Real Madrid Club de Fútbol 2014-2015

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Voce principale: Real Madrid Club de Fútbol.

Real Madrid C.F.
Stagione 2014-2015
Allenatore Carlo Ancelotti
All. in seconda Fernando Hierro
Presidente Florentino Pérez
Liga2º posto
Coppa del ReOttavi di finale
UEFA Champions LeagueSemifinali
Supercoppa di SpagnaFinalista
Supercoppa UEFAVincitore
Coppa del mondo per club FIFAVincitore
Maggiori presenzeCampionato: Kroos (36)
Totale: Kroos (55)
Miglior marcatoreCampionato: C. Ronaldo (48)
Totale: C. Ronaldo (61)
StadioSantiago Bernabeu (85.454)
Maggior numero di spettatori85.450 (vs Barcellona, 25 ottobre 2014)
Minor numero di spettatori46.200 (vs Cornellá, 2 dicembre 2014)
Media spettatori72.329¹
¹ considera le partite giocate in casa in tutte le competizioni.

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti il Real Madrid Club de Fútbol nelle competizioni ufficiali della stagione 2014-2015.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

La stagione 2014-2015 inizia ufficialmente il 6 agosto 2014, in Supercoppa UEFA contro il Siviglia. Grazie ad una doppietta di Cristiano Ronaldo gli uomini di Ancelotti riescono a vincere il trofeo.[1] Termina in modo differente la doppia sfida di Supercoppa di Spagna, rivali dei concittadini dell'Atletico Madrid. Dopo l'1-1 del Bernabéu,[2] il gol di Mario Mandžukić nella gara di ritorno consegna il titolo alla squadra di Simeone.[3][4]

Cristiano Ronaldo, per la seconda volta vincitore del Pallone d'oro FIFA, mostra il riconoscimento ai propri tifosi.

L'esordio nella massima serie è al Santiago Bernabéu contro la neopromossa Cordoba battuta per 2-0 grazie alle marcature di Benzema e Cristiano Ronaldo.[5][6] La prima sconfitta matura già alla seconda giornata, per merito della Real Sociedad che, rimontando un parziale di 0-2 in 4-2, riesce ad avere la meglio sui blancos.[7][8] Al rientro dalla pausa nazionali, la squadra di Ancelotti incappa nella seconda sconfitta consecutiva, questa volta casalinga, nel Derby, che vede i colchoneros di Simeone trionfare come l'anno precedente, grazie ad un parziale di 1-2.[9][10] Tuttavia, nella seguente giornata di campionato, i Blancos ritrovano il successo grazie ad un pirotecnico 2-8, maturato allo stadio Riazor di La Coruña, grazie alla prima tripletta stagionale di Cristiano Ronaldo, alle doppiette di Gareth Bale e di Javier Hernández (al primo gol ufficiale con la nuova maglia), oltre alla marcatura di James Rodríguez.[11][12] Nel primo turno infrasettimanale della stagione le "Merengue" superano 5-1 l'Elche,[13] per poi ripetersi, qualche giorno più tardi, anche sul campo del Villarreal (0-2),[14][15] e contro l'Atheltic Bilbao (5-0).[16] Dopo la sosta dovuta alle Nazionali arrivano anche le vittorie contro il Levante (0-5),[17] e, in un Bernabéu tutto esaurito, nel Clásico contro il Barcellona (3-1).[18][19] A queste due seguono i successi contro il Granada (0-4)[20] e Rayo Vallecano (5-1),[21] che permettono ai Blancos, vista le contemporanee sconfitte dei rivali azulgrana, di conquistare, prima della pausa, la vetta della classifica.[22] A consolidare il primato arriva anche la nona vittoria consecutiva, contro l'Eibar, per 0-4,[23] seguita da quella (1-2 a Malaga) che vale il primato della storia dei Blancos di 16 partite consecutive vinte tra tutte le competizioni (10 in Liga, 5 in Champions League e 1 in Coppa del Re).[24] Gli uomini di Ancelotti, inoltre, sconfiggono agevolmente (3-0) il Celta Vigo nella 14ª giornata,[25] e l'Almeria (1-4) nell'ultimo incontro dell'anno solare,[26] superando, con 20 successi di fila, il record stabilito dal Barcellona di Rijkaard. Dopo 22 partite vinte tra tutte le competizioni, nel primo incontro dell'anno 2015, i Blancos vengono sconfitti per 2-1, in rimonta, al Mestalla di Valencia.[27] Nonostante ciò, i 39 punti in classifica consentono agli uomini di Florentino Pérez di mantenere saldamente la vetta della classifica, con una partita da recuperare.[28] Il ritorno al successo non si fa desiderare: nelle giornate successive maturano un 3-0 all'Espanyol[29] e uno 0-3 in casa del Getafe.[30]

Il primo incontro ufficiale valevole per il girone di ritorno fa registrare la terza vittoria consecutiva per le Merengue in campionato, che espugnano il Nuevo Arcángel di Córdoba, per 1-2, grazie alle reti di Benzema e Bale,[31] la quale precede quella per 4-1, casalinga, sulla Real Sociedad.[32] Il recupero della 16ª giornata, svoltosi il 4 febbraio a causa della partecipazione del Real alla Coppa del mondo, permette, grazie ad un risultato finale di 2-1, alla squadra di Ancelotti di allungare a +4 sul Barcellona, mantenendo solido il primato in classifica,[33] seguito, però, dalla sconfitta per 4-0 nel derby contro l'Atletico di Madrid,[34] che questa stagione è riuscito a fermare i Blancos per 4 volte.[35]

Carvajal e Sergio Ramos fronteggiano Torres durante l'ottavo di ritorno di Coppa del Re.

