Pagina:Poesie (Carducci).djvu/459

Da Wikisource.
Vai a: navigazione, ricerca

giambi ed epodi 433





XIII.

IN MORTE DI GIOVANNI CAIROLI


O Villagloria, da Cremera, quando
          La luna i colli ammanta,
A te vengono i Fabi, ed ammirando
          4Parlan de’ tuoi settanta.

Tinto del proprio e del fraterno sangue
          Giovanni, ultimo amore
De la madre, nel seno almo le langue,
          8Caro italico fiore.

Il capo omai da l’atra morte avvolto
          Levasi; ed improvviso
Trema su ’l bianco ed affilato volto
          12L’aleggiar d’un sorriso.

© Copyright Wikipedia authors - The articles gathered in this document are under the GFDL licence.
http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html