Oriundi d'Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

« L'uomo ch'è venuto da lontano
ha la genialità di uno Schiaffino
ma religiosamente tocca il pane
e guarda le sue stelle uruguaiane.
Ah Sudamerica... »

(Paolo Conte, Sud America)
La comunità italiana durante la festa nazionale dell'immigrante, evento che si celebra nella città di Oberá in Argentina nei primi 15 giorni di settembre, a cui partecipano tutte le comunità argentine che sono discendenti di immigrati

Gli oriundi d'Italia sono i discendenti degli emigrati italiani che nel corso dei secoli sono espatriati all'estero senza fare più ritorno in Italia. Si stima che il loro numero nel mondo sia compreso tra i 60 e gli 80 milioni[1]. Gli oriundi italiani possono essere in possesso, oltre che della cittadinanza del Paese di nascita, anche della cittadinanza italiana.

Generalità[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Emigrazione italiana e Oriundo.
Tre dei più famosi oriundi italiani, José Altafini, Antonio Angelillo e Omar Sívori; di origine argentina e brasiliana, sono qui fotografati nel 1961 con la maglia azzurra dell'Italia

Nel XIX secolo e nel XX secolo, quasi 30 milioni di italiani hanno lasciato l'Italia con destinazioni principali le Americhe, l'Australia e l'Europa occidentale.[2] Si stima che il numero dei loro discendenti, che sono chiamati "oriundi italiani", sia compreso tra i 60 e gli 80 milioni[3]. Sono diffusi in differenti nazioni del mondo: le comunità più numerose sono in Brasile, Argentina, e Stati Uniti d'America. Si consideri che un oriundo può avere anche solo un antenato lontano nato in Italia, quindi la maggioranza degli oriundi ha solo il cognome italiano (e spesso neanche quello) ma non la cittadinanza italiana. In molti Paesi, specialmente del Sud America, le stime sono molto approssimative poiché non esiste alcun tipo di censimento sulle proprie origini (come accade invece negli Stati Uniti o in Canada).

In Italia, nazione in cui il fenomeno dell'emigrazione verso l'estero (soprattutto a cavallo fra il XIX e il XX secolo) si è sviluppato in proporzioni ingenti, il recupero del rapporto con le comunità di origine italiana formatesi nel mondo gode di crescente attenzione. Cominciano a essere emanate norme, particolarmente in ambiti regionali, che prevedono assistenza non più e non solo per coloro che sono nati in Italia e che espatriarono, ma anche per i loro discendenti (appunto gli oriundi), affinché si possa consolidare il legame identitario culturale d'origine. Ne è un esempio la legge della regione Veneto n°2 del 9 gennaio 2003[4], nella quale si dispongono diverse azioni in favore dell'emigrato, del coniuge superstite e dei discendenti fino alla terza generazione, al fine di «garantire il mantenimento della identità veneta e migliorare la conoscenza della cultura di origine».

Di oriundi si è trattato normativamente anche a proposito di emigrazione interna[5]. A tal proposito raggiunse una certa notorietà il caso della regione Trentino-Alto Adige, il cui vice commissario di governo istituì nel 1955[6] un corso di preparazione per la carica di segretario comunale riservato ai cittadini italiani oriundi della provincia di Bolzano. Causa un ricorso avverso il decreto, fu sollevata una questione di legittimità costituzionale della legge 9 agosto 1954, n. 748, del quale il decreto era l'applicazione; la Corte costituzionale dichiarò infondata la questione[7] consentendo di fatto la prima norma che qualificava giuridicamente l'oriundo e ne ammetteva un trattamento particolare.[8]

Parata del Columbus Day a New York

Gli oriundi italiani costituiscono una popolazione di proporzioni assai cospicue. Solo in Argentina, secondo una stima,[9] vi sarebbero decine di milioni di oriundi italiani[10] e non meno nutrite sono le comunità negli Stati Uniti d'America e in Brasile, altre principali destinazioni del citato flusso migratorio a cavallo del Novecento. In molti altri Paesi europei le comunità italiane sono diffusamente distribuite, ma almeno nell'area Schengen la caduta di molte barriere nazionalistiche rende assai meno stringente il problema dei rapporti con la madrepatria. I concetti di multietnicità e naturalizzazione nel calcio hanno interessato l'intero mondo, tanto che ai Mondiali 2014 - nelle rose delle 32 Nazionali partecipanti - si contavano 83 oriundi[11].

