-

Risultati 11 - 20 su circa 251 per  Wikipedia / Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Germania Ovest-3 / Wikipedia    (10867 articoli)

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Canada print that page

Canadian_AVGP_obstacle_course

enormi e una popolazione di circa un decimo rispetto a quella degli USA, i dirimpettai di sempre. Le forze armate canadesi sono poco sviluppate, situazione che si è verificata principalmente dagli anni '60 con la riorganizzazione delle F.A., mentre l'industria del settore militare, sopratutto

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Belgio print that page

Lockheed_XF-104_(SN_53-7786)_in_flight_060928-F-1234S-003

anni i suoi fornitori hanno visto uno spostamento consistente dalla sfera di influenza inglese a Germania Occidentale, USA, Francia e Italia. La principale risorsa dell'industria militare belga è quella delle armi leggere, con la FN di Herstal, di cui si dirà più approfonditamente poi

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Yugoslavia print that page

Bosnia_mig29

RATNA MORNARICA, era ripartita in 3 nuclei: navi ASW e scorta navi leggere per difesa costiera forze sottomarine sia con unità d'altura che tascabili. In tutto questo comprendeva 5 sottomarini, 8 minisottomarini, 4 fregate missilistiche, 2 pattugliatori, 16 unità missilistiche, 13

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Vietnam-2 print that page

F-4B_VF-111_CVA-43

parte (al più, con gli inevitabili 'consiglieri') e aiuti militari+truppe combattenti pesantemente armate (con tanto di VII Flotta) dall'altra. Il coinvolgimento americano nel Sud Est asiatico era quindi già una realtà prima del famoso incidente del Golfo del Tonchino, come lapalissianamente

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Vietnam-1 print that page

sostenerne il peso. Nel 1922 venne creato anche un plotone di blindo Peugeot Mod 1915, anch'esse armate o con mitragliatrici o cannoni da 37 mm, ma usate sopratutto per ordine pubblico. In seguito arrivarono altri plotoni di carri e veicoli di autoprotetti Mod 1918 4x4, basati su autocarri

wikibooks.org | 2015/7/9 14:52:11

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Unione sovietica-cargo print that page

Victory_Day_Parade_2008-22

ingresso in servizio, nel 1947, il "Colt" è stato comunque il più prodotto aereo da trasporto del secondo dopoguerra , grazie alla sua straordinaria maneggevolezza a basse velocità, robustezza e versatilità. È stato prodotto anche nel modello a turboelica An-3, ma lo standard è dato

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Unione sovietica-Strikers print that page

Il-28_RB1

in patria fino al 1980 ma viene ancora utilizzato, anche se in ruoli secondari, in alcune delle forze aeree che lo hanno impiegato tra quelle filosovietiche. Il velivolo cominciò ad essere progettato nel dopoguerra , a seguito della specifica per un nuovo bombardiere d'assalto ad alte prestazioni

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Unione sovietica-SAM navali print that page

di 300-500 km di portata, per dare l'allarme precoce, funzionando come 'picchetti radar'. Nel dopoguerra , i piani quinquennali tornavano al concetto delle grandi navi da battaglia e portaerei. Tuttavia questo era chiaramente al di fuori delle capacità economiche e tecniche sovietiche e cos

wikibooks.org | 2015/7/9 14:51:42

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Unione sovietica-Missili 3 print that page

La guerra aveva insegnato ai sovietici l'importanza delle flottiglie di siluranti collegate ad un comando a terra, che stabiliva come dovessero agire e quando attaccare e ritirarsi. Ma con i sistemi radar di scoperta e tiro, esse si trovavano sempre meno nella possibilità di sfuggire alla

wikibooks.org | 2015/7/9 14:51:39

Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Unione sovietica-MiG-2 print that page

Tupolev_Tu-128_@_Central_Air_Force_Museum

denti di Tupolev. IL primo stadio fu il Tu-102, progettato con la guida di S. Eger e I. Nezval, secondo l'esperienza del Tu-98, che era anche il diretto antenato del Tu-22. Solo che quest'ultimo era più grosso e aveva motori in coda. Pare che esso avesse due motori VD-19, frutto di Dobrynin