-

Risultati 1 - 10 su circa 47 per  Wikipedia / Sicilia aragona angioini siciliani / Wikipedia    (1834145 articoli)

Vespri siciliani print that page

Francesco_Hayez_023

I Vespri siciliani [1] furono una ribellione scoppiata a Palermo all'ora dei vespri di Lunedì dell'Angelo nel 1282 . Bersaglio della rivolta furono i dominatori francesi dell'isola, gli Angioini , avvertiti come oppressori stranieri. Da Palermo i moti si sparsero presto all'intera Sicilia

Pietro III di Aragona print that pageTimeline of Pietro III di Aragona

Pedro_III_rey_de_Arag%C3%B3n_(2)

Giacomo Isabella Federico Violante Pietro , legittimi altri sette, illegittimi Pietro III di Aragona , detto il Grande ( Pere el Gran in catalano , Pero el Grande in aragonese , Pètru in siciliano ) ( Valencia , 1239 – Vilafranca del Penedès , 11 novembre 1285 ), è stato re di

Storia di Catania print that page

SNGANS_1256

Il territorio urbano di Catania antica si articola su due altipiani: la collina di Monte Vergine (49 m s.l.m.), nata da un'eruzione preistorica dell'Etna databile tra 15 000 e 3 960 ± 60 anni dal presente e, a sud, il terrazzo di Acquicella (15 m s.l.m.), separati da una valle, poi colmata

Sicilia print that page

Palermo-Castle-bjs-1

nordico in Europa meridionale, il Regno di Sicilia , che durò dal 1130 al 1816; fu conquistato dagli Angioini e con la rivolta del vespro passò agli Aragonesi . L'isola poi divenne un vicereame di Spagna, passò brevemente ai Savoia e all'Austria e, infine, nel XVIII secolo, ai Borbone

I vespri siciliani (Hayez) print that page

Francesco_Hayez_023

La prima versione dell'opera, che misura 150×200 cm, fu commissionata dalla marchesa Visconti d Aragona e fu dipinta da Hayez a Milano, nello studio di Brera. Attualmente fa parte di una collezione privata [1] . La seconda versione, che misura 91×114 cm e anch'essa facente parte di una

Giacomo II di Aragona print that page

Chaime_II_d%27Arag%C3%B3n

Figlio secondogenito del re d Aragona , di Valencia e conte di Barcellona e altre contee catalane, Pietro III il Grande e di Costanza di Sicilia [2] , figlia del re di Sicilia Manfredi (figlio legittimato dell'imperatore Federico II di Svevia ) e di Beatrice di Savoia . [3] [4] [5]

Regno di Sicilia print that page

Regno_di_Sicilia

isolana determinarono la rivolta del Vespro ; seguì la guerra dei novant'anni tra Pietro III d Aragona , imparentato con gli Hohenstaufen, e gli Angiò. Sconfitto, il 26 settembre 1282 Carlo d'Angiò lasciò definitivamente la sola Sicilia nelle mani degli Aragonesi. Alla stipula della

Regno di Napoli print that page

Martorana_RogerII

riconquista aragonese di Alfonso I (1442-1458), sia sotto il governo di un ramo cadetto della casa d Aragona (1458-1501); allora la capitale Napoli era celebre per lo splendore della sua corte e il mecenatismo dei sovrani. Nel 1504 la Spagna unita sconfisse la Francia, e il regno di Napoli

Storia di Paternò print that page

Castello_Normanno_-_Patern%C3%B2_(1072)

La frequentazione umana del territorio paternese è attestata a partire dal Neolitico , mentre tracce di insediamenti umani risalirebbero all' età del rame e del bronzo [1] . La presenza di numerosi reperti archeologici nei dintorni dell'attuale città di Paternò, testimoniano tracce della

Carlo I d'Angiò print that pageTimeline of Carlo I d'Angiò

Palazzo_Reale_di_Napoli_-_Carlo_I_d%27Angi%C3%B2

conte d'Angiò e del Maine , andando così a fondare un nuovo ramo cadetto dei Capetingi , gli Angioini . Conquistò e si autoproclamò re d'Albania nel 1272 , comprò da Maria di Antiochia il titolo di Re di Gerusalemme nel 1277 , e per il testamento con Guglielmo II di Villehardouin