La 23ª e la 24ª giornata di Liga fanno registrare i successi stagionali numero 19 e 20 per i madrileni che, superando 2-0 il Deportivo,[36] e l'Elche,[37] e sfruttando la contemporanea sconfitta del barcellona, volano a 4 lunghezze dai catalani. Tuttavia il vantaggio dura pochi giorni, perché il 1º marzo seguente matura il primo pareggio in Liga della stagione per i Blancos, che contro il Villarreal non vanno oltre l'1-1[38] e, qualche giorno più tardi incombono nella quinta sconfitta stagionale, cadendo al San Mamés di Bilbao.[39] A nulla serve la vittoria sul levante per 2-0, grazie a due gol di Gareth Bale[40], perché nel Clásico della settimana successiva sono gli uomini di Luis Enrique ad avere la meglio sulle Merengue, sconfiggendoli per 2-1.[41] Due settimane più tardi, il 5 aprile, i Blancos colgono un risultato storico; grazie alla vittoria per 9-1 sul Granada (cinque reti di Cristiano Ronaldo, alla prima volta in carriera), dopo 48 anni, le Merengues tornano a realizzare 9 reti in una singola partita.[42][43] A questa seguono altri sei successi; contro il Rayo Vallecano (0-2),[44] Eibar (3-0),[45] Malaga (3-1)[46] Celta Vigo (2-4)[47], Almeria (3-0)[48] e Siviglia (2-3, prima squadra a battere gli andalusi in trasferta).[49] Esattamente come l'anno passato, alla 36ª giornata, il Valencia ferma gli uomini di Ancelotti sul 2-2,[50] facendo aumentare (a +4) il distacco in testa a favore dei rivali 'Blaugrana',[51] che risulterà incolmabile, ad una giornata dal termine, nonostante il successo per 1-4 contro l'Espanyol,[52] vista la contemporanea vittoria del Barcellona.[53] È un rocambolesco 7-3 a chiudere il campionato e l'annata della squadra madrilena, che termina al secondo posto, con 92 punti, frutto di 30 vittorie, 2 pareggi e 6 sconfitte.[54]

Il Mondiale per club 2014 per le Merengues inizia ufficialmente dalla semifinali, contro il Cruz Azul. Gli uomini di Ancelotti superano agevolmente gli avversari messicani, grazie alle reti di Sergio Ramos, Karim Benzema, Gareth Bale e Isco, accedendo alla finale,[55] nella quale battono anche il San Lorenzo, per 2-0, e conquistano, per la prima volta nella loro storia, il titolo di campioni del mondo.[56]

Il sorteggio dei sedicesimi di finale di Coppa del Re, svoltosi il 17 ottobre 2014, accoppia i Blancos, nonché campioni uscenti, con i catalani del Cornellà.[57] Nel doppio confronto gli uomini di Ancelotti passano sia all'andata (1-4)[58] che al ritorno (5-0),[59] qualificandosi agli ottavi di finale, dove ad attenderli c'è l'Atletico Madrid. Il primo dei due derby va, però, proprio ai colchoneros di Simeone, che, tra le mura domestiche, si impongono per 2-0.[60] La seconda delle due sfide, disputata al Bernabéu, termina 2-2, sancendo definitivamente l'eliminazione delle Merengues.[61]

Il sorteggio della fase a gironi di Champions League, svoltosi il 28 agosto alle urne del Principato di Monaco, inseriscono i campioni uscenti nel gruppo B assieme a Basilea, Liverpool e Ludogorec.[62][63] I Blancos inanellano 3 vittorie nelle altrettante partite iniziali del girone, superando il Basilea (5-1),[64] il Ludogorets (1-2),[65] e il Liverpool (0-3).[66] A queste seguono altri due successi, entrambi per 1-0, contro Liverpool[67] e Basilea,[68] propiziati da una rete di Benzema e una di Cristiano Ronaldo. Quest'ultimo permette a Carlo Ancelotti di eguagliare, a quota 15 vittorie consecutive in tutte le competizioni, i record di Miguel Muñoz e di José Mourinho, fatti registrare nella stagione 1960-61 e 2011-12.[69] L'ultima partita del girone fa registrare un'altra agevole vittoria, maturata per 4-0 contro il Ludogorets.[70] I Blancos chiudono così il girone B in testa alla graduatoria, come già accaduto tre stagioni prima, con 18 punti, frutto di soli successi.

Le urne di Nyon, datate 15 dicembre, accoppiano agli ottavi di finale le Merengues, come l'anno passato, con lo Schalke 04.[71] L'incontro d'andata termina 0-2 in favore delle Merengue, grazie alle reti di Cristiano Ronaldo e Marcelo.[72] Quello di ritorno, invece, regala un pirotecnico 3-4 in favore dei tedeschi, che non riescono, però, a passare il turno a seguito del totale (5-4), a favore degli uomini di Ancelotti, che approdano ai quarti di finale.[73]

Il nuovo sorteggio, per i quarti di finale, propone il replay della finale dell'anno passato, mettendo nuovamente a confronto Real ed Atletico Madrid.[74] La prima delle due partite, giocata al Calderón, termina 0-0.[75] La gara di svolta, invece, porta il segno di Javier Hernández, il quale, con la rete decisiva, segnata nel finale, permette ai Blancos di accedere ancora una volta in semifinale.[76]

In semifinale i Blancos trovano la Juventus di Allegri, già affrontata l'anno passato nella fase a gironi. Ad imporsi, però, allo Juventus Stadium, sono i bianconeri, che passano grazie alle reti di Morata e Tevéz, intervallate dal momentaneo pareggio di Cristiano Ronaldo (2-1).[77] Il ritorno non vede nessun tipo di rimonta da parte dei madrileni, che pareggiano per 1-1 (con i gol, ancora una volta, di Cristiano Ronaldo e Morata), venendo così eliminati.[78]

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Casa
Trasferta
Terza divisa

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva[79]

  • Presidente: Florentino Perez
  • Vicepresidente: Fernando Fernández Tapia
  • Direttore generale: José Angel Sanchez
  • Direttore risorse: Enrique Balboa
  • Risorse umane: José María García
  • Direttore dell'area sociale: José Luis Sánchez
  • Direttore di controllo e auditing interno: Carlos Martínez de Albornoz
  • Direttore della commissione di consulenza legale: Javier López Farre
  • Direttore Fondazione "Real Madrid": Julio González
  • Capo del protocollo: Raúl Serrano

Area comunicazione

  • Capo di Gabinetto della presidenza: Manuel Redondo
  • Direttore dell'area comunicazione: Antonio Galeano
  • Direttore delle relazioni istituzionali: Emilio Butragueño

Area marketing

  • Direttore economico: Julio Esquerdeiro
  • Direttore commerciale: Begoña Sanz
  • Direttore operazioni e servizi: Fernando Tormo

Area tecnica[80]

  • Direttore sportivo della sezione calcistica: Miguel Pardeza[81]
  • Allenatore: Carlo Ancelotti[82]
  • Allenatore in seconda: Fernando HIerro
  • Allenatore dei portieri: Villiam Vecchi[83]
  • Assistente tecnico: Paul Clement[84]
  • Preparatore atletico: Giovanni Mauri[85]

Rosa[80][modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
1 P Iker Casillas (capitano)
2 D Raphaël Varane
3 D Pepe
4 D Sergio Ramos (vice capitano)
5 D Fábio Coentrão
6 C Sami Khedira
7 A Cristiano Ronaldo
8 C Toni Kroos
9 A Karim Benzema
10 C James Rodríguez
11 C Gareth Bale
12 D Marcelo
13 P Keylor Navas
N. Ruolo Giocatore
14 C Xabi Alonso
14 A Javier Hernández
15 D Daniel Carvajal
16 C Lucas Silva
17 D Álvaro Arbeloa
18 D Nacho Fernández
19 C Luka Modrić
20 A Jesé
22 C Ángel Di María
23 C Isco
24 C Asier Illarramendi
25 P Diego López
25 P Fernando Pacheco

Calciomercato[modifica | modifica wikitesto]

Sessione estiva (dall'1/7 al 2/9)[modifica | modifica wikitesto]

Toni Kroos, acquistato nel mercato estivo.

