-

Risultati 1 - 10 su circa 199 per  Wikipedia / Abd Allah II saudita cintura principe / Wikipedia    (10867 articoli)

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Arabia Saudita print that page

French_AMX-30_Desert_Storm

L' Arabia Saudita , un ricchissimo Paese grazie alle immense riserve di petrolio sul suo territorio, ha avuto modo di incrementare, sia pure lentamente, anche le sue forze armate. Inizialmente, la sua forza militare era modesta, ma negli anni '50 iniziarono programmi importanti. Uno di questi

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Giordania print that page

Jordanian Land Forces hanno un antenato nella dichiarazione ufficiale, il 10 giugno 1916, da parte del principe della Mecca, Sherif Hussien Bin Ali, di cacciare via i Turchi, il cui impero ottomano opprimeva l'un tempo fiorente civiltà araba da oramai 400 anni. Dopo che arrivò a Ma'an, il

wikibooks.org | 2015/7/9 14:38:25

Arabo/Esercizi/Alfabeto print that page

L'articolo determinativo in italiano assume diverse forme: il , la , lo , i , gli ecc. In arabo invece è invariabile e ha una forma fissa: :: al All'articolo è dedicato un modulo apposito . Abbiamo scelto queste due lettere per iniziare gli esercizi, perché l'articolo è presente

wikibooks.org | 2018/8/4 2:09:03

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Regno Unito-1 print that page

Meteor.kemble.750pix

Naturalmente, nei primi anni dopo la fine della guerra, la Gran Bretagna continuò ad usare macchine come i Tempest, Spitfire, Seafire, Lancaster, etc. Nonostante la superata formula ad elica e la velocità non straordinaria rispetto alle macchine americane, lo Spitfire continuò a militare

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Francia-5 print that page

Cinque unità di questa famiglia sono state realizzate per la Francia, 6 per Taiwan, 3 per la marina saudita e 6 per quella di Singapore. Le navi esportate sono caratterizzate da molte differenze nell'equipaggiamento, generalmente tali da incrementarne le capacità operative. Ma come nacquero

wikibooks.org | 2015/7/9 14:37:33

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Iraq-2 print that page

Il comando della Forza multinazionale era a Dharhan. Dalla cosa si trovavano truppe saudite (su tutta la frontiera), la Guardia Nazionale Saudita , un btg corazzato del Quatar, poi seguivano i Siriani, Egiziani e Pakistani. Dietro c'era la 1 MEF dei Marines, la 1st AD britannica, la 6a Blindata

wikibooks.org | 2018/9/15 8:34:15

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Malaysia print that page

FA-18_Hornet_breaking_sound_barrier_(7_July_1999)

La Malaysia è una nazione di recente costituzione (settembre 1963, nata come Federazione Malese) e così le F.A. britanniche, che erano i protettori del territorio, cedettero il grosso dell'equipaggiamento ai malesi. Ma col passare del tempo, con la necessità di ammodernare i propri arsenali

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Kuwait print that page

Il Kuwait , la cui delicata posizione strategica è dovuta al fatto di fare da cerniera tra l'Irak e l'Arabia Saudita , nonché da 'tappo' allo sbocco al mare per il primo di questi Stati, divenne indipendente dalla Gran Bretagna il 19 giugno 1961, e da allora ha attraversato un periodo di

wikibooks.org | 2017/8/22 13:06:16

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Iraq print that page

Già terra di civiltà da oltre 5.000 anni a questa parte, l'odierno Irak è l'erede diretto di una lunghissima tradizione culturale, ma purtroppo, anche della difficoltà che da tempo immemorabile questa terra pone in termini di governabilità. Nell'ultimo secolo ha visto innumerevoli, usualmente

wikibooks.org | 2015/7/9 14:39:24

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Egitto-3 print that page

Egyptian_Air_Force_F-16_Fighting_Falcon

Le F.A. Egiziane erano una potenza già nel '48 e sebbene non abbiano avuto molta fortuna, sono rimaste tali anche oggi, sebbene senza armi nucleari. VI è poi, sotto il controllo del Ministero degli Interni, una grande organizzazione paramilitare di 350.000 effettivi, noti come Forze di Sicurezza