Stazione di Niscemi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Niscemi
stazione ferroviaria
Stato  Italia
Localizzazione Niscemi
Coordinate 37°08′42.63″N 14°24′12.39″E / 37.145175°N 14.403442°E37.145175; 14.403442Coordinate: 37°08′42.63″N 14°24′12.39″E / 37.145175°N 14.403442°E37.145175; 14.403442
Attivazione 1979
Stato attuale In uso
Linee Catania-Caltagirone-Gela
Tipo Stazione in superficie, passante
Dintorni Campo sportivo

La stazione di Niscemi è lo scalo ferroviario a servizio della città di Niscemi, posto sulla tratta ferroviaria Catania-Caltagirone- Gela.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio degli anni cinquanta il Ministero dei lavori pubblici promosse uno studio per riprendere i lavori di costruzione della linea ferroviaria Caltagirone–Gela, che avevano subito una lunga battuta di arresto già da prima della seconda guerra mondiale. Aggiornando il progetto anteguerra venne progettata una moderna stazione fornita di servizi accessori con bar e biglietteria, e ampio atrio. I lavori, tuttavia, vennero portati avanti con lentezza estrema tanto che l'inaugurazione avvenne solo nel novembre 1979 alla presenza di numerose autorità locali e dello stesso Ministro dei Lavori Pubblici.

Da maggio 2011 i collegamenti ferroviari tra la stazione di Niscemi e le stazioni di Caltagirone e Gela sono sospesi in seguito all'interruzione della tratta Niscemi-Caltagirone dovuta al crollo dell'arcata di un viadotto[1].

Strutture e impianti[modifica | modifica wikitesto]

Il fabbricato viaggiatori e gli edifici accessori della stazione sono costruiti in calcestruzzo faccia vista e mattoni. L'edificio principale è a due piani con ufficio movimento, lavori e servizi vari; è posto ad ovest dei binari (procedendo in direzione Caltagirone/Catania). All'interno di esso si trova un ampio atrio con biglietteria, locali di servizio e bar.

Il piazzale ha 3 binari per servizio viaggiatori[2] con ampie banchine, pensiline e sottopassaggi e 2 per servizio merci passanti. Ad est il piazzale merci fornito di ponte a bilico da 40 t della lunghezza di 9 m[2]. Sin dalla sua apertura è stata esercita in telecomando DCO e presenziata per il solo servizio commerciale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ È crollato un ponte della ferrovia interrotta la linea Gela e Niscemi, in Il giornale di Gela, 08 maggio 2011.
  2. ^ a b FO 152a, p. 17

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ferrovie dello Stato, Palermo, Fascicolo circolazione linee della Unità periferica, ediz. in vigore dal 24 settembre 1995, pp. 129-139
  • Ferrovie dello Stato, Palermo, Orario generale di servizio valido dal 31 maggio 1981 al 28 maggio 1983
  • Ferrovie dello Stato, Palermo, Orario generale di servizio valido dal 28 maggio 1995 al 31 maggio 1997
  • Rete Ferroviaria Italiana, Fascicolo Linea 154.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Niscemi
Direzione Stazione precedente Ferrovia Stazione successiva Direzione
Catania Caltagirone Catania-Caltagirone-Gela
 (335+917)
Gela Gela
Portale Sicilia
Portale Trasporti