Festeggiamenti alla Little Italy di New York per la vittoria della nazionale italiana di calcio ai campionati mondiali del 2006

Il termine "oriundo" è diffusamente usato per indicare un atleta, specialmente giocatore di calcio, rugby, calcio a 5, hockey su ghiaccio e su pista e pallacanestro di nazionalità straniera ma di origine italiana, equiparato nella normativa sportiva ai cittadini della penisola e perciò ammesso a far parte della squadra nazionale azzurra; è il caso dei calciatori Anfilogino Guarisi, Atilio Demaría, Luis Monti, Enrique Guaita e Raimundo Orsi campioni del mondo con la Nazionale nel 1934, di Michele Andreolo campione del mondo nel 1938 e di Mauro Germán Camoranesi, campione del mondo nel 2006, e di diversi altri calciatori a partire dagli anni 1930 fino a oggi.

Uno degli eventi più sentiti dagli oriundi italiani nelle Americhe è il Columbus Day (it. "Giorno di Colombo"), festa celebrata in molti Paesi per commemorare il giorno dell'arrivo di Cristoforo Colombo nel Nuovo Mondo il 12 ottobre 1492. Feste simili, celebrate come Día de las Culturas (it. "Giorno delle culture") in Costa Rica, Discovery Day (it. "Giorno della scoperta") nelle Bahamas, Día de la Hispanidad (it. "Giorno della Ispanità") in Spagna, e rinominato da poco (nel 2002) Día de la Resistencia Indígena (it. "Giorno della resistenza indigena") in Venezuela, la Giornata Nazionale di Cristoforo Colombo in Italia[12], commemorano lo stesso evento. Il Columbus Day è stato celebrato per la prima volta da italiani a San Francisco nel 1869, seguendo le molte celebrazioni legate all'Italia che venivano organizzate a New York. Gli italoamericani sentono molto questa festività e sono particolarmente orgogliosi del fatto che sia stato Cristoforo Colombo, un navigatore italiano, il primo europeo a scoprire il continente americano.

Le comunità di oriundi italiani nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

Principali comunità di oriundi italiani nel mondo
Nazione Oriundi Comunità Note
 Brasile 27 200 000 (circa 13% pop. totale) italo-brasiliani (categoria) [13][14]
 Argentina 19 700 000 (circa 47% pop. totale) italo-argentini (categoria) [2][15]
 Stati Uniti 17 250 000 (circa 6% pop. totale) italoamericani (categoria) [16]
 Francia 4 000 000 (circa 6% pop. totale) italo-francesi (categoria) [2][17]
 Colombia 2 000 000 (circa 4,3% pop. totale) italo-colombiani (categoria) [18]
 Canada 1 445 335 (circa 4% pop. totale) italo-canadesi (categoria) [19]
 Perù 1 400 000 (circa 3% pop. totale) italo-peruviani (categoria) [20]
 Uruguay 1 200 000 (circa 35% pop. totale) italo-uruguaiani (categoria) [2][21]
 Venezuela 1 000 000 (circa 3% pop. totale) Italo-venezuelani (categoria) [22]
 Australia 916 000 (circa 4% pop. totale) italo-australiani (categoria) [23]
 Messico 850 000 ( 1% pop. totale) italo-messicani (categoria)
 Germania 700 000 ( 1% pop. totale) italo-tedeschi (categoria) [3]
 Svizzera 527 817 (circa 7% pop. totale) italo-svizzeri (categoria) [3]
 Regno Unito 500 000 ( 1% pop. totale) italo-britannici (categoria)
 Belgio 290 000 (circa 2,6% pop. totale) italo-belgi (categoria) [24]
 Cile 150 000 ( 1% pop. totale) Italo-cileni (categoria) [25]
 Paraguay 100 000 (circa 1,4% pop. totale) Italo-paraguaiani (categoria)

