-

Risultati 1 - 5 su circa 5 per  Wikisource / BOCOG niu atleti cn / Wikisource    (290833 articoli)

Osservazioni sull'architettura degli antichi/Capo II/All’esterno degli edifizj print that page

Qui Euripide probabilmente chiama triglifi le teste dei travi (insulsamente spiegati per sculpta laquearia dal traduttor latino), che corrispondono al fregio; e in quella casa di Agave, fatta forse di legno, secondo l’uso antico dei Greci, di cui fu dato cenno qui avanti pag. 43. not. a

wikisource.org | 2016/3/3 16:45:22

Dizionario mitologico ad uso di giovanetti/Mitologia/M print that page

Marte viene rappresentato sotto la figura di un uomo armato di elmo, di una picca e di uno scudo con una egida sul petto, in cui vi è la testa di Medusa , ed accanto a lui un gallo, per indicare che traformò in gallo Alettrione , suo favorito, il quale destinato a far la guardia alla porta

wikisource.org | 2018/6/29 16:29:22

La Città del Sole (manoscritto, 1602) - Versione critica/La Città del Sole print that page

IncludiIntestazione 6 dicembre 2016 75% Da definire dc:title La Città del Sole - Versione critica /dc:title dc:creator opt:role="aut" /dc:creator dc:date 1602 /dc:date dc:subject /dc:subject dc:rights CC BY-SA 3.0 /dc:rights dc:rights GFDL /dc:rights dc:relation Indice

wikisource.org | 2016/12/6 17:06:59

Questioni Pompeiane/Prefazione print that page

Questioni_Pompeiane_p_19

L’Archeologo deve essere uomo di profondo e retto giudizio, di studii lunghi e maturi, che abbia l'abito di ben meditare il suo tema, che abbia la forza di elevare, e di collocare al suo posto quel gruppo di circostanze che accompagnano il subietto; e però che sia buon filologo, che conosca

Guida di Pompei illustrata/Guida print that page

Guida_di_Pompei_illustrata_p011

Si entra in Pompei per l’entrata sita sulla via che da Napoli mena a Salerno, prossima alla strada di ferro, e che mette capo alla Porta della Marina, la quale è costruita in pendio e anticamente conduceva verso il mare. Prima di entrare sotto l’androne della Porta a sin. eravi un’osteria