Teodoro (prefetto del pretorio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai a: navigazione, cerca

Teodoro (latino: Theodorus; floruit 390-409) fu un personaggio politico dell'Impero romano d'Occidente, due volte prefetto del pretorio.

Biografia

Teodoro fu probabilmente il figlio di Manlio Teodoro e fratello di Manlia Dedalia.

È noto che nel 390 ricopriva una carica amministrativa; Quinto Aurelio Simmaco gli scrisse per chiedergli di aiutarlo nei preparativi del proprio consolato.[1]

Fu proconsole d'Africa; Agostino di Ippona testimonia il suo essere in carica il 22 dicembre 396.[2]

Fu Prefetto del pretorio delle Gallie tra il 28 dicembre 396 (quando è attestato in carica il suo predecessore Ilario) e il 18 dicembre 397 (quando è attestato in carica Vincenzo.

Numerose leggi a lui indirizzate ne attestano il secondo mandato come Prefetto del pretorio d'Italia tra il 13 settembre 408 e il 15 gennaio 409; Olimpio lo destituì, sostituendolo con Ceciliano.[3]

Note

  1. ^ Quinto Aurelio Simmaco, Epistulae, V.15.
  2. ^ Agostino, Contra Cresconium grammaticum, III.62.
  3. ^ Zosimo, V.44.2

Bibliografia

Predecessore
Ilario
Prefetto del pretorio delle Gallie
397
Successore
Vincenzo
Predecessore
Macrobio Longiniano
Prefetto del pretorio d'Italia e Illirico
408-409
Successore
Ceciliano


© Copyright Wikipedia authors - The articles gathered in this document are under the GFDL licence.
http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html