Va precisato che queste stime si riferiscono agli oriundi, e quindi non tengono conto degli italiani residenti all'estero, che sono invece censiti dall'anagrafe degli italiani residenti all'estero (AIRE)[26].

Altre comunità di oriundi italiani degne di nota sono gli italo-tunisini, gli italo-egiziani, gli italo-marocchini, gli italo-algerini, gli italo-sudafricani, gli italo-boliviani, gli italo-dominicani, gli italo-portoricani, gli italo-austriaci, gli italo-bosniaci, gli italo-greci, gli italo-islandesi, gli italo-levantini, gli italo-lussemburghesi, gli italo-romeni, gli italo-sammarinesi, gli italo-svedesi, gli italo-libanesi, gli italo-neozelandesi, gli italo-libici, gli italo-eritrei, gli italo-etiopici e gli italo-somali.

Sportivi oriundi ammessi nelle Nazionali italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nel calcio[modifica | modifica wikitesto]

Calciatore Paese di origine Nazionale maggiore Under 23[27] Under 21[28]
Gare Reti Gare Reti Gare Reti
Ermanno Aebi  Svizzera 2 3 0 0 0 0
José Altafini  Brasile 6 5 0 0 2 3
Amauri  Brasile 1 0 0 0 0 0
Michele Andreolo  Uruguay 26 1 0 0 0 0
Antonio Angelillo  Argentina 2 1 0 0 1 0
Cristian Battocchio  Argentina 0 0 0 0 7 2
Mauro Germán Camoranesi  Argentina 55 5 0 0 0 0
Renato Cesarini  Argentina 11 3 0 0 0 0
Arturo Chini Ludueña  Argentina 0 0 6 4 0 0
Dino da Costa  Brasile 1 1 1 0 0 0
Alessandro De Maria  Brasile 0 0 2 3 0 0
Atilio Demaría  Argentina 13 3 4 4 0 0
Alfredo De Vincenzi  Argentina 0 0 1 0 0 0
Ricardo Faccio  Uruguay 5 0 2 0 0 0
Octavio Fantoni  Brasile 1 0 0 0 0 0
Francisco Fedullo  Uruguay 2 3 4 3 0 0
Emanuel Fillola  Uruguay 0 0 3 1 0 0
Eddie Firmani  Sudafrica 3 2 1 0 0 0
Enrique Flamini  Argentina 0 0 1 0 0 0
Fernando Forestieri  Argentina 0 0 0 0 2 0
Francesco Frione  Uruguay 0 0 4 1 0 0
Elisio Gabardo  Brasile 0 0 1 0 0 0
Alcides Ghiggia  Uruguay 5 1 0 0 0 0
Enrique Guaita  Argentina 10 5 1 2 0 0
Anfilogino Guarisi  Brasile 6 1 2 1 0 0
Paulo Innocenti  Brasile 0 0 4 0 0 0
Jorginho  Brasile 2 0 0 0 0 0
Cristian Daniel Ledesma  Argentina 1 0 0 0 0 0
Julio Libonatti  Argentina 17 15 0 0 0 0
Francisco Lojacono  Argentina 8 5 2 0 0 0
Cesare Lovati  Argentina 6 0 0 0 0 0
Rinaldo Martino  Argentina 1 0 0 0 0 0
Éder  Brasile 12 3 0 0 0 0
Ernesto Mascheroni  Uruguay 2 0 0 0 0 0
Humberto Maschio  Argentina 2 0 1 0 0 0
Luis Monti  Argentina 18 1 0 0 0 0
Miguel Montuori  Argentina 12 2 0 0 0 0
Giovanni Moscardini  Scozia 9 7 0 0 0 0
Eugenio Mosso  Argentina 1 0 0 0 0 0
Thiago Motta  Brasile 28 1 0 0 0 0
Raimundo Orsi  Argentina 35 13 0 0 0 0
Pablo Osvaldo  Argentina 14 4 4 1 8 1
Gabriel Paletta  Argentina 3 0 0 0 0 0
Bruno Pesaola  Argentina 1 0 6 0 0 0
Roberto Porta  Uruguay 1 0 1 0 0 0
Héctor Puricelli  Uruguay 1 1 0 0 0 0
Eduardo Ricagni  Argentina 3 2 0 0 0 0
Alessandro Renica  Francia 0 0 0 0 8 0
Humberto Rosa  Argentina 0 0 1 0 0 0
Attila Sallustro  Paraguay 2 1 2 1 0 0
Raffaele Sansone  Uruguay 3 0 3 0 0 0
Ezequiel Schelotto  Argentina 1 0 0 0 7 0
Juan Alberto Schiaffino  Uruguay 4 0 0 0 0 0
Alessandro Scopelli  Argentina 1 0 0 0 0 0
Pedro Sernagiotto  Brasile 0 0 1 0 0 0
Enrique Omar Sívori  Argentina 9 8 0 0 0 0
Angelo Benedicto Sormani  Brasile 7 2 1 1 0 0
Ulisse Uslenghi  Uruguay 0 0 1 0 0 0
Franco Vázquez  Argentina 2 0 0 0 0 0

