La vegetazione del parco urbano "Pineta" di Castel Fusano/Considerazioni sulla flora

Da Wikisource.
Considerazioni sulla flora

../Elenco floristico ../La vegetazione - metodo IncludiIntestazione 27 luglio 2010 75% Da definire

Considerazioni sulla flora
Elenco floristico La vegetazione - metodo


Abbiamo trovato una sola specie da considerare endemica, la Crepis bursifolia L..

Le specie della flora di Castel Fusano che secondo il lavoro del professor Anzalone "Elenco preliminare delle piante vascolari del Lazio" sono da considerare rare (r), non più trovate dopo il 1920 (NT), dubbie (?) o non citate (NC) sono le seguenti:

Sagina maritima Don. r
Polycarpon diphyllum Cav. r
Malcolmia ramosissima (Desf.) Thell. r
Vicia pseudocracca Bertol. NT
Vicia disperma DC. r
Melilotus altissima Thuill. r
Trifolium maritimus Hudson r
Lotus uliginosus Schkuhr r
Tetragonolobus maritimus (L.) Roth. r
Daucus guttatus Sibth et Sm. r
Anagallis parviflora Hoff. et Link r
Lithospermum officinale L. r
Plantago macrorhiza Poiret r
Hypochoeris glabra L. r
Muscari neglectum Guss. r
Romulea rolli Parl. r
Gladiolus communis L. r
Vulpia geniculata (L.) Link r
Vulpia bromoides (L.) S.F. Gray r
Avellinia michelii (Savi) Parl. r
Bromus rubens L. r
Brachypodium phoenicoides (L.) Roem. et Sch. r
Trisetaria aurea (Ten) Pign. r
Cenchrus incertus M.A. Curtis r
Carex hallerana Asso r
Carex pallescens L. r
Carex oederi Retz. NC
Carex acutiformis Ehrh. r
Holoschoenus romanus (L.) Fritsch r
Ophrys arachnitiformis Gren. et Phil. NC
Cephalanthera rubra (L.) L.C.M. Richard r

Percorrendo il parco all'interno e all'esterno dei suoi attuali confini abbiamo potuto constatare che alcune di queste specie si incontrano frequentemente, senza doverle cercare in modo particolare.

La Vicia pseudocracca Bertol. è molto comune nella zona che stiamo esaminando. In alcuni tratti, sulla sabbia nei pressi del canale dello stagno, è addirittura tappezzante.

Il Trifolium maritimus Hudson è stato trovato nella gariga antistante il litorale - in zone prossime ad essere edificate - e separato da questo dalla strada litoranea e dagli stabilimenti balneari.

Il Tetragonolobus maritimus (L.) Roth. è stato trovato, in discrete quantità, in una zona esterna ai confini del parco dove, per altro, sta per essere costruita una strada.

La Romulea rolli Parl. nel periodo di fioritura ricopre i prati falciati del parco, adibiti ad uso pubblico.

Il Gladiolus communis L. è abbondante, in estate, nella radura che circonda la piscina Torta.

L'Holoschoenus romanus (L.) Fritsch è molto frequente nelle zone umide, nelle "piscine", nelle depressioni del terreno e dove la falda freatica, presumibilmente, è più alta. Spesso si trova associato con l'Holoschoenus australis.

La Cephalanthera rubra (L.) L.C.M. Richard è ricomparsa, dopo un lungo periodo nel quale non era stata più rinvenuta, lungo la fascia costiera (il dottor Bassani ci ha confermato il suo ritrovamente in altre zone litoranee: dopo un primo avvistamento abbiamo trovato altri numerosi esemplari lungo gli stradelli e nelle zone aperte che conducono alla duna consolidata, verso il mare.

Per le specie che compaiono nell'elenco floristico abbiamo effettuato il calcolo dello spettro delle forme e sottoforme biologiche e il calcolo dello spettro corologico.

