Risultati 1 - 10 su circa 63 per  Wikisource / Mamoiada oliena / Wikisource    (290833 articoli)

La via del male/X print that page

La notte tra il sette e l’otto settembre un gruppo di fanciulle nuoresi percorreva i sentieri mal tracciati che, attraverso tancas , pascoli aperti e boschi di quercie, conducono dalle campagne di Nuoro al monte Gonare. Le graziose pellegrine notturne si recavano a piedi al santuario che

wikisource.org | 2017/3/6 9:27:01

Fauna popolare sarda/Fauna popolare sarda print that page

Corritolu — cervo volante. Corroina (Nuoro) (vedi corra). Corrovacca (lett. corno di vacca) Oliena ) (cf. il gr. Souftepoos e Morosi, A. G ., XII e babbaluga — lumacone. Corrovacca senza de stuggiu (stuggiu = astuccio — dal lt. studium) Oliena ) — limaccia. Corrovaccliedda (Planargia

wikisource.org | 2017/10/10 9:55:51

Canne al vento/XV print that page

Se li tirò addietro per molto tempo. Di festa in festa camminavano, o soli o in fila con altri mendicanti, come condannati diretti a un luogo di pena irraggiungibile. Le feste si rassomigliavano: le principali erano di primavera e di autunno, e si svolgevano attorno alle chiesette campestri

wikisource.org | 2018/6/9 13:20:06

Il nostro padrone/Parte prima/I print that page

ancora spoglie. In lontananza si scorgeva Nuoro. L'aurora illuminava l'orizzonte, e i monti di Oliena apparivano azzurri sul cielo d'oro, ma dai fianchi dell'Orthobene spuntavano bianche nuvole simili a colonne di fumo. [p.  14

wikisource.org | 2018/9/20 13:07:05

Il sigillo d'amore/A cavallo print that page

rispondeva alle nostre voci quando costeggiando il monte Orthobene si scendeva al bianco villaggio d’ Oliena : era una voce potente, cavernosa, che pareva scaturisse davvero dalle grandi roccie simili alle rovine enormi di una città titanica; e ripetesse sdegnata le vane parole di noi piccoli

wikisource.org | 2016/3/3 14:08:21

Elias Portolu/I print that page

siepe, dando al viottolo un’aria pittoresca: l’Orthobene granitico e le cerule montagne d’ Oliena chiudevano l’orizzonte. Zia Annedda era nata ed invecchiata là, in quel cantuccio pieno d’aria pura, e forse per questo era rimasta sempre semplice e pura come una creatura di sette

wikisource.org | 2016/3/3 12:07:32

Chiaroscuro/L'uomo nuovo print that page

Per un po’ parve anzi goderselo, quel profumo di uomo selvaggio che la lettera le recava, e con la testa curva estiò a lungo prima di salire dallo studente. Ogni volta una specie di pudore le impediva di far sapere all’estraneo i suoi segreti; dapprima anzi aveva incaricato sua madre di

wikisource.org | 2018/6/17 20:54:06

Marianna Sirca/II print that page

Al buio, mentre cercava di addormentarsi nella sua stanzetta dove penetrava l’odore del bosco, Marianna rivedeva la figura di Simone nell’atto di afferrare la terra e balzare su come per dominare lei e tutte le cose intorno. Sì, così come dalla terra nuda, egli era balzato dalla sua oscura

wikisource.org | 2017/12/8 13:53:29

Il nonno/Solitudine print that page

Sebiu, il guardiano del carbone, sonnecchiava e sognava. Gli pareva d’essere a casa sua, nella piccola cucina oscura, dulla cui porticina si scorgeva lo sfondo di un cortiletto umido e triste. Sua moglie, curva sul focolare, arrostiva sulle brage una focaccia di farina e di formaggio fresco

wikisource.org | 2018/9/26 19:15:58

Pagina:Fauna popolare sarda.djvu/28 print that page

— 27 — Serrone — (log.) — oni (sett.) = Lombrico, verme che tarla la legna. Seju Oliena ) — Avannotto della trota. Lt. ipsum v e t’lum w e c’lum. Letterali il vecchio. In sardo logudorese, di fatti, vecchio è: beju e eju (cf. Spano, Diz. sarcl.-it.j pp. 116-200). È uno

wikisource.org | 2017/9/26 8:13:09