Nel rugby[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte di essi è di origine argentina, ma vi sono anche neozelandesi, francesi, sudafricani e australiani. L'elenco che segue contiene solo gli oriundi stricto sensu, ovvero coloro che, pur nati all'estero e titolari di un'altra cittadinanza, hanno diritto a quella italiana per diritto di ascendenza (ovvero, che abbiano un ascendente italiano nel proprio albero genealogico). Non sono quindi ivi compresi coloro che hanno acquisito la cittadinanza italiana per cause varie quali naturalizzazione o matrimonio né coloro che sono idonei a giocare per la Nazionale italiana secondo la normativa dell'International Rugby Board, che permette a qualsiasi giocatore - non preventivamente schierato a livello maggiore per la sua federazione di origine - di poter essere utilizzato a livello internazionale dalla federazione in qualsiasi dei suoi club abbia militato per almeno tre stagioni. In quest'ultimo caso si parla di "equiparati".[29][30]

Nome Paese d'origine
Matías Agüero  Argentina
Keanu John Apperley  Inghilterra
Grégory Arganese  Francia
Robert Barbieri  Canada
David Bortolussi  Francia
Steven Bortolussi  Australia
Kris Burton  Australia
Gonzalo Canale  Argentina
Pablo Canavosio  Argentina
Martín Castrogiovanni  Argentina
Santiago Dellapè  Argentina
Diego Domínguez  Argentina
Carlo Antonio del Fava  Sudafrica
Julian Gardner  Australia
Mark Giacheri  Australia
Craig Gower  Australia
Paul Griffen  Nuova Zelanda
Luke McLean  Australia
Jean-François Montauriol  Francia
Alejandro Cristian Moreno  Argentina
Marco Neethling  Sudafrica
Carlos Nieto  Argentina
Luciano Orquera  Argentina
Sergio Parisse  Argentina
Aaron Persico  Nuova Zelanda
Javier Pértile  Argentina
Ramiro Pez  Argentina
Matthew Phillips  Nuova Zelanda
Matt Pini  Australia
Federico Pucciarello  Argentina
Kaine Robertson  Nuova Zelanda
Josh Sole  Nuova Zelanda
Marko Stanojevic  Inghilterra
Cristian Stoica  Romania
Laurent Travini  Francia
Nick Zisti  Australia

Nell'hockey su ghiaccio[modifica | modifica wikitesto]

Ancora più massiccio che nel calcio è stato il ricorso a giocatori oriundi nell'hockey su ghiaccio italiano. E molto numerosi sono i giocatori oriundi (perlopiù canadesi e statunitensi) ad avere indossato la maglia azzurra.

