arbitro

Da Wikizionario, il dizionario a contenuto aperto.
Jump to navigation Jump to search
al centro si nota un arbitro , contraddistinto da una maglia gialla, assistito lateralmente dai due guardialinee, che osserva i due capitani delle squadre di calcio

Italiano[modifica]

Sostantivo

arbitro  ( approfondimento) m sing

   singolare   plurale 
 maschile    arbitro     arbitri  
 femminile    arbitra     arbitre  
  1. (diritto) (economia) (commercio) (finanza) persona terza che, da accordo di parti avverse in una causa civile, decide in luogo del giudice
  2. (sport) (calcio) direttore di gara sportiva
  3. (per estensione) persona terza incaricata o che si incarica di risolvere una disputa
  4. (per estensione) persona che può decidere liberamente, anche in senso figurato
  5. (per estensione) persona che può disporre liberamente di una cosa, anche in senso figurato
  6. persona o cosa che viene presa o che è considerata come modello

Voce verbale

arbitro

  1. prima persona singolare dell'indicativo presente di arbitrare
    • oggi arbitro la partita

Sillabazione[modifica]

àr | bi | tro

Pronuncia[modifica]

IPA: [ˈärbit̪ro] - IPA: /ˈar.bi.tro/

Etimologia / Derivazione[modifica]

  • (sostantivo) dal sostantivo latino arbitrum, accusativo di arbiter, letteralmente: "colui che va e assiste", in seguito nell'accezione moderna; il significato di persona o cosa che viene presa come modello è un calco semantico dal latino
  • (voce verbale) vedi arbitrare

Citazione[modifica]

«Saggio è chi pensa. L'arbitro non può essere saggio. Deve essere impulsivo. Deve decidere in tre decimi di secondo »

Sinonimi[modifica]

  • padrone, giudice, regolatore
  • (sport) giudice di gara
  • (senso figurato) giacchetta nera

Parole derivate[modifica]

Termini correlati[modifica]

Traduzione

chi può agire

Note / Riferimenti[modifica]

Altri progetti[modifica]

  • Wikiquote contiene citazioni di o su arbitro
  • Wikipedia contiene una voce riguardante arbitro