-

Risultati 1 - 10 su circa 7153 per  Wikisource / Tempio di Santo Stefano della Vittoria cappella / Wikisource    (290833 articoli)

I Monumenti Italiani e la Guerra/I Monumenti Italiani e la Guerra print that page

conficcata sulla facciata, la chiesa degli Scalzi dove fu rotta solo una colonna di porfido, e Santo Stefano e San Simeon Piccolo e Santa Maria del Giglio e San Giovanni e Paolo; e i palazzi Loredan, Mocenigo, Cornelio già Tiepolo, Farsetti, Vendramin-Calergi, Albrizzi, Papadopoli, Pisani

wikisource.org | 2018/1/10 21:28:12

Trento, sue vicinanze, industria, commercio e costumi de' Trentini/Descrizione o Guida di Trento print that page

Ci si viene da oriente per la valle del Brenta, detta Valsugana, discendendo sulla destra del Fersina, giù per le Laste, e si entra per la Porta d’Aquileja , che il volgo, abbreviatore d’ogni vocabolo, nomina dell’Aquila . [p.  8   modifica ] Ci si arriva da mezzodì salendo per la

wikisource.org | 2015/7/11 22:31:21

Colpo d'occhio a Roma/Basiliche primarie print that page

Colpo_d%27occhio_a_Roma_p031_-_piazza_s_Pietro

dove una decenza, una polizia somma ed ammirabile. Notiamone almeno le più maestose. Il primo Tempio di tutto il cattolico mondo, è l’antica Basilica Lateranense , eretta circa il 224 dell’Era volgare dall’Imperatore Costantino, ove giaceva la casa di Plauzio Laterano, morto nella

Giro del mondo del dottor d. Gio. Francesco Gemelli Careri/Libro I/VIII print that page

Occidente, e bassa ad Oriente. Ha sei porte, dette di Betlem, del Monte Sion, Sterquilina, di S Stefano , di Erode, e di Damasco; oltre la porta Aurea, che è serrata. Le sue mura non sono forti, non essendovi bastioni, ma picciole torri, senza [p.  124   modifica ] artiglieria, e senza fosso

wikisource.org | 2018/9/24 18:35:42

A Prato print that page

A_Prato_impressioni_d%27arte_(page_11_crop)

1902 A Indice:A Prato impressioni d'arte.djvu Prato A Prato Intestazione 6 dicembre 2017 75% Da definire dc:title A Prato /dc:title dc:creator opt:role="aut" Odoardo Hillyer Giglioli /dc:creator dc:date 1902 /dc:date dc:subject Prato /dc:subject dc:rights CC BY-SA 3.0 /dc:rights

Prato e suoi dintorni/Prato print that page

Prato_e_suoi_dintorni_(page_15_crop)

di pietra e poi nel 1330 fu decretato di marmo bianco con istorie scolte della Reliquia e di S. Stefano patrono della terra. Se non che, il candido pergamo fu eseguito fra il 1357 e il 13Ó0 dal senese Nicolò di Cecco del Alercia: e con bassorilievi, pare, riferentisi largamente alla vita

Il duomo di Spoleto/Delle origini, secondo i documenti print that page

sussisterebbe la tribuna principale, la stessa del Duomo odierno; che quella primitiva chiesa fu Cappella Ducale, fabbricata, anzi, dai Duchi di Spoleto presso il loro Palazzo, cui era congiunta per mezzo di un portico 4 , e dagli stessi Duchi trasformata poi in sontuosa Basilica; che, ricostrutta

wikisource.org | 2017/7/28 22:05:32

Ladin! 2008/4 print that page

anima, fra storia e leggenda LE ORIGINI Poco, o quasi nulla, si conosce sulle origini della cappella di san Floriano a Chiapuzza di San Vito di Cadore, recentemente riapparsa dalle sabbie e dall’incuria che l’avevano sepolta. Secondo gli studiosi cadorini (G. Barnabò, T. Jacobi

wikisource.org | 2016/2/27 20:46:02

Guida del viaggiatore per la città e per li dintorni di Trento/IV. Cose degne di particolare osservazione print that page

ala destra, che dovea estendersi, come quella a sinistra, fino all’Adige. Vi è unita nobile cappella con pittura che rappresenta Gesù orante dell’Udine. È sito in Contrada Lunga N. 519. 8.° Palazzo Tabarelli . Fu eretto dal Decano Tabarelli, e si crede da taluno sul disegno procuratosi

wikisource.org | 2015/11/28 8:10:33

Ricordi storici e pittorici d'Italia/Subiaco, Monastero il più antico dei Benedettini in Occidente print that page

Gustaf_Wilhelm_Palm_Blick_auf_Subiaco_1884

Alla distanza di quarantaquattro miglia da Roma, ed in una delle più belle valli della campagna romana bagnata dalle acque sempre fredde dell’ Anio giace la rinomata abbazia dei Benedettini di Subiaco . Gli Apennini stendono ivi una catena di alture, i monti Simbrivini , i quali dividono