Anche per questa stagione il mercato Blancos apre i battenti concedendo una passerella alle cessioni. Già il 10 aprile, il centrocampista turco Nuri Şahin, passa a titolo definitivo al Borussia Dortmund, dopo averci già trascorso una stagione in prestito. Il 28 giugno, l'esterno russo Denis Čeryšev, rientrante da un prestito al Siviglia, viene girato ai "sottomarini gialli" del Villarreal. Fanno le valigie anche Casemiro, destinazione Porto, e Álvaro Morata, che sceglie la Juventus. Il club torinese si è aggiudicato il cartellino dell'attaccante spagnolo per 20 milioni di euro (con diritto di riacquisto, sempre da parte degli spagnoli, al termine delle stagioni 2015-2016 e 2016-2017 per una cifra massima di 30 milioni di euro).[86] Lasciano il club anche i due portieri Jesús Fernández Collado, tesserato dal Levante, oltre a Diego López, che si legherà con il Milan per 4 anni. Il 26 agosto seguente, grazie ad un accordo sulla base di 59,7 milioni di sterline (pari a circa 78, 5 milioni di euro), il fantasista argentino Ángel Di María lascia la capitale spagnola per aggregarsi agli inglesi del Manchester United.[87][88] Pochi giorni più tardi, per 10 milioni di euro, il club madrileno libera Xabi Alonso verso il Bayern Monaco.[89][90]

Per quanto riguarda gli acquisti, la società di Florentino Pérez, come da consuetudine, stanzia diversi milioni di euro. Dal Bayern Monaco viene prelevato il fresco campione del mondo Toni Kroos, grazie ad un assegno dal valore di 30 milioni (bonus compresi).[91][92] Il 21 luglio seguente James Rodríguez firma per il club madrileno. Il colombiano, acquistato dai francesi del Monaco, è pagato circa 80 milioni, tra cartellino e eventuali bonus.[93][94] Poco dopo viene ufficializzato il tesseramento del portiere costaricano Keylor Navas, acquistato dal Levante per circa 10 milioni di euro.[95] Nell'ultimo giorno di calciomercato Javier Hernández, attaccante messicano in forza al Manchester United, si unisce alla rosa di Ancelotti grazie ad una formula di prestito annuale con diritto di riscatto.[96][97]

Acquisti
R. Nome da Modalità
C Denis Čeryšev Siviglia fine prestito
C Toni Kroos Bayern Monaco definitivo (25 milioni €) e bonus (5 milioni €)[91][98]
C James Rodríguez Monaco definitivo (75 milioni €) e bonus (5 milioni €)[99]
C Nuri Şahin Borussia Dortmund fine prestito
P Keylor Navas Levante definitivo (10 milioni €)[100]
A Javier Hernández Manchester Utd prestito[101]
Cessioni
R. Nome a Modalità
C Nuri Şahin Borussia Dortmund definitivo (7 milioni €)[102]
C Denis Čeryšev Villarreal prestito[103]
P Jesús Fernández Levante definitivo (0,5 milioni €)[104]
D/C Casemiro Porto prestito oneroso (1,5 milioni €)[105][106]
A Álvaro Morata Juventus definitivo (20 milioni €)[107][108]
P Diego Lopez Milan definitivo (0 milioni €)[109]
C Ángel Di María Manchester Utd definitivo (78,5 milioni €)[110]
C Xabi Alonso Bayern Monaco definitivo (10 milioni €)[111][112]

Sessione invernale (dal 3/1 al 2/2)[modifica | modifica wikitesto]

La sessione invernale di calciomercato fa registrare due colpi in entrata per i madrileni. Il primo, ufficializzato il 21 gennaio 2015, è il classe '98 Martin Ødegaard, pagato circa 3 milioni di euro e parcheggiato, per le prime stagioni, al Real Madrid Castilla.[113][114] L'altro, reso noto qualche giorno più tardi, riguarda il ventiduenne Lucas Silva, brasiliano, acquistato dal Cruzeiro per quasi 14 milioni di euro tra prezzo del cartellino ed eventuali bonus.[115]

Acquisti
R. Nome da Modalità
C Martin Ødegaard Strømsgodset definitivo (3 milioni €)[116]
C Lucas Silva Cruzeiro definitivo (14 milioni €)[117]
Cessioni
R. Nome a Modalità

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Primera División[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Primera División 2014-2015 (Spagna).

Girone d'andata[modifica | modifica wikitesto]

Madrid
25 agosto 2014, ore 20:00 CEST
1ª giornata
Real Madrid 2 – 0
referto
Cordoba Santiago Bernabéu (70.356[118] spett.)
Arbitro Jesús Gil Manzano (Comitato estremegno)

San Sebastián
31 agosto 2014, ore 21:00 CEST
2ª giornata
Real Sociedad 4 – 2
referto
Real Madrid Anoeta (27.879[119] spett.)
Arbitro Juan Martínez Munuera (Comitato valenciano)

Madrid
13 settembre 2014, ore 20:00 CEST
3ª giornata
Real Madrid 1 – 2
referto
Atlético Madrid Santiago Bernabéu (85.253[120] spett.)
Arbitro Antonio Mateu Lahoz (Comitato valenciano)

La Coruña
20 settembre 2014, ore 16:00 CEST
4ª giornata
Deportivo 2 – 8
referto
Real Madrid Riazor (27.685[121] spett.)
Arbitro Pedro Jesús Pérez Montero (Comitato andaluso)

Madrid
23 settembre 2014, ore 20:00 CEST
5ª giornata
Real Madrid 5 – 1
referto
Elche Santiago Bernabéu (63.634[122] spett.)
Arbitro Carlos Clos Gómez (Comitato aragonese)

Vila-real
27 settembre 2014, ore 16:00 CEST
6ª giornata
Villarreal 0 – 2
referto
Real Madrid El Madrigal (22.146[123] spett.)
Arbitro Alberto Undiano Mallenco (Comitato navarro)

Madrid
5 ottobre 2014, ore 21:00 CEST
7ª giornata
Real Madrid 5 – 0
referto
Athletic Bilbao Santiago Bernabéu (77.987[124] spett.)
Arbitro Alejandro Hernández Hernández (Comitato di Las Palmas)