La maggior parte delle specie presenti è rappresentata dalle Terofite (T) che costituiscono, infatti, il miglior adattamento per superare l'arido periodo estivo; di seguito, in ordine decrescente di presenza, le forme biologiche:

  • Terofite (T)
  • Emicriptofite (H)
  • Geofite (G)
  • Fanerofite (P)
  • Nanofanerofite(NP)
  • Camefite (Ch)
  • Idrofite (Hy).

I risultati ottenuti sono stati poi confrontati con i dati riguardanti la flora di Castel Porziano, fornitici dal dottor Lucchese.

Spettro biologico di Castel Fusano

Forme biologiche NP P Ch H G T Hy
N. specie per forma biologica 13 54 9 108 63 205 3
 % sul n. di specie totali (455) 2,9 11,8 1,98 23,7 13,9 45,2 0,7


Spettro biologico di Castel Fusano e Castel Porziano a confronto

Per effettuare il confronto con la flora di Castel Porziano abbiamo sommato assieme la percentuale delle Nanofanerofite (NP) e delle Fanerofite (P) di Castel Fusano.

N. specie Area (ha) Densità (N./ha) P Ch H G T Hy
Castel Fusano 455 1.002 0,455 15,0 1,98 23,7 13,9 45,2 0,7
Castel Porziano 947 4.804 0,197 10,1 2,6 29,2 10,9 44,4 2,8

...inserire qui i diagrammi a torta...

Spettro delle forme e sottoforme biologiche

  Castel Fusano Castel Porziano
Fanerofite
  a b c a b c
NP 13 2,9 19,4 17 1,8 17,7
P caesp 31 7,0 46,3 34 3,6 35,4
P scap 18 4,0 26,9 37 3,9 38,6
P lian 5 1,1 7,5 8 0,8 8,3
Totale 67 15,0 100,0 96 10,1 100,0


  Castel Fusano Castel Porziano
Geofite
  a b c a b c
G rad 1 0,2 1,6 2 0,2 2,0
G bulb 26 5,7 41,3 37 3,9 35,9
G rhiz 36 8,0 57,1 64 6,8 62,1
Totale 63 13,9 100,0 103 10,9 100,0


  Castel Fusano Castel Porziano
Terofite
  a b c a b c
T caesp 9 2,0 4,3 14 1,5 3,3
T rept 8 1,8 4,0 16 1,7 3,8
T scap 185 40,7 90,2 382 40,4 91,5
T parl 3 0,7 1,5 6 0,6 1,4
Totale 205 45,2 100,0 418 44,2 100,0


  Castel Fusano Castel Porziano
Camefite
  a b c a b c
Ch suffr 8 1,76 88,89 18 1,9 72
Ch rept 1 0,22 11,11 2 0,2 8
Ch frut - - - 5 0,5 20
Totale 9 1,98 100,0 25 2,6 100,0


  Castel Fusano Castel Porziano
Emicriptofite
  a b c a b c
H caesp 26 5,7 24,1 59 6,2 21,3
H rept 2 0,4 1,9 11 1,1 4,0
H scap 52 11,4 48,2 139 14,8 50,5
H ros 9 2,0 8,3 20 2,1 7,2
H bienn 19 4,2 17,6 44 4,7 16,2
H scand - - - 2 0,2 0,7
Totale 108 23,7 100,0 275 29,2 100,0


  Castel Fusano Castel Porziano
Idrofite
  a b c a b c
Hy rad 2 0,4 66,7 25 2,6 92,6
Hy nat 1 0,2 33,3 2 0,2 7,4
Totale 3 0,7 100,0 27 2,8 100,0

Legenda:
a: n di specie
b: % ripetto al totale della flora
c: % rispetto alla forma biologica

Come si può notare, le differenti percentuali riescono a dare un'idea piuttosto precisa della diversità che si è venuta a creare, nel tempo, tra le due zone.

L'enorme impatto antropico che negli ultimi 150 anni si è avuto a Castel Fusano (bonifiche, impianti di pini, sbancamenti della duna) ha compromesso il delicato equilibrio di certi ambienti dei quali, oggi, si conservano solo poche tracce.