A titolo di esempio, si può citare il roster dell'Italia ai Giochi di Nagano 1998:

In totale, dunque, 15 giocatori su 23 avevano il doppio passaporto. Col tempo il ricorso agli oriundi è stato limitato dalla FISG, restando comunque forte: ancora ai Giochi di Torino 2006, gli oriundi erano 11 (9 canadesi, 2 statunitensi), ai Mondiali dello stesso anno 6.

Nella seguente lista si elencano gli oriundi che hanno vestito la maglia azzurra in competizioni ufficiali. Vengono indicate le edizioni dei Campionati del Mondo[31] e dei Giochi Olimpici Invernali a cui hanno preso parte.

Oriundi canadesi[modifica | modifica wikitesto]

Nome Paese d'origine Olimpiadi Campionati del Mondo
Scott Beattie  Canada   1996, 2001
John Bellio  Canada   1982
James Camazzola  Canada 1992, 1994 1992
Bruno Campese  Canada 1994 1993, 1994, 1995, 1999
Mario Chitaroni  Canada 1998, 2006 1992, 1993, 1994, 1995, 1996, 1997, 1998, 2000, 2001, 2007, 2008
Joe Ciccarello  Canada   1999
Anthony Circelli  Canada 1992, 1994 1992, 1993, 1994, 1995
Alfredo Coletti  Canada   1959
Jim Corsi  Canada   1982, 1983
Stefano Figliuzzi  Canada 1994, 1998 1992, 1994, 1995, 1996
Robert Ginnetti  Canada 1992 1992
Anthony Iob  Canada 2006 1997, 1998, 2001
Emilio Iovio  Canada 1992, 1994 1982, 1992, 1993, 1994
Bob Manno  Canada 1992 1982
Maurizio Mansi  Canada 1994, 1998 1992, 1993, 1995, 1996, 1997, 1998, 1999, 2000, 2001, 2002
Tom Milani  Canada 1984 1982, 1983
Jason Muzzatti  Canada 2006 2006, 2007
Frank Nigro  Canada 1992  
Gaetano Orlando  Canada 1994, 1998 1992, 1993, 1994, 1995, 1996, 1997, 1998, 1999
John Parco  Canada 2006 2006, 2007
Santino Pellegrino  Canada 1992 1992
Roberto Romano  Canada   1992
Mike Rosati  Canada 1994, 1998 1994, 1995, 1996, 1997, 1998, 1999, 2001, 2002
Lawrence Rucchin  Canada 1998 1997, 1998, 1999, 2001
Adam Russo  Canada   2008
Vezio Sacratini  Canada 1994 1994, 2000, 2001, 2002
Giulio Scandella  Canada 2006 2007
André Signoretti  Canada 2006 2007, 2008
Bill Stewart  Canada 1992, 1994 1992, 1993
Bernard Tomei  Canada 1956  
Carter Trevisani  Canada 2006 2006, 2007, 2008
Carmine Tucci  Canada 1956  
Carmine Vani  Canada   1992, 1993
Mike Zanier  Canada 1992  
Bruno Zarrillo  Canada 1992, 1994, 1998 1992, 1993, 1994, 1995, 1996, 1997, 1998, 2000, 2001

Oriundi statunitensi[modifica | modifica wikitesto]