Valencia
18 ottobre 2014, ore 16:00 CEST
8ª giornata
Levante 0 – 5
referto
Real Madrid Ciutat de Valencia (23.506[125] spett.)
Arbitro Ignacio Iglesias Villanueva (Comitato galiziano)

Madrid
25 ottobre 2014, ore 18:00 CEST
9ª giornata
Real Madrid 3 – 1
referto
Barcellona Santiago Bernabéu (85.450[126] spett.)
Arbitro Jesús Gil Manzano (Comitato estremegno)

Granada
1º novembre 2014, ore 16:00 CET
10ª giornata
Granada 0 – 4
referto
Real Madrid Los Cármenes (21.800[127] spett.)
Arbitro José Luis González (Comitato castiglianoleonese)

Madrid
8 novembre 2014, ore 20:00 CET
11ª giornata
Real Madrid 5 – 1
referto
Rayo Vallecano Santiago Bernabéu (76.842[128] spett.)
Arbitro Pedro Jesús Pérez Montero (Comitato andaluso)

Eibar
22 novembre 2014, ore 18:00 CET
12ª giornata
Eibar 0 – 4
referto
Real Madrid Municapl de Ipurua (5.859[129] spett.)
Arbitro David Fernández Borbalán (Comitato andaluso)

Malaga
29 novembre 2014, ore 20:00 CET
13ª giornata
Málaga 1 – 2
referto
Real Madrid La Rosaleda (29.025[130] spett.)
Arbitro Iñaki Vikandi Garrido (Comitato basco)

Madrid
6 dicembre 2014, ore 20:00 CET
14ª giornata
Real Madrid 3 – 0
referto
Celta Vigo Santiago Bernabéu (80.300[131] spett.)
Arbitro Alberto Undiano Mallenco (Comitato navarro)

Almeria
12 dicembre 2014, ore 20:45 CET
15ª giornata
Almería 1 – 4
referto
Real Madrid Juegos Mediterráneos (13.950[132] spett.)
Arbitro Alfonso Álvarez Izquierdo (Comitato catalano)

Madrid
4 febbraio 2015, ore 20:45 CET
16ª giornata[133]
Real Madrid 2 – 1
referto
Siviglia Santiago Bernabéu (67.126[134] spett.)
Arbitro Ignacio Iglesias Villanueva (Comitato galiziano)

Valencia
4 gennaio 2015, ore 17:00 CET
17ª giornata
Valencia 2 – 1
referto
Real Madrid Mestalla (50.738[135] spett.)
Arbitro Jesús Gil Manzano (Comitato estremegno)

Madrid
10 gennaio 2015, ore 16:00 CET
18ª giornata
Real Madrid 3 – 0
referto
Espanyol Santiago Bernabéu (69.600[136] spett.)
Arbitro David Fernández Borbalán (Comitato andaluso)

Madrid
18 gennaio 2015, ore 12:00 CET
19ª giornata
Getafe 0 – 3
referto
Real Madrid Alfonso Pérez (11.500[137] spett.)
Arbitro Pedro Jesús Pérez Montero (Comitato andaluso)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Cordova
24 gennaio 2015, ore 16:00 CET
20ª giornata
Cordoba 1 – 2
referto
Real Madrid Nuevo Arcángel (21.822[138] spett.)
Arbitro Alejandro Hernández Hernández (Comitato di Las Palmas)

Madrid
31 gennaio 2015, ore 16:00 CET
21ª giornata
Real Madrid 4 – 1
referto
Real Sociedad Santiago Bernabéu (73.000[139] spett.)
Arbitro Alfonso Álvarez Izquierdo (Comitato catalano)

Madrid
7 febbraio 2015, ore 16:00 CET
22ª giornata
Atlético Madrid 4 – 0
referto
Real Madrid Vicente Calderón (54.900[140] spett.)
Arbitro David Fernández Borbalán (Comitato andaluso)

Madrid
14 febbraio 2015, ore 18:00 CET
23ª giornata
Real Madrid 2 – 0
referto
Deportivo Santiago Bernabéu (68.500[141] spett.)
Arbitro Javier Estrada Fernández (Comitato catalano)

Elche
22 febbraio 2015, ore 21:00 CET
24ª giornata
Elche 0 – 2
referto
Real Madrid Martínez Valero (31.512[142] spett.)
Arbitro Ignacio Iglesias Villanueva (Comitato galiziano)

Madrid
1º marzo 2015, ore 21:00 CET
25ª giornata
Real Madrid 1 – 1
referto
Villarreal Santiago Bernabéu (75.108[143] spett.)
Arbitro José Luis González (Comitato castiglianoleonese)

Bilbao
7 marzo 2015, ore 18:00 CET
26ª giornata
Athletic Bilbao 1 – 0
referto
Real Madrid San Mamés (52.600[144] spett.)
Arbitro Alberto Undiano Mallenco (Comitato navarro)

Madrid
15 marzo 2015, ore 21:00 CET
27ª giornata
Real Madrid 2 – 0
referto
Levante Santiago Bernabéu (64.500[145] spett.)
Arbitro Pedro Jesús Pérez Montero (Comitato andaluso)

Barcellona
22 marzo 2015, ore 21:00 CET
28ª giornata
Barcellona 2 – 1
referto
Real Madrid Camp Nou (98.760[146] spett.)
Arbitro Antonio Mateu Lahoz (Comitato valenzano)

Madrid
5 aprile 2015, ore 12:00 CEST
29ª giornata
Real Madrid 9 – 1
referto
Granada Santiago Bernabéu (71.863[147] spett.)
Arbitro Jesús Gil Manzano (Comitato estremadura)

Madrid
8 aprile 2015, ore 22:00 CEST
30ª giornata
Rayo Vallecano 0 – 2
referto
Real Madrid Campo de Fútbol de Vallecas (13.009[148] spett.)
Arbitro Mario Melero López (Comitato andaluso)

Madrid
11 aprile 2015, ore 16:00 CEST
31ª giornata
Real Madrid 3 – 0
referto
Eibar Santiago Bernabéu (73.965[149] spett.)
Arbitro Alejandro Hernández Hernández (Comitato di Las Palmas)

Madrid
18 aprile 2015, ore 20:00 CEST
32ª giornata
Real Madrid 3 – 1
referto
Málaga Santiago Bernabéu (78.354[150] spett.)
Arbitro Iñaki Vikandi Garrido (Comitato basco)

Vigo
26 aprile 2015, ore 21:00 CEST
33ª giornata
Celta Vigo 2 – 4
referto
Real Madrid Balaídos (25.077[151] spett.)
Arbitro Pedro Jesús Pérez Montero (Comitato andaluso)

