Umberto Pierantoni (prefetto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Umberto Pierantoni (Napoli, 31 ottobre 1931) è un poliziotto, prefetto e funzionario italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in giurisprudenza, funzionario dal 1956 della Polizia di Stato, dall'Ufficio affari riservati nel 1978 passa al SISDE e nel 1985 diviene capo del II reparto. Nominato prefetto nel febbraio 1987, è stato nominato direttore della Direzione centrale della polizia di prevenzione del ministero dell'Interno[1]. Dal gennaio 1992 è stato vice capo della Polizia vicario [2], fino al luglio 1994 quando è nominato segretario generale del Comitato esecutivo per i servizi di informazione e sicurezza, che regge fino all'ottobre 1996. In quella data è nominato Ispettore Generale di Amministrazione del ministero dell'interno [3].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce Ordine al Merito della Repubblica Italiana
— Italia, 27 dicembre 1994.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Comitato esecutivo per i servizi di informazione e sicurezza Successore
Giuseppe Tavormina 1994 - 1996 Francesco Berardino
Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie