Strada statale 50 del Grappa e del Passo Rolle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Strada statale 50
del Grappa e del Passo Rolle
Localizzazione
Stato  Italia
Regioni Veneto
Trentino-Alto Adige
Dati
Classificazione Strada statale
Inizio Ponte nelle Alpi
Fine Predazzo
Lunghezza 116,000 km
Provvedimento di istituzione Legge 17/05/1928 n° 1094[1]
Gestore Tratte ANAS: da Ponte nelle Alpi a Fonzaso; dal 1998 la gestione del tratto confine con il Veneto - Predazzo è passata alla Provincia Autonoma di Trento; dal 2001 la gestione del tratto Fonzaso - confine con il Trentino-Alto Adige è passata invece alla Regione Veneto, che ha ulteriormente devoluto le competenze alla Provincia di Belluno

La strada statale 50 del Grappa e del Passo Rolle (SS 50), strada regionale 50 del Grappa e del Passo Rolle (SR 50)[2] da Fonzaso al confine con il Trentino-Alto Adige, è un'importante strada statale e regionale italiana. Si snoda in Veneto (provincia di Belluno) e nella provincia autonoma di Trento.

È una delle strade di montagna più conosciute e apprezzate delle Alpi, soprattutto per i suggestivi scenari e paesaggi naturali in cui si snoda il suo tracciato. Inoltre, è stata spesso inserita nei percorsi di gare ciclistiche di importanza internazionale, tra le quali varie edizioni del Giro d'Italia.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Ha inizio a Ponte nelle Alpi, centro nella valle del Piave, dove si stacca dalla strada statale 51 di Alemagna proveniente da Conegliano e diretta in Cadore. Perviene quindi nel capoluogo, Belluno (km 8), e una volta completatone l'attraversamento continua a discendere il fondovalle toccando i centri di Sedico e Santa Giustina. A Sedico si stacca la ex Strada statale 203 Agordina. Al bivio di Busche (km 31,7) si stacca sulla sinistra la strada provinciale 1 della Sinistra Piave che è una strada provinciale che prosegue lungo il corso del fiume in direzione Treviso. La SS 50 invece si allontana dal Piave, salendo leggermente sino a Feltre (km 39). Presso la località Arten (km 46,3), sullo spartiacque tra il bacino del Piave e quello del Brenta, ha origine la diramazione SS 50 bis che si collega, con percorso a scorrimento veloce, alla strada statale 47 della Valsugana. Inoltre, la strada statale 50 perde il diritto di precedenza, che viene acquisito dalla SS 50 bis.

Le Pale di San Martino viste dalla SS 50.

La SS 50 invece imbocca la valle percorsa dal torrente Cismon, lambisce Fonzaso e abbandona il territorio veneto per entrare in Trentino in località Pontet (km 60), infilandosi nella stretta Val Schenèr e costeggiando l'omonimo lago. Questo tratto, molto panoramico, è caratterizzato da varie gallerie, alcune molto brevi e altre più lunghe. Al ponte di San Silvestro scavalca il Cismon ed entra nella valle del Primiero, dominata dalle Pale di San Martino, uno tra i più celebri gruppi montuosi dolomitici.

Si attraversano Imèr, Mezzano e Fiera di Primiero (717 m, km 72,8).

Appena oltre il paese, lasciato sulla destra il bivio per il Passo Cereda, si inizia a risalire l'alta valle mantenendosi per lo più sul fondo. Si toccano Siror (765 m), Valmesta (1119 m) e poi la celebre località turistica di San Martino di Castrozza (m 1444, km 85,6) dominata dalle vette che da essa prendono il nome. Da San Martino inizia la salita verso il Passo Rolle (m 1984, km 94,9) che si raggiunge con una serie di tornanti.

Dal valico, che costituisce lo spartiacque tra i bacini dell'Avisio (affluente dell'Adige) e del Cismon, affluente del Brenta, si inizia la lunga discesa attraverso la val Travignolo percorsa dall'omonimo torrente. In località Paneveggio (m 1555, km 101,4), sede di un centro visitatori del Parco naturale Paneveggio-Pale di San Martino, ha inizio la strada provinciale che sale al vicino Passo Valles e scende poi a Falcade; la SS 50 invece prosegue nella sua discesa, costeggiando il lago di Paneveggio (o di Forte Buso) e attraversando Bellamonte (1372 m, km 110). Gli ultimi chilometri hanno una contropendenza maggiore e sono caratterizzati da alcuni tornanti; al termine, si giunge a Predazzo (1018 m, km 116), centro più popoloso della Val di Fiemme, ove la SS 50 si innesta nella strada statale 48 delle Dolomiti.

In seguito al decreto legislativo 2 settembre 1997, n° 320, dal 1º luglio 1998, la gestione del tratto confine con il Veneto - Predazzo è passata dall'ANAS alla Provincia Autonoma di Trento. La classificazione amministrativa di questo tratto è tuttavia rimasta invariata, in quanto il decreto trasferisce solo le competenze sulla gestione e non la proprietà. In seguito invece al decreto legislativo n. 112 del 1998, dal 2001, la gestione del tratto Fonzaso - confine con il Trentino-Alto Adige è passata dall'ANAS alla Regione Veneto, che ha ulteriormente devoluto le competenze alla Provincia di Belluno, dove di fatto la strada è gestita da una società concessionaria, la Veneto Strade. Il tratto Ponte nelle Alpi - Fonzaso è rimasto invece all'ANAS.

Strada provinciale 1 della sinistra Piave[modifica | modifica wikitesto]

Strada provinciale 1 della sinistra Piave
Localizzazione
Stato  Italia
Regioni  Veneto
Dati
Classificazione Strada provinciale
Inizio Ponte nelle Alpi
Fine innesto SS 50 a Busche
Lunghezza 30,000 km
Gestore Veneto Strade

La strada provinciale 1 della sinistra Piave è una strada provinciale del bellunese che segue da Ponte nelle Alpi a Busche la SS 50 ma si sviluppa sulla sinistra orografica del Piave.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Ha origine dall'innesto con la SS 51 a Ponte nelle Alpi. Entra in comune di Belluno e attraversa le frazioni di Sagrogna e Levego. Entra a Belluno con il nome di via Monte Grappa. Esce da Belluno e arriva a Visome dove è stata costruita una circonvallazione che evita il passaggio in paese. attraversa Limana e Villa di Limana con una variante. Poi si trova l'uscita per la zona industriale Cesa. Si entra in comune di Trichiana dove si attraversa il capoluogo in variante. Qui si trova l'intersezione con la ex Strada statale 635 del Passo di San Boldo. Arriva in comune di Mel dove attraversa la parte bassa del capoluogo. Tocca le frazioni di Villa di Villa e Camposanpiero. Prima della località Bradies devia in una variante di recente costruzione che termina dopo l'abitato di Lentiai. Prima della costruzione della variante si doveva attraversare i centri di Bardies e Lentiai. In località Villapiana si trova l'innesto con la SP 1 bis che prosegue sulla riva sinistra del Piave e si congiunge con la ex strada statale 348 Feltrina a sud di Vas. La SP 1 attraversa il Piave sul ponte-diga di Busche e termina con una rotonda sulla SS 50.

Tabella percorso[modifica | modifica wikitesto]


Sinistra Piave
Tipo Indicazione km Provincia
d'Alemagna 0,0 BL
Sagrogna/Levego 2,3
Belluno 6,5
Col Cavalier 6,6
Visome est
Belluno - Via Monte Grappa
9,4
Visome ovest
Uscita solo verso Ponte nelle Alpi, entrata per Busche
11,0
Limana-La Cal 11,4
Limana-Villa di Limana 13,5
Zona industriale Cesa 14,4
Zona industriale Cavassico
Solo uscita in tutte le direzioni
16,0
del passo di S.Boldo 16,9
Trichiana 18,3
Mel 21,3
Villa di Villa/Camposampiero 24,2
Bardies/Variante di Lentiai-Bardies 25,9
Lentiai/Variante di Lentiai-Bardies 28,7
Madonna del Piave 29,6
Diga di Busche 30,4
del Grappa e Passo Rolle 31,0

Lavori e progetti[modifica | modifica wikitesto]

Dal 15 giugno 2015 è attivo il traforo del Col Cavalier (1800 metri) per evitare il passaggio in via Monte Grappa a Belluno.

Note

  1. ^ Elenco delle Strade Statali e delle Autostrade, ANAS, 1992
  2. ^ Rete stradale del Veneto

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti