Medaglia di servizio per militari tirolesi del 1797

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Medaglia di servizio per militari tirolesi del 1797
Erinnerungsmedaille für die Tiroler Verteidiger

Sacro Romano Impero
Tipo Medaglia militare
Status cessato
Capo Francesco II del Sacro Romano Impero
Istituzione Vienna, 1797
Cessazione Vienna, 1797
Concessa a soldati e ufficiali tirolesi dell'esercito imperiale
Concessa per partecipazione alla difesa del Tirolo nel 1797
Incisore N. Wirt
Firma incisore I. N. WIRT. F.
Diametro grande 39mm, piccola 35mm
Gradi argento
Onorificenze austriache

Nastro della medaglia

La medaglia di servizio per militari tirolesi del 1797 fu una medaglia di benemerenza dell'Impero austriaco.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La medaglia venne istituita nel 1797 dall'imperatore Francesco II per ricompensare tutto il personale militare tirolese che fosse stato impegnato nella difesa dei confini del Tirolo dall'avanzata Napoleone Bonaparte verso l'Austria. Per quanto la medaglia possa apparire per concessione simile a quella coniata nel 1796, questa fu molto più diffusa dal momento che molte più persone parteciparono alla difesa del Tirolo rispetto alla chiamata alle armi dell'anno precedente, dal momento che per la prima volta l'esercito francese arrivò a toccare i confini dell'Austria propriamente detta.

Insegne[modifica | modifica wikitesto]

La medaglia consisteva in un disco circolare d'argento che riportava, sul diritto, il volto dell'imperatore Francesco I voltato a destra, coronato d'alloro ed accompagnato dalla scritta FRANZ II R. K. ERZH. ZU OEST. GEG. GRAF VON TYROL. TYROLIS con sotto la firma dell'incisore I. N. WIRT. F. Sul retro, al centro, la medaglia riportava una corona d'alloro con all'interno il seguente testo DEN / TAPFERN VERTHEIDIGERN / DES / VATERLANDS / MDCCXCVI.

Il nastro della medaglia era giallo con un filetto nero per parte ed uno centrale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Johann Stolzer/Christian Steeb Österreichs Orden vom Mittelalter bis zur Gegenwart, Akademische Druck- und Verlagsanstalt Graz, ISBN 3-201-01649-7