Nome Paese d'origine Olimpiadi Campionati del Mondo
Christopher Bartolone  Stati Uniti 1998 1994, 1995, 1996, 1997, 1998, 1999, 2000, 2001, 2002
Phil De Gaetano  Stati Uniti 1994 1994
David Delfino  Stati Uniti 1992, 1994, 1998 1992, 1993, 1994, 1996, 1997
Frank Lattuca  Stati Uniti   1992
Mike Mastrullo  Stati Uniti 1984, 1992 1982, 1983
Bob Nardella  Stati Uniti 1998, 2006 1995, 1996, 1997
Guido Tenisi  Stati Uniti   1982
Dave Tomassoni  Stati Uniti 1984 1982, 1983
Anthony Tuzzolino  Stati Uniti 2006

Nel calcio a 5[modifica | modifica wikitesto]

La nazionale di calcio a 5 dell'Italia è storicamente soggetta a casi di naturalizzazione o dell'utilizzo di giocatori oriundi, soprattutto sudamericani. Ha fatto scandalo la rosa della nazionale che nel 2008 partecipò ai Mondiali in Brasile, in quanto era interamente formata da calcettisti nati in Brasile; la cosa mandò su tutte le furie la FIFA. In tale occasione l'Italia perse la semifinale contro la Spagna a causa di una contestata autorete di Adriano Foglia a tempo scaduto; qualora fosse riuscita ad accedere alla finale contro il Brasile si sarebbero affrontate, in Brasile, due rose composte interamente da brasiliani.

