Strada statale 235 di Orzinuovi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Strada provinciale ex strada statale 235
SP ex SS 235
(nelle province di Pavia e Lodi)
Strada provinciale Cremonese ex strada statale 235
SP CR ex SS 235
(nella provincia di Cremona)
Strada provinciale Bresciana ex strada statale 235
SP BS ex SS 235
(nella provincia di Brescia)
di Orzinuovi
Localizzazione
Stato  Italia
Regioni  Lombardia
Dati
Classificazione Strada provinciale
Inizio Pavia
Fine Innesto su SS 11 presso Brescia
Lunghezza 98,790[1] km
Provvedimento di istituzione D.M. 16/11/1959 - G.U. 41 del 18/02/1960[2]
Gestore Tratte ANAS: nessuna (dal 2001 la gestione è passata alla Provincia di Pavia, alla Provincia di Lodi, alla Provincia di Cremona e alla Provincia di Brescia)

La ex strada statale 235 di Orzinuovi (SS 235), ora strada provinciale ex SS 235 di Orzinuovi (SP ex SS 235) in provincia di Pavia[3] e in provincia di Lodi[4], strada provinciale Cremonese ex strada statale 235 di Orzinuovi (SP CR ex SS 235)[5] in provincia di Cremona e strada provinciale Bresciana ex strada statale 235 di Orzinuovi (SP BS ex SS 235)[6] in provincia di Brescia, è un'importante strada provinciale italiana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il tracciato storico corrisponderebbe in parte alla strada romana che collegava Brixia (Brescia) a Ticinum (Pavia), in particolare tra Brescia ed il fiume Adda[7]. Da Brescia ad Orzinuovi si sviluppa secondo un andamento rettilineo, mentre tra Soncino e Crema ha una linea spezzata per aggirare il Pianalto di Romanengo e i dossi di Offanengo, piccole emergenze un tempo più pronunciate di oggi e delle quali ne sono rimaste tracce toponomastiche quali il Dosso del Favale, il Dosso Castello, il Dossello[8]. Si è ipotizzato che il superamento del dosso di Crema avvenisse a meridione e non attraverso il sistema viario interno (attuali via Giuseppe Mazzini e via XX Settembre)[8], mentre la prosecuzione verso l'Adda e il passaggio del fiume dovrebbero coincidere con l'antico tracciato[8].

Il sistema viario attuale tra il l'Adda e Pavia, invece, non è il medesimo di quello antico a causa dello spostamento nel 1158 della città di Laus Pompeia[7].

Probabilmente la strada sopravvisse oltre l'epoca romana quale importante collegamento viario verso Ticinum, capitale del regno dei Longobardi e punto di snodo verso il mar Ligure e la Gallia attraverso i valichi transalpini[7], La presenza longobarda è attestata anche dai toponimi che terminano in -engo lungo il suo percorso (Ticengo, Romanengo, Offanengo) oltre al rinvenimento di tombe in varie località[8].

La strada statale 235 fu istituita nel 1959 con il seguente itinerario: "Innesto S.S. n. 35 a Pavia - Crema - Innesto S.S. n. 11 a Brescia."[2]

In seguito al decreto legislativo n. 112 del 1998, dal 2001 la gestione è passata dall'ANAS alla Regione Lombardia, che ha provveduto al trasferimento dell'infrastruttura al demanio della Provincia di Pavia, della Provincia di Lodi, della Provincia di Cremona e della Provincia di Brescia per le tratte territorialmente competenti[9].

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Ha origine a Pavia dalla periferia est della città ed è la più importante via di collegamento verso Lodi, il cremasco e il bresciano; su un tracciato tipicamente di pianura la strada tocca i comuni di Copiano, Gerenzago, nei pressi del quale interseca la SP ex SS 412 della Val Tidone, e Sant'Angelo Lodigiano; dopo aver intersecato l'A1 (nei pressi di Pieve Fissiraga) ed aver toccato il comune di Cornegliano Laudense e la sua frazione Muzza Sant'Angelo, entra in Lodi.

Scorcio presso l'abitato di Ticengo

Superato il fiume Adda su di un ponte, la strada attraversa i comuni di Corte Palasio, Dovera e Crespiatica (frazioni Tormo e Benzona), entrando nel Cremasco, dove tocca Chieve e Bagnolo (assieme alla frazione Gattolino), quindi entra in Crema, dove interseca la SP ex SS 415 Paullese; poi Offanengo, Romanengo, Ticengo, Soncino, dove interseca la ex strada statale 498 Soncinese, ed entra nel bresciano; tale tratta fu interessata, fra il 1880 e il 1931, dal binario della tranvia Lodi-Crema-Soncino.

Da Soncino la strada inizia a risalire verso nord attraversando Orzinuovi, che dà il nome alla strada, Orzivecchi, Pompiano, Corzano, Trenzano, Maclodio, Lograto, Casaglia, Torbole e Roncadelle, terminando infine, dopo aver intersecato l'A4, all'innesto sulla SP ex SS 11 Padana Superiore, alle porte di Brescia.

Tratto Soncino sud-Orzinuovi est[modifica | modifica wikitesto]

Il tronco di ex SS 235 tra Soncino e Orzinuovi è stato sostituito negli anni novanta da una variante a scorrimento veloce che funge da tangenziale di entrambi gli agglomerati urbani, tagliando la pianura a nord di essi e attraversando il fiume Oglio.

Questa tratta, di lunghezza pari a 9 chilometri, ha caratteristiche di strada extraurbana secondaria a carreggiata unica; è priva di intersezioni a raso e conta sei svincoli a livelli sfalsati per l'interscambio con le varie strade intersecate. All'estremità orientale, immediatamente oltre lo svincolo di Orzinuovi est che immette sul vecchio tracciato della ex SS 235, prosegue come SP BS 668 (ex strada statale 668 Lenese) dirigendosi verso Montichiari.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Roberto Knobloch, Il sistema stradale di età romana: genesi ed evoluzione in Insula Fulcheria XXXX vol. B, Castelleone, Industrie Grafiche Sorelle Rossi, 2000.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Portale Lombardia
Portale Trasporti