Le grandi opere di bonifica, in particolare, hanno determinato la scomparsa delle piscine e della foresta umida caducifolia.

È questo il motivo che spiega la grande differenza percentuale che si riscontra tra le Idrofite (lo 0,7% a Castel Fusano ed il 2,8% a Castel Porziano) e le Fanerofite (il 15,0% a Casatel Fusano il 10,1% di Castel Porziano).

I due dati non sono in contrasto tra loro. Se risulta evidente, infatti, che la mancanza di piscine allagate è la causa - a Castel Fusano - del ridotto numero delle specie Idrofite, è altresì intuibile come la scomparsa degli ambienti più freschi abbia favorito e reso dominante l'ambiente tipico della macchia mediterranea il quale possiede, come particolarità, proprio quella di annoverare una più ricca varietà di Fanerofite e Nanofanerofite. A Castel Porziano, invece, dove questi ambienti sono ancora oggi ben conservati, risulta una riduzione percentuale di specie arboree.

La percentuale delle Emicriptofite (il 23,7% a Casterl Fusano ed il 29,2% a Castel Porziano), più alta nella tenuta presidenziale, è direttamente interpretabile con l'ambiente più fresco di questa località.

È da rilevare, poi, che le Camefite si accompagnano, in genere, alle Emicriptofite ed è in questo senso che interpretiamo i valori percentuali di questa forma biologica nelle due zone.

Per quanto riguarda le Geofite crediamo che sia possibile spiegare la percentuale più elevata di Castel Fusano (il 13,9% contro il 10,9% di Castel Porziano) con la notevole frequenza degli incendi che, fino agli anni scorsi, hanno interessato ampie aree del Parco.

La percentuale delle Terofite è pressochè identica (45,2% a Castel Fusano e 44,2% a Castel Porziano) ed è la più alta di tutte le forme biologiche, considerato indice, questo, del clima tipicamente mediterraneo.

Calcolando lo Spettro Corologico si è evidenziata una dominanza di specie mediterranee con il 25,7% di Eurimediterranee ed il 24,2% di Stenomediterranee; seguono le Europee-Paleotemperate-Eurasiatiche (15,6%) e le Subcosmopolite (9,2%).

Spettro corologico di Castel Fusano e Castel Porziano a confronto

 

Castel Fusano

Castel Porziano

Eurimediterranee 117 25,7% 212 22,5%
Stenomediterranee 110 24,2 207 22,0
- stenomedit. 82 18,1 144 15,3
- stenomedit. bar. occ. 28 6,1 63 6,7
Europee - Paleotemperate -

Eurasiatiche

71 15,6 173 18,3
- eurasiatiche 24 5,3 54 5,7
- paleotemperate 27 5,9 59 6,2
- europee 20 4,4 60 6,4
Subcosmopolite 42 9,2 84 8,9
Boreali 28 6,2 59 6,2
Atlantiche 26 5,7 50 5,4
- subatlantiche 2 0,4 9 1,0
- medit.atlant. e subatlant. 24 5,3 40 4,3
- anfiatlantiche -- --- 1 0,1
Cosmopolite 19 4,2 39 4,1
Mediterranee-Turaniche 11 2,4 32 3,4
Pontiche 8 1,8 19 2,0
Orofile 7 1,5 8 0,8
Avventizie naturalizzate 5 1,1 32 3,4
Endemiche 1 0,2 8 0,8
Sinantropiche 1 0,2 -- ---
Origine dubbia 1 0,2 -- ---
TOTALE 455 100,0% 947 100,0%

Il confronto corologico non rileva, come era prevedibile, differenze sostanziali tra i due ambienti.

Va tuttavia osservato che i valori assoluti sono più elevati a Castel Porziano in quanto la flora di questa zona è costituita da circa il doppio di specie rispetto a Castel Fusano, distribuite su un territorio che è quattro volte più grande.