Nome Paese d'origine Presenze Reti
Grana, Fernando Fernando Grana  Brasile 113 63
Foglia, Adriano Adriano Foglia  Brasile 101 66
Bertoni, Edgar Edgar Bertoni  Brasile 100 44
Forte, Márcio Márcio Forte  Brasile 89 21
Assis, Saad Saad Assis  Brasile 82 44
Lima, Gabriel Gabriel Lima  Brasile 72 38
Morgado, Eduardo Eduardo Morgado  Brasile 59 37
Vampeta, Vampeta  Brasile 59 38
Vicentini, André André Vicentini  Brasile 59 21
Assad, Fabiano Fabiano Assad  Brasile 58 31
Feller, Alexandre Alexandre Feller  Brasile 57 1
Fortino, Rodolfo Rodolfo Fortino  Brasile 57 32
Pellegrini, Anderson Anderson Pellegrini  Brasile 56 7
Zanetti, Sandro Sandro Zanetti  Brasile 54 35
Montovaneli, Carlos Carlos Montovaneli  Brasile 51 13
Honorio, Humberto Humberto Honorio  Brasile 50 17
Bacaro, Vinícius Vinícius Bacaro  Brasile 46 24
Franzoi, Daverson Daverson Franzoi  Brasile 45 26
Baptistella, Clayton Clayton Baptistella  Brasile 45 23
Nora, Patrick Patrick Nora  Brasile 44 12
Jubanski, Jocimar Jocimar Jubanski  Brasile 38 14
Bertoni, Rodrigo Rodrigo Bertoni  Brasile 37 5
Patias, Alessandro Alessandro Patias  Brasile 35 20
Farina, Caio Caio Farina  Brasile 33 0
Giasson, Daniel Daniel Giasson  Brasile 30 6
Merlim, Alex Alex Merlim  Brasile 29 7
Duarte, Vinícius Vinícius Duarte  Brasile 22 10
Corsini, Douglas Douglas Corsini  Brasile 21 4
Scala, Carlos Carlos Scala  Brasile 18 5
Ferreira, Murilo Murilo Ferreira  Brasile 18 3
Previdelli, Fábio Fábio Previdelli  Brasile 17 5
Lima, Mariano Mariano Lima  Brasile 16 6
Cavinato, Diego Diego Cavinato  Brasile 16 8
Veronesi, Tadeu Tadeu Veronesi  Brasile 15 4
Calderolli, Fabricio Fabricio Calderolli  Brasile 13 2
Bellomo, Erick Erick Bellomo  Brasile 12 4
De Nichile, Daniel Daniel De Nichile  Brasile 10 6
Canal, Mauro Mauro Canal  Brasile 10 6
Furlam, Felipe Felipe Furlam  Brasile 9 1
Moratelli, Márcio Márcio Moratelli  Brasile 9 2
Nome Paese d'origine Presenze Reti
De Oliveira, Júlio Júlio De Oliveira  Brasile 9 2
Romanini, Júlio Júlio Romanini  Brasile 7 1
Mendes, Luciano Luciano Mendes  Brasile 6 1
Sartori, Tadeu Tadeu Sartori  Brasile 6 1
Schurtz, Edgar Edgar Schurtz  Brasile 6 1
Tosta, Rafael Rafael Tosta  Brasile 6 0
Zaramello, Marco Marco Zaramello  Brasile 6 0
Nicolodi, Douglas Douglas Nicolodi  Brasile 6 1
Follador, Filipe Filipe Follador  Brasile 6 1
Urio, Fabrício Fabrício Urio  Brasile 6 4
Moreira, Marcelo Marcelo Moreira  Brasile 5 4
Parrel, Parrel  Brasile 5 3
Bachega, Fabio Fabio Bachega  Brasile 5 1
Piffer, Thyago Thyago Piffer  Brasile 5 0
Kaká, Kaká  Brasile 5 0
Battistoni, Gerardo Gerardo Battistoni  Argentina 4 0
Pinto, Jonas Jonas Pinto  Brasile 4 0
Scandolara, Cristiano Cristiano Scandolara  Brasile 3 0
Parize, Cleber Cleber Parize  Brasile 3 0
Bruno, Bruno  Brasile 3 0
Delpizzo, Marcus Marcus Delpizzo  Brasile 3 0
Lona, Vinícius Vinícius Lona  Brasile 2 1
Correia, Douglas Douglas Correia  Brasile 2 0
Rossa, Almir Almir Rossa  Brasile 2 0
D'Angelo, Fabricio Fabricio D'Angelo  Argentina 2 0
Pereira, César Leandro César Leandro Pereira  Brasile 2 0
Bessa, Raphael Raphael Bessa  Brasile 2 0
Bonfin, Vanderlei Vanderlei Bonfin  Brasile 2 0
Coco, Wellington Wellington Coco  Brasile 2 0
Bruno, Raphael Raphael Bruno  Brasile 2 0
Boaventura, Marco Marco Boaventura  Brasile 2 1
Chimanguinho, Chimanguinho  Brasile 2 1
Cipolla, Richard Richard Cipolla  Brasile 1 0
Campagnaro, Rodrigo Rodrigo Campagnaro  Brasile 1 0
Rossa, Antonio Antonio Rossa  Brasile 1 0
Nuno, Nuno  Brasile 1 0
Bueno Ardite, Ramon Ramon Bueno Ardite  Brasile 1 0
Caputo, Ricardo Ricardo Caputo  Brasile 1 0
Bocão, Bocão  Brasile 1 0
Crema, Manoel Manoel Crema  Brasile 1 0