Madrid
29 aprile 2015, ore 20:00 CEST
34ª giornata
Real Madrid 3 – 0
referto
Almería Santiago Bernabéu (69.813[152] spett.)
Arbitro Jesús Gil Manzano (Comitato estremegno)

Siviglia
2 maggio 2015, ore 20:00 CEST
35ª giornata
Siviglia 2 – 3
referto
Real Madrid Ramón Sánchez-Pizjuán (39.689[153] spett.)
Arbitro José Luis González (Comitato castiglianoleonese)

Madrid
9 maggio 2015, ore 20:00 CEST
36ª giornata
Real Madrid 2 – 2
referto
Valencia Santiago Bernabéu (76.000[154] spett.)
Arbitro Carlos Clos Gómez (Comitato aragonese)

Cornellá de Llobregat
17 maggio 2015, ore 19:00 CEST
37ª giornata
Espanyol 1 – 4
referto
Real Madrid Cornellà-El Prat (30.180[155] spett.)
Arbitro Juan Martínez Munuera (Comitato valenciano)

Madrid
23 maggio 2015, ore 20:30 CEST
38ª giornata
Real Madrid 7 – 3
referto
Getafe Santiago Bernabéu (65.000[156] spett.)
Arbitro Fernando Teixieira Vitienes (Comitato cantabro)

Coppa del Re[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa del Re 2014-2015.

Sedicesimi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Cornellá de Llobregat
29 ottobre 2014, ore 20:00 CET
Andata
Cornellá 1 – 4
referto
Real Madrid Cornellà-El Prat (28.895[157] spett.)
Arbitro Santiago Jaime Latre (Comitato aragonese)

Madrid
2 dicembre 2014, ore 20:00 CET
Ritorno
Real Madrid 5 – 0
referto
Cornellá Santiago Bernabéu (46.200[158] spett.)
Arbitro José Luis González (Comitato castiglianoleonese)

Ottavi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Madrid
7 gennaio 2015, ore 21:00 CET
Andata
Atlético Madrid 2 – 0
referto
Real Madrid Vicente Calderón (51.000[159] spett.)
Arbitro Carlos Clos Gómez (Comitato aragonese)

Madrid
15 gennaio 2015, ore 20:00 CET
Ritorno
Real Madrid 2 – 2
referto
Atlético Madrid Santiago Bernabéu (81.000[160] spett.)
Arbitro Antonio Mateu Lahoz (Comitato valenciano)

UEFA Champions League[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: UEFA Champions League 2014-2015.

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Madrid
16 settembre 2014, ore 20:45 CEST
1ª giornata
Gruppo B
Real Madrid 5 – 1
referto
Basilea Santiago Bernabéu (65.364[161] spett.)
Arbitro Damir Skomina

Sofia
1º ottobre 2014, ore 20:45 CEST
2ª giornata
Gruppo B
Ludogorec 1 – 2
referto
Real Madrid Vasil Levski (41.484[162] spett.)
Arbitro Craig Thomson

Liverpool
22 ottobre 2014, ore 20:45 CEST
3ª giornata
Gruppo B
Liverpool 0 – 3
referto
Real Madrid Anfield (43.521[163] spett.)
Arbitro Nicola Rizzoli

Madrid
4 novembre 2014, ore 20:45 CET
4ª giornata
Gruppo B
Real Madrid 1 – 0
referto
Liverpool Santiago Bernabéu (79.283[164] spett.)
Arbitro Viktor Kassai

Basilea
26 novembre 2014, ore 20:45 CET
5ª giornata
Gruppo B
Basilea 0 – 1
referto
Real Madrid St. Jakob-Park (36.000[165] spett.)
Arbitro Milorad Mažić

Madrid
9 dicembre 2014, ore 20:45 CET
6ª giornata
Gruppo B
Real Madrid 4 – 0
referto
Ludogorec Santiago Bernabéu (58.393[166] spett.)
Arbitro Clément Turpin

BAS LIV LUD RMA
Basilea 1 - 0 4 - 0 0 - 1
Liverpool 1 - 1 2 - 1 0 - 3
Ludogorec 1 - 0 2 - 2 1 - 2
Real Madrid 5 - 1 1 - 0 4 - 0
Squadra P.ti G V P S GF GS DG
Real Madrid 18 6 6 0 0 16 2 +14
Basilea 7 6 2 1 3 7 8 -1
Liverpool 5 6 1 2 3 5 9 -4
Ludogorec 4 6 1 1 4 5 14 -9

Fase ad eliminazione diretta[modifica | modifica wikitesto]

Ottavi di finale[modifica | modifica wikitesto]
Gelsenkirchen
18 febbraio 2015, ore 20:45 CET
Andata
Schalke 04 0 – 2
referto
Real Madrid Veltins-Arena (54.442[167] spett.)
Arbitro Martin Atkinson

Madrid
10 marzo 2015, ore 20:45 CET
Ritorno
Real Madrid 3 – 4
referto
Schalke 04 Santiago Bernabéu (69.986[168] spett.)
Arbitro Damir Skomina

Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]
Madrid
14 aprile 2015, ore 20:45 CEST
Andata
Atlético Madrid 0 – 0
referto
Real Madrid Vicente Calderón (52.553[169] spett.)
Arbitro Milorad Mažić

Madrid
22 aprile 2015, ore 20:45 CEST
Ritorno
Real Madrid 1 – 0
referto
Atlético Madrid Santiago Bernabéu (78.300[170] spett.)
Arbitro Felix Brych

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]
Torino
5 maggio 2015, ore 20:45 CEST
Andata
Juventus 2 – 1
referto
Real Madrid Juventus Stadium (41.011[171] spett.)
Arbitro Martin Atkinson

Madrid
13 maggio 2015, ore 20:45 CEST
Ritorno
Real Madrid 1 – 1
referto
Juventus Santiago Bernabéu (78.153[172] spett.)
Arbitro Jonas Eriksson

Supercoppa di Spagna[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Supercopa de España 2014.
Madrid
19 agosto 2014, ore 23:00 CEST
Andata
Real Madrid 1 – 1
referto
Atlético Madrid Santiago Bernabéu (75.897[173] spett.)
Arbitro Javier Estrada Fernández (Comitato catalano)

Madrid
22 agosto 2014, ore 22:30 CEST
Ritorno
Atlético Madrid 1 – 0
referto
Real Madrid Vicente Calderón (54.000[174] spett.)
Arbitro David Fernández Borbalán (Comitato Andaluso)

Supercoppa UEFA[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Supercoppa UEFA 2014.
Cardiff
12 agosto 2014, ore 20:45 CEST
Real Madrid 2 – 0
referto
Siviglia Cardiff City Stadium (30.854[175] spett.)
Arbitro Mark Clattenburg

Coppa del mondo per club FIFA[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa del mondo per club FIFA 2014.

