-

Risultati 1 - 7 su circa 7 per  Wikiquote / 1357 1358 1352 / Wikiquote    (33767 articoli)

Jacopo Passavanti print that page

Jacopo_Passavanti

Jump to navigation Jump to search Jacopo Passavanti Jacopo Passavanti (1302 circa – 1357 ), scrittore e architetto italiano. Citazioni di Jacopo Passavanti [ modifica ] Questi sogni che si fanno intorno all'alba del dì, secondo ch' e' dicono, sono i più veri sogni che si facciano

Bartolomeo di Iacovo da Valmontone print that page

Dice lo glorioso dottore missore santo Isidoro, nello livro delle Etimologie, che lo primo omo de Grecia che trovassi lettera fu uno Grieco lo quale abbe nome Cadmo. 'Nanti lo tiempo de questo non era lettera. Donne, quanno faceva bisuogno de fare alcuna cosa memorabile, scrivere non se poteva

wikiquote.org | 2017/12/14 22:10:02

Alberto Magno print that pageTimeline of Alberto Magno

Tommaso_da_modena,_ritratti_di_domenicani_(vescovo)_1352_150cm,_treviso,_ex_convento_di_san_niccol%C3%B2,_sala_del_capitolo

Vai a: Navigazione , Ricerca Alberto Magno in un affresco di Tommaso da Modena, Treviso, 1352 Alberto Magno di Bollstädt , detto Doctor Universalis (conosciuto anche come Alberto il Grande , Alberto di Colonia ; 1206 – 1280), vescovo cattolico, teologo, filosofo e scienziato tedesco

Papa Clemente VI print that pageTimeline of Papa Clemente VI

198.Papa_Clement_VI

Vai a: Navigazione , Ricerca Clemente VI Clemente VI , nato Pierre Roger (1291 – 1352 ), Papa della Chiesa cattolica. Citazioni su Clemente VI [ modifica ] De rosa Attrebatensi . ( Malachia di Armagh ) Dalla rosa di Arras [1] . Note [ modifica ] ↑ Per approfondimenti

Tito Livio print that page

Rubens,_Peter_Paul_-_Romulus_and_Remus_-_1614-1616

raccontare, o in bene dire sormontare la rozzità degli antichi. [Tito Livio, Codice Riccardiano , 1352 , in La Prima Deca di Tito Livio , tomo II, traduzione di Claudio Dalmazzo, Stamperia Reale, Torino, 1846.] Citazioni [ modifica ]

Francesco Petrarca print that pageTimeline of Francesco Petrarca

Francesco_Petrarca00

Voi ch'ascoltate in rime sparse il suono di quei sospiri ond'io nudriva 'l core in sul mio primo giovenile errore quand'era in parte altr'uom da quel ch'i' sono, del vario stile in ch'io piango et ragiono fra le vane speranze e 'l van dolore, ove sia chi per prova intenda amore, spero

Marcel Proust print that pageTimeline of Marcel Proust

Marcel_Proust_1895

Per molto tempo, mi sono coricato presto la sera. [10] A volte, non appena spenta la candela, mi si chiudevan gli occhi cosí subito che neppure potevo dire a me stesso: "M'addormento". E, una mezz'ora dopo, il pensiero che dovevo ormai cercar sonno mi ridestava; volevo posare il libro, sembrandomi