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Rapporto Migrantes Italiani nel Mondo 2011 (PDF), su Chiesacattolica.it. URL consultato il 6 febbraio 2017.
  2. ^ a b c d La diaspora italiana in cifre (PDF), su migranti.torino.it. URL consultato il 19 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 10 febbraio 2012).
  3. ^ a b c Gli italiani continuano a emigrare; un milione in fuga negli ultimi 4 anni, La Repubblica, 2010.
  4. ^ Testo della legge n°2 del 9 gennaio 2003, su consiglioveneto.it. URL consultato il 14 febbraio 2018.
  5. ^ Quella cioè esplicatasi all'interno del territorio nazionale, da una regione a un'altra.
  6. ^ Decreto del 4 agosto 1955
  7. ^ Sentenza n. 15 del 1960 della Corte costituzionale.
  8. ^ La sentenza in pratica non ravvisava nella norma una sperequazione fra cittadini, in eventuale contrasto con l'art. 3 della Costituzione, bensì proprio una perquazione sostanziale, e quindi la facoltà del legislatore di emanare disposizioni che, pur in apparente contrasto con il dettato egualitario della Carta, agiscano invece applicandolo attraverso un principio di equità sostanziale per casi specifici.
  9. ^ Prefazione di Ludovico Incisa di Camerana al libro di Paola Cecchini, "Mi Argentina querida" (vedi)
  10. ^ Il 90% di una cifra oscillante fra i 50 e i 60 milioni, secondo il libro testé citato.
  11. ^ Almanacco Illustrato del Calcio 2016, Panini Editore, 2015, p. 9, ISBN 978-88-912-1986-2.
  12. ^ Ufficio del Cerimoniale di Stato, su governo.it. URL consultato il 13 febbraio 2018.
  13. ^ Dati dell'ambasciata italiana in Brasile, su ambbrasilia.esteri.it. URL consultato il 10 febbraio 2018.
  14. ^ Italiani in Brasile, su italplanet.it. URL consultato il 10 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2009).
  15. ^ (ES) Unos 20 millones de personas que viven en la Argentina tienen algún grado de descendencia italiana - Asteriscos.Tv, su asteriscos.tv. URL consultato il 10 febbraio 2018.
  16. ^ (EN) American FactFinder - Results, su factfinder2.census.gov. URL consultato il 10 febbraio 2018.
  17. ^ Documento "Italiens" del CIRCE dell'Università Sorbona - Parigi 3 (PDF), su circe.univ-paris3.fr. URL consultato il 10 febbraio 2018.
  18. ^ Convenzioni Inps estere, Fedi sollecita Nuova Zelanda ma anche Cile e Filippine, su ilmondo.tv. URL consultato il 10 febbraio 2018.
  19. ^ Canadesi, su www12.statcan.ca. URL consultato il 10 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2008).
  20. ^ (ES) Inmigración italiana al Perú, su espejodelperu.com.pe. URL consultato il 10 febbraio 2018.
  21. ^ Favero, Luigi e Tassello, Graziano. Cent'anni di emigrazione italiana (1876-1976) p. 86.
  22. ^ (ES) Santander Laya-Garrido, Alfonso, Los Italianos forjadores de la nacionalidad y del desarrollo economico en Venezuela, Editorial Vadell. Valencia, 1978.
  23. ^ Popolazione_australiana, su abs.gov.au. URL consultato il 10 febbraio 2018.
  24. ^ Informazioni sul Belgio /, su inca-cgil.be. URL consultato il 10 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2009).
  25. ^ Italiani all'estero (PDF), su migranti.torino.it. URL consultato il 10 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 10 febbraio 2012).
  26. ^ Statistiche del Ministero dell'Interno riguardante gli italiani residenti all'estero, su infoaire.interno.it. URL consultato l'11 febbraio 2018.
  27. ^ Dal 1982 al 1990 la Nazionale Under 23 era chiamata Sperimentale e rappresentava l'Italia alle Olimpiadi.
  28. ^ La Nazionale Under 21 dal 1990 rappresenta l'Italia alle Olimpiadi
  29. ^ Corrado Sannucci, Incredibile rugby: gli stranieri in nazionale, in la Repubblica (Roma), 6 dicembre 2001, p. 50.
  30. ^ Massimo Calandri, Il rugby senza più argentini arrivederci fenomeni oriundi così la nazionale si spegne, in la Repubblica (Firenze), 19 novembre 2016, p. 53.
  31. ^ Vengono prese in considerazione solo le edizioni in cui la nazionale italiana ha partecipato ai mondiali di Gruppo A o equivalenti. Mancano quindi le edizioni dei campionati di Gruppo B (o I divisione, dopo il 2001) o inferiori.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Portale Migranti
Portale Storia d'Italia