Semifinale[modifica | modifica wikitesto]

Marrakech
16 dicembre 2014, ore 20:30 CET
Cruz Azul 0 – 4
referto
Real Madrid Stadio di Marrakech (34.862[176] spett.)
Arbitro Enrique Osses

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Marrakech
20 dicembre 2014, ore 20:30 CET
Real Madrid 2 – 0
referto
San Lorenzo Stadio di Marrakech (38.345[177] spett.)
Arbitro Walter López

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Competizione Punti In casa In trasferta Totale D.R
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
Liga BBVA 92 19 16 2 1 65 15 19 14 0 5 53 23 38 30 2 6 118 38 +80
Coppa del Re - 2 1 1 0 7 2 2 1 0 1 4 3 4 2 1 1 11 5 +6
Supercoppa di Spagna - 1 0 1 0 1 1 1 0 0 1 0 1 2 0 1 1 1 2 -1
Champions League 18[178] 6 4 1 1 15 6 6 4 1 1 9 3 12 8 2 2 24 9 +15
Supercoppa UEFA - - - - - - - 1[179] 1 0 0 2 0 1 1 0 0 2 0 +2
Coppa del mondo per club FIFA - - - - - - - 2[180] 2 0 0 6 0 2 2 0 0 6 0 +6
Totale 110 28 21 5 2 88 24 31 23 1 7 75 29 59 43 6 10 162 54 +108

Andamento in campionato[modifica | modifica wikitesto]

Giornata 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38
Luogo C T C T C T C T C T C T T C T C T C T T C T C T C T C T C T C C T C T C T C
Risultato V S S V V V V V V V V V V V V V S V V V V S V V N S V S V V V V V V V N V V
Posizione 3 10 13 7 5 5 4 3 3 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2

Fonte: Liga – Classifiche, sport.sky.it (archiviato dall'url originale il 12 marzo 2014).
Legenda:
Luogo: C = Casa; T = Trasferta. Risultato: V = Vittoria; N = Pareggio; P = Sconfitta.

Statistiche dei giocatori[modifica | modifica wikitesto]

In corsivo i giocatori che hanno lasciato la squadra a stagione già iniziata.[181]

Giocatore Liga Coppa del Re UEFA Champions League Altre competizioni[182] Totale
Alonso, X. X. Alonso 00000000000020202020
Arbeloa, Á. Á. Arbeloa 2217030009110100035280
Bale, G. G. Bale 3113202000102005200481720
Benzema, K. K. Benzema 291510300096005100462210
Carvajal, D. D. Carvajal 300120302050105020430170
Casillas, I. I. Casillas 32-35000-00010-9005-20047-4600
Coentrão, F. F. Coentrão 901110004020300017031
de Tomás, R. R. de Tomás 00001000000000001000
Di María, Á. Á. Di María 00000000000010001000
Hernández, J. J. Hernández 2372021008100000033920
Illarramendi, A. A. Illarramendi 3003020107000200041040
Isco, Isco 344714110110104110536101
Jesé, Jesé 1632031003000100023420
Khedira, S. S. Khedira 1101030102000100017020
Kroos, T. T. Kroos 36260200012020501055290
Llorente, D. D. Llorente 00001000000000001000
López, D. D. López 0-0000-0000-0000-0000-000
Marcelo, Marcelo 342903120111405000534150
Medrán, Á. Á. Medrán 20002000110000005100
Modrić, L. L. Modrić 1614000006000302125161
Muñoz, J. J. Muñoz 00001010000000001010
Nacho, Nacho 1411020006000000022110
Navas, K. K. Navas 6-3103-5002-0000-00011-810
Ødegaard, M. M. Ødegaard 10000000000000001000
Pacheco, F. F. Pacheco 0-0001-0000-0000-0001-000
Pepe, Pepe 2724010006020400038260
Ramos, S. S. Ramos 274130212080405240427230
Rodríguez, J. J. Rodríguez 291350420091304100461780
Ronaldo, C. C. Ronaldo 35485[183]121001210105200546161
Silva, L. L. Silva 80000000100000009000
Varane, R. R. Varane 27020421012000300046230

Giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Organigramma[modifica | modifica wikitesto]

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Real Madrid Castilla[modifica | modifica wikitesto]

  • Segunda División B (II Gruppo): da disputare

Real Madrid C[modifica | modifica wikitesto]

Real Madrid Juvenil A[modifica | modifica wikitesto]

  • División de Honor Juvenil de Fútbol (V Gruppo): da disputare
  • UEFA Youth League: Ottavi da disputare

