Risultati 1 - 10 su circa 23 per  Wikipedia / Cargeghe nuragica / Wikipedia    (1834145 articoli)

Civiltà nuragica print that page

Dettaglio_testa_di_un_Gigante_di_Monte_Prama_-_gli_occhi

La civiltà nuragica nacque e si sviluppò in Sardegna , abbracciando un periodo di tempo che va dalla piena età del bronzo ( 1800 a.C. ) al II secolo a.C. , ormai in epoca romana . [1] Fu il frutto della graduale evoluzione di preesistenti culture già diffuse sull'Isola sin dal neolitico

Torralba (Italia) print that page

Torralba,_panorama_(02)

San Pietro di Sorres , ma il periodo di maggior rilevanza storica per Torralba si ha nell' età nuragica come è testimoniato dai più di trenta nuraghi e dalle oltre dieci tombe dei giganti che si trovano nel suo territorio. Tra i nuraghi più importanti presenti nel territorio torralbese

Usini print that page

Usini,_panorama_(02)

che richiama quella delle tombe dei giganti e che furono costruiti agli albori della civiltà nuragica ; è il caso delle domus a prospetto architettonico di Chercos, di S'Iscia 'e Sas Piras , di Tomestighes e di Sos Baddulesos. Nonostante la rilevata scarsità di monumenti megalitici

Gallura print that page

Capo_di_testa

La Gallura ( Gaddùra / ga'ɖːura / in gallurese , Caddùra in sardo ) è una subregione storica e geografica della Sardegna . Comprende la parte nord-orientale dell'isola, dal fiume Coghinas che la delimita a ovest, passando poi per il massiccio del Limbara , che ne delimita la parte

Necropoli di Sant'Andrea Priu print that page

Bonorva_-_Necropoli_di_Sant%27Andrea_Priu_(02)

La necropoli ipogeica di Sant'Andrea Priu è un sito archeologico situato sul lato meridionale della fertile piana di Santa Lucia, in comune di Bonorva ( provincia di Sassari ) da cui dista una decina di chilometri. Il complesso, uno dei più importanti della Sardegna , è composto da una

Berchidda print that page

Berchidda_-_Panorama_(02)

numerose testimonianze ( Dolmen , Domus de Janas , tombe dei giganti ), fu abitato anche in epoca nuragica per la presenza di numerosi nuraghi . In epoca romana fu un importante snodo nella strada tra Olbia e Turris Libisonis (l'odierna Porto Torres ) e luogo di commerci. Appartenne al

Padria print that page

Padria_-_Panorama_(01)

Gurulis Vetus [ modifica | modifica wikitesto ] L'area fu abitata già nel Neolitico ed in epoca nuragica , per la presenza sul territorio di alcune domus de janas , tombe dei giganti e numerosi nuraghi . Il paese attuale sorge su un sito sul quale vi sono tracce di insediamenti umani

Banari print that page

Banari,_panorama_(04)

Il toponimo Banari potrebbe derivare etimologicamente dal nome della popolazione nuragica dei Balari . Storia [ modifica | modifica wikitesto ] Il territorio fu abitato fin dal Neolitico , come testimoniano antiche strutture sepolcrali ( Domus de Janas ) risalenti al 1800 - 1500 a.C.

Laerru print that page

Laerru_view

sempreverde tipico del luogo. L'area fu abitata già nel paleolitico inferiore , in epoca prenuragica e nuragica e poi in epoca romana . Si trovano numerose testimonianze archeologiche risalenti a queste epoche, tra cui Dolmen , tombe dei giganti , domus de janas , nuraghi e tombe romane

Giave print that page

Giave_-_Panorama_(03)

riconducibili al Neolitico Recente, tra le quali quella di Riu Mulinu ed i monumenti dell' età nuragica del bronzo, come il noto nuraghe Oes . Storia [ modifica | modifica wikitesto ] Grazie alla feracità dei suoli la zona di Giave fu intensamente abitata sin dalla preistoria, trovandosi