Risultati 1 - 10 su circa 26 per  Wikipedia / Cargeghe nuraghi / Wikipedia    (1834145 articoli)

Cargeghe print that page

Veduta_di_Cargeghe_in_primavera

Gli stanziamenti umani nel territorio di Cargeghe in epoca preistorica sono documentati dalla presenza di alcuni nuraghi quali Cherchizzos e Santa Maria, inoltre avanzi di un nuraghe sono visibili nel centro storico del paese, come tramandato anche da una fonte parrocchiale ottocentesca

Torralba (Italia) print that page

Torralba,_panorama_(02)

rilevanza storica per Torralba si ha nell' età nuragica come è testimoniato dai più di trenta nuraghi e dalle oltre dieci tombe dei giganti che si trovano nel suo territorio. Tra i nuraghi più importanti presenti nel territorio torralbese spiccano il nuraghe Oes e senza dubbio il

Usini print that page

Usini,_panorama_(02)

Tomestighes e di Sos Baddulesos. Nonostante la rilevata scarsità di monumenti megalitici (tre i nuraghi censiti), il territorio di Usini continuò ad essere intensamente frequentato in età nuragica. Costituiscono una cospicua testimonianza della presenza umana durante l'età del bronzo

Gallura print that page

Capo_di_testa

La Gallura ( Gaddùra / ga'ɖːura / in gallurese , Caddùra in sardo ) è una subregione storica e geografica della Sardegna . Comprende la parte nord-orientale dell'isola, dal fiume Coghinas che la delimita a ovest, passando poi per il massiccio del Limbara , che ne delimita la parte

Civiltà nuragica print that page

Dettaglio_testa_di_un_Gigante_di_Monte_Prama_-_gli_occhi

si aggiunsero i nuovi stimoli e apporti culturali dell' età dei metalli . Deve il suo nome ai nuraghi , imponenti costruzioni megalitiche considerate le sue vestigia più eloquenti e sulla cui effettiva funzione si discute da almeno cinque secoli. Durante la sua storia millenaria ha avuto

Tula (Italia) print that page

Tula_-_Panorama_(01)

presenza sul territorio di alcune Tomba dei giganti , e in epoca nuragica per la presenza di numerosi nuraghi . Nel medioevo fece parte del giudicato di Torres e fece parte della curatoria di Monte Acuto. Nel territorio sorgeva un'altra villa, Bisarclu, sede vescovile e capoluogo di un

Laerru print that page

Laerru_view

archeologiche risalenti a queste epoche, tra cui Dolmen , tombe dei giganti , domus de janas , nuraghi e tombe romane. Nel medioevo fece parte del Giudicato di Torres , nella curatoria dell'Anglona. Alla caduta del giudicato ( 1259 ) passò ai Malaspina , ai Doria e successivamente (intorno

Padria print that page

Padria_-_Panorama_(01)

nuragica , per la presenza sul territorio di alcune domus de janas , tombe dei giganti e numerosi nuraghi . Il paese attuale sorge su un sito sul quale vi sono tracce di insediamenti umani dall'epoca punica ed è stato identificato con Gurulis Vetus , corrispondente alla "Gouroulis Palaia

Giave print that page

Giave_-_Panorama_(03)

famosa "Pedra Mendalza", che si staglia isolata sulla pianura, suggestivamente denominata valle dei Nuraghi a nord-est e Campu Giavesu a sud-ovest. La Pedra Mendalza rappresenta un esempio spettacolare di un antico condotto vulcanico riemerso grazie all'azione dell'erosione, nel gergo dei

Banari print that page

Banari,_panorama_(04)

di Cea . Siti archeologici [ modifica | modifica wikitesto ] Nel territorio si contano cinque nuraghi , tre dei quali quasi irriconoscibili e due discretamente conservati. Società [ modifica | modifica wikitesto ] Evoluzione demografica [ modifica | modifica wikitesto ] Abitanti censiti