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Supercoppa Europea, Real Madrid-Siviglia 2-0: doppietta di Ronaldo, La Gazzetta dello Sport, 12 agosto 2014. URL consultato il 25 agosto 2014.
  2. ^ Real Madrid-Atletico Madrid 1-1, gol di James Rodriguez e Raul Garcia, La Gazzetta dello Sport, 19 agosto 2014. URL consultato il 25 agosto 2014.
  3. ^ Supercoppa di Spagna, Atletico-Real 1-0: decide Mandzukic dopo 2', La Gazzetta dello Sport, 23 agosto 2014. URL consultato il 23 agosto 2014.
  4. ^ Spagna: Real beffato, Supercoppa all’Atletico Madrid, Corriere della Sera, 23 agosto 2014. URL consultato il 25 agosto 2014.
  5. ^ El Real Madrid entra con dudas, Marca, 25 agosto 2014. URL consultato il 25 agosto 2014.
  6. ^ Liga, Real Madrid-Cordoba 2-0, gol di Benzema e Ronaldo. Rayo-Atletico 0-0, La Gazzetta dello Sport, 25 agosto 2014. URL consultato il 25 agosto 2014.
  7. ^ Expediente X, Marca, 31 agosto 2014. URL consultato il 31 agosto 2014.
  8. ^ Liga, Real Sociedad-Real Madrid 4-2, Villarreal-Barcellona 0-1, La Gazzetta dello Sport, 31 agosto 2014. URL consultato il 31 agosto 2014.
  9. ^ El Atleti se instala en el derbi, Marca, 13 settembre 2014. URL consultato il 13 settembre 2014.
  10. ^ Liga, impresa Atletico nel derby di Madrid: Real battuto 1-2, La Gazzetta dello Sport, 13 settembre 2014. URL consultato il 13 settembre 2014.
  11. ^ Más chulo que un ocho, Marca, 20 settembre 2014. URL consultato il 20 settembre 2014.
  12. ^ Liga, La Coruña-Real Madrid 2-8, show di Ronaldo, Bale, Chicharito e Rodriguez, La Gazzetta dello Sport, 20 settembre 2014. URL consultato il 20 settembre 2014.
  13. ^ Cristiano hace y deshace, Marca, 23 settembre 2014. URL consultato il 23 settembre 2014.
  14. ^ Cuestión de clase, Marca, 27 settembre 2014. URL consultato il 28 settembre 2014.
  15. ^ Liga, Villarreal-Real Madrid 0-2, gol di Modric e Ronaldo, La Gazzetta dello Sport, 27 settembre 2014. URL consultato il 28 settembre 2014.
  16. ^ Real Madrid y nada más, Marca, 5 ottobre 2014. URL consultato il 5 ottobre 2014.
  17. ^ Desatado al Clásico, Marca, 18 ottobre 2014. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  18. ^ No hay quien pare al Madrid, Marca, 25 ottobre 2014. URL consultato il 26 ottobre 2014.
  19. ^ Liga, Clasico al Real Madrid: Barcellona rimontato e sconfitto 3-1, La Gazzetta dello Sport, 26 ottobre 2014. URL consultato il 26 ottobre 2014.
  20. ^ Un Madrid con mucho arte, Marca, 1º novembre 2014. URL consultato il 2 novembre 2014.
  21. ^ La sana costumbre de golear, Marca, 8 novembre 2014. URL consultato l'8 novembre 2014.
  22. ^ 0-4: Un gran Real Madrid pasa por encima del Granada, El Mundo Deportivo, 1º novembre 2014. URL consultato il 2 novembre 2014.
  23. ^ No hay Madrid pequeño, Marca, 22 novembre 2014. URL consultato il 22 novembre 2014.
  24. ^ Un Madrid invencible, Marca, 29 novembre 2014. URL consultato il 29 novembre 2014.
  25. ^ Real Madrid facile col Celta: triplo Cristiano Ronaldo, fa 200 nella Liga, La Gazzetta dello Sport, 6 dicembre 2014. URL consultato il 6 dicembre 2014.
  26. ^ El líder sobrevive a una emboscada, Marca, 12 dicembre 2014. URL consultato il 13 dicembre 2014.
  27. ^ El Valencia manda a la lona al Madrid, Marca, 4 gennaio 2015. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  28. ^ Real Madrid, Ancelotti si ferma a 22 vittorie consecutive: sfuma il record, La Gazzetta dello Sport, 4 gennaio 2015. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  29. ^ Año Nuevo en Chamartín, Marca, 10 gennaio 2015. URL consultato l'11 gennaio 2015.
  30. ^ Benzema descongela al Madrid, Marca, 18 gennaio 2015. URL consultato il 18 gennaio 2015.
  31. ^ Un líder desquiciado, Marca, 24 gennaio 2015. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  32. ^ [Sociedad.http://www.marca.com/eventos/marcador/futbol/2014_15/primera/jornada_21/rma_rso/ El líder recupera su esencia], Marca, 31 gennaio 2015. URL consultato il 1º febbraio 2015.
  33. ^ Jesé & James deciden un 'thriller', Marca, 4 febbraio 2015. URL consultato il 4 febbraio 2015.
  34. ^ Atleti, con dos pares, Marca, 7 febbraio 2015. URL consultato l'8 febbraio 2015.
  35. ^ Liga, Atletico-Real 4-0: gol di Tiago, Saul, Griezmann e Mandzukic, La Gazzetta dello Sport, 7 febbraio 2015. URL consultato l'8 febbraio 2015.
  36. ^ El Madrid deja la fiesta para otro día, Marca, 14 febbraio 2015. URL consultato il 14 febbraio 2015.
  37. ^ El Madrid recupera el vuelo, Marca, 22 febbraio 2015. URL consultato il 23 febbraio 2015.
  38. ^ Torpedo al líder, Marca, 1º marzo 2015. URL consultato il 2 marzo 2015.
  39. ^ Un líder muy flojo, Marca, 7 marzo 2015. URL consultato l'8 marzo 2015.
  40. ^ Clásico a punto, Marca, 15 marzo 2015. URL consultato il 16 marzo 2015.
  41. ^ El Real Madrid perdona, machaca el Bercelona, Marca, 22 marzo 2015. URL consultato il 23 marzo 2015.
  42. ^ Spagna, Real Madrid esagerato: vince 9-1, Ronaldo ne fa 5, La Repubblica, 5 aprile 2015. URL consultato il 7 aprile 2015.
  43. ^ Los blancos no ganaban por 9-1 desde la temporada 67-68, Marca, 6 aprile 2015. URL consultato il 7 aprile 2015.
  44. ^ El Madrid se sube en marcha en Vallecas, Marca, 8 aprile 2015. URL consultato il 9 aprile 2015.
  45. ^ Tres goles... y a dos, Marca, 11 aprile 2015. URL consultato il 12 aprile 2015.
  46. ^ El Madrid supera las desgracias, Marca, 18 aprile 2015. URL consultato il 18 aprile 2015.
  47. ^ La Liga tiene 'Chicha', Marca, 27 aprile 2015. URL consultato il 27 aprile 2015.
  48. ^ El Madrid caza al paso, Marca, 29 aprile 2015. URL consultato il 29 aprile 2015.
  49. ^ Cristiano sí cree en esta Liga, Marca, 2 maggio 2015. URL consultato il 3 maggio 2015.
  50. ^ Alves despeja la Liga, Marcadata=9 maggio 2015. URL consultato il 10 maggio 2015.
  51. ^ Liga: Real Madrid, solo un pari col Valencia. Ancelotti in ansia per Kroos, La Gazzetta dello Sport, 9 maggio 2015. URL consultato il 10 maggio 2015.
  52. ^ Cristiano llega tarde, Marca, 17 maggio 2015. URL consultato il 18 maggio 2015.
