aids of State Make love – Not War

Partecipazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • 1987 - AA.VV. Sanremo Rock
  • 1988 - AA.VV. Sanremo Rock 88
  • 1993 - AA.VV. Punto Zero n.11/12
  • 2003 - AA.VV. Band In Italy - Fuori dalle cantine

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cesare Rizzi (a cura di), Enciclopedia del rock italiano, Milano, Arcana, 1993, p. 404, ISBN 8879660225.
  • Arturo Compagnoni, Le guide pratiche di Rumore. Italia '80, Pavia, Apache Edizioni, 2004.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock