Parco naturale di Stupinigi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Parco naturale di Stupinigi
Tipo di area parco naturale
Codice WDPA 162032
Codice EUAP EUAP0222
Class. internaz. SIC: IT1110004
Stati  Italia
Regioni  Piemonte
Province  Torino
Comuni Candiolo, Nichelino, Orbassano
Superficie a terra 1611,26 ha
Provvedimenti istitutivi L.R. n.1, 14.01.1992; L.R. 29 giugno 2009, n.19
Gestore Ente di gestione delle aree protette dell'Area metropolitana di Torino
Presidente Roberto Rosso (commissario)
Sito istituzionale

Il parco naturale di Stupinigi è un'area naturale protetta della Regione Piemonte. Occupa una superficie di 1611,26 ettari nella città metropolitana di Torino.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il parco è stato istituito con legge regionale 14 gennaio 1992, n. 1, ai sensi dell'articolo 6 della legge regionale 22 marzo 1990, n. 12.[2]

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Si segnalano tra i mammiferi presenti nei boschi del parco: numerosi gli scoiattoli grigi peraltro alloctoni e quindi infestanti, le minilepri, le donnole, faine, volpi e numerosi cinghiali. Tra gli uccelli si segnalano numerosi passeriformi, picchi, fagiani, nonché numerosi rapaci sia diurni che notturni. Interessante per quanto riguarda gli insetti la presenza di varie specie di lepidotteri.

Flora[modifica | modifica wikitesto]

Importante bosco di tipo planiziale che ospita esemplari di farnia, rovere, querce anche di notevoli dimensioni.

Punti d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Palazzina di caccia di Stupinigi.
 Bene protetto dall'UNESCO
 Patrimonio dell'umanità
Palazzina di caccia di Stupinigi
(EN) Residences of the Royal House of Savoy
Tipo architettura
Criterio C (i) (ii) (iv) (v)
Pericolo Nessuna indicazione
Riconosciuto dal 1997
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

All'interno del parco sorge la palazzina di caccia di Stupinigi, dichiarata patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO nel 1997.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Portale Ecologia e ambiente
Portale Piemonte