  53. ^ Unos números de escándalo, Marca, 17 maggio 2015. URL consultato il 18 maggio 2015.
  54. ^ Goles sin celebrar, Marca, 23 maggio 2015. URL consultato il 24 maggio 2015.
  55. ^ Un paseo hasta la final, Marca, 16 dicembre 2014. URL consultato il 17 dicembre 2014.
  56. ^ El mundo a sus pies, Marca, 20 dicembre 2014. URL consultato il 21 dicembre 2014.
  57. ^ Huesca-Barça y Cornellá-Real Madrid, en dieciseisavos, Marca, 17 ottobre 2014. URL consultato il 17 ottobre 2014.
  58. ^ Un ejercicio de profesionalidad, Marca, 29 ottobre 2014. URL consultato il 30 ottobre 2014.
  59. ^ Con un par de jugones... ¡y con Jesé!, Marca, 3 dicembre 2014. URL consultato il 3 dicembre 2014.
  60. ^ Aquí manda el Atleti, Marca, 7 gennaio 2015. URL consultato l'8 gennaio 2015.
  61. ^ Torres incendia el Bernabéu, Marca, 15 gennaio 2015. URL consultato il 16 gennaio 2015.
  62. ^ Sorteo benévolo para los españoles, Marca, 28 agosto 2014. URL consultato il 29 agosto 2014.
  63. ^ Champions League, la Juventus sfida il Cholo. Roma nel gruppo della morte, La Gazzetta dello Sport, 28 agosto 2014. URL consultato il 29 agosto 2014.
  64. ^ El Madrid recupera la memoria, Marca, 16 settembre 2014. URL consultato il 16 settembre 2014.
  65. ^ Benzema evita un sofoco, Marca, 1º ottobre 2014. URL consultato il 2 ottobre 2014.
  66. ^ This is el Real Madrid, Marca, 22 ottobre 2014. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  67. ^ La felicidad se instala en Chamartín, Marca, 4 novembre 2014. URL consultato il 5 novembre 2014.
  68. ^ Marca registrada, Marca, 26 novembre 2014. URL consultato il 26 novembre 2014.
  69. ^ Ancelotti iguala a Muñoz y Mourinho en la mejor racha del Madrid, Marca, 26 novembre 2014. URL consultato il 26 novembre 2014.
  70. ^ Calma récord, Marca, 9 dicembre 2014. URL consultato il 10 dicembre 2014.
  71. ^ Octavos: Schalke-Real Madrid, City-Barça y Leverkusen-Atlético, Marca, 15 dicembre 2014. URL consultato il 15 dicembre 2014.
  72. ^ Champions de color de rosa, Marca, 18 febbraio 2015. URL consultato il 19 febbraio 2015.
  73. ^ Cuartos de vergüenza, Marca, 10 marzo 2015. URL consultato l'11 marzo 2015.
  74. ^ Atlético-Real Madrid y PSG-Barça, en cuartos de final, Marca, 20 marzo 2015. URL consultato il 20 marzo 2015.
  75. ^ Champions: Oblak salva l'Atletico, 0-0 col Real, sportmediaset.mediaset.it, 14 aprile 2015. URL consultato il 16 aprile 2015.
  76. ^ La noche de Chicharito, Marca, 22 aprile 2015. URL consultato il 23 aprile 2015.
  77. ^ Juventus-Real Madrid 2-1: Morata e Tevez, la finale non è più un sogno, La Gazzetta dello Sport, 5 maggio 2015. URL consultato il 6 maggio 2015.
  78. ^ La Juventus se cuela en la final de Berlín, Marca, 13 maggio 2015. URL consultato il 14 maggio 2015.
  79. ^ Junta Directiva, Real Madrid Official Website.
  80. ^ a b Plantilla, Real Madrid Official Website.
  81. ^ Miguel Pardeza, su transfermarkt.it.
  82. ^ Carlo Ancelotti, su transfermarkt.it.
  83. ^ Villiam Vecchi, su transfermarkt.it.
  84. ^ Paul Clement, su transfermarkt.it.
  85. ^ Giovanni Mauri, su transfermarkt.it.
  86. ^ Comunicato Stampa, juventus.com (archiviato dall'url originale il 2 novembre 2014).
  87. ^ Mercato, Di Maria allo United: affare da 80 milioni di euro, La Repubblica, 26 agosto 2014. URL consultato il 27 agosto 2014.
  88. ^ Manchester United, colpaccio Di Maria. Ancelotti conferma: "E' tutto fatto", La Gazzetta dello Sport, 26 agosto 2014. URL consultato il 27 agosto 2014.
  89. ^ Calciomercato Bayern, colpo Xabi Alonso: 10 milioni al Real Madrid, La Gazzetta dello Sport, 27 agosto 2014. URL consultato il 30 agosto 2014.
  90. ^ Calciomercato - Xabi Alonso al Bayern Monaco: “Volevo nuovi stimoli”[collegamento interrotto], Eurosport, 29 agosto 2014. URL consultato il 30 agosto 2014.
  91. ^ a b Toni Kroos signs for Real Madrid, fcbayern.de, 17 luglio 2014. URL consultato il 19 luglio 2014.
  92. ^ Kroos è del Real Madrid. Un affare da 100 milioni., La Gazzetta dello Sport, 17 luglio 2014. URL consultato il 17 luglio 2014.
  93. ^ Real Madrid, ecco James Rodriguez: E' un sogno, spero di vincere tanto, La Repubblica.
  94. ^ James Rodriguez - Real Madrid, oggi la firma. Al Monaco 75 milioni di euro, La Gazzetta dello Sport, 21 luglio 2014. URL consultato il 21 luglio 2014.
  95. ^ Keylor ya es del Madrid, Marca, 3 agosto 2014. URL consultato il 26 agosto 2014.
  96. ^ Transfer deadline day: Javier Hernandez joins Real Madrid, BBC, 1º settembre 2014. URL consultato il 1º settembre 2014.
  97. ^ Javier Hernandez-Real, è ufficiale Il messicano lascia lo United, La Gazzetta dello Sport, 1º settembre 2014. URL consultato il 1º settembre 2014.
  98. ^ (EN) realmadrid.com, Official announcement, su realmadrid.com. URL consultato il 17 luglio 2014.
  99. ^ (EN) realmadrid.com, Official announcement: James Rodríguez, su realmadrid.com. URL consultato il 22 luglio 2014.
  100. ^ (EN) "realmadrid.com", Official statement: Keylor Navas, su realmadrid.com.
  101. ^ (EN) "realmadrid.com", Official announcement: Javier Hernández 'Chicharito', su realmadrid.com.
  102. ^ (EN) bvb.de, BVB seal permanent deal for Nuri Sahin, su bvb.de. URL consultato il 10 aprile 2014.
  103. ^ (EN) realmadrid.com, Official announcement, su realmadrid.com. URL consultato il 28 giugno 2014.
  104. ^ El Levante UD llega a un acuerdo con el Real Madrid CF para el traspaso del guardameta Jesús Fernández, levanteud.com (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2014).
  105. ^ Con diritto di riscatto e contro-riscatto al termine della stagione.
  106. ^ (EN) realmadrid.com, Official announcement: Casemiro, su realmadrid.com. URL consultato il 19 luglio 2014.
  107. ^ Con diritto di riacquisto al termine delle stagioni 2015-2016 e 2016-2017 (fino ad un massimo di 30 mln €)
  108. ^ juventus.com, Morata è bianconero [collegamento interrotto], su juventus.com. URL consultato il 19 luglio 2014. © Copyright Wikipedia authors - The articles gathered in this document are under the GFDL licence.
    http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html