Risultati 21 - 30 su circa 106 per  Wikisource / The Producers (musical) broadway / Wikisource    (290833 articoli)

Pagina:Lettere - Santa Caterina, 1922.djvu/16 print that page

mano all’aratro, come detto è. I santi pensieri sono quelli che cominciano ad arare, e la perseveranzia delle virtù finisce. Colui che ara, rivolta la terra: così lo Spirito Sauto rivolta la terra della perversa volontà sensitiva. E spesse volte l’uomo innamorato di sì dolce invito

wikisource.org | 2017/3/6 15:38:41

Pagina:Tragedie di Eschilo (Romagnoli) II.djvu/257 print that page

Tragedie_di_Eschilo_(Romagnoli)_II_(page_257_crop)

CORO Strofe I Ahi, nuovi Iddei, sotto i pie’ calpestate le antiche leggi! Di man le mie prede voi mi strappate! Ma, spoglia d’onore, io sciagurata, nell’aspra mia doglia, stillerò lo sterminio sopra questo terreno, dal furore dell’anima sprizzando atro veleno. Da questo

Pagina:Le risposte cavaliere-Muzio,1550.djvu/75 print that page

quel giudicio eleggendo,chiama il Signor Cagnino dal civile a quello de gli steccati. Et chiamando egli, al Signor Cagnino si appartiene di ripondere. Et essendo il chiamar proprio dello attore,et il rispondere del reo, egli viene a farsi attore, et il Signor Cagnino è rimasto ner reo: Et

wikisource.org | 2017/3/6 15:20:14

Pagina:Tragedie di Eschilo (Romagnoli) II.djvu/258 print that page

ATENA Credete a me: non v’affliggete troppo. Vinte non foste: il numero dei voti fu pari: e spregio a te non vien. Ma v’erano segni ben chiari del voler di Giove; e quegli stesso che il responso diede, giunse a prestar la fede sua, che Oreste compier dovea lo scempio, e andare

wikisource.org | 2017/3/6 15:33:20

Pagina:Tragedie di Eschilo (Romagnoli) II.djvu/259 print that page

su le zolle spargendosi, di letifere macchie la terra coprirà. Che faccio? Verso lagrime? Sarò con questi cittadini acerba? O della Notte misere figlie, nessuno, onor prestato v’ha. ATENA Prive d’onor non siete, e non vi piaccia, per troppo d’ira, questo suolo rendere

wikisource.org | 2017/3/6 15:33:37

Pagina:Santucci Sulla melodia Lucca 1828.djvu/14 print that page

le ombre: chè se queste, come l’esperienza c’insegna, danno tanto di risalto e di grazia alle tele dell’uno, altrettanto, come dalla stessa esperienza si rilega, ne danno quelli alle composizioni dell’altro. In un quadro la moltiplicità delle figure, qualora sieno bene distribuite

wikisource.org | 2017/3/6 15:34:05

Pagina:Tragedie di Eschilo (Romagnoli) II.djvu/260 print that page

terra, impunita la sozzura resta! Spirerò la mia furia, la mia collera. Ahimè, ahimè, sciagura, quale tortura penetra il fianco mio! O Madre notte, il mio furore ascolta. Gli onori a me dovuti, antica Diva, invincibile frode or me ne priva. ATENA Le furie tue sopporterò:

wikisource.org | 2017/3/6 15:35:16

Pagina:Santucci Sulla melodia Lucca 1828.djvu/15 print that page

bisogna col buon giudizio procurar che l’espressione sia una, ma non uniforme, sia una ma variata (20). Ecco finalmente come possa chiudersi la bocca a quei critici, che tanto ricchi di dottrina, quanto poveri di esperienza, pretenderebbero di vincolare i compositori di musica colla metafisica

wikisource.org | 2017/3/6 15:36:18

Pagina:Tragedie di Eschilo (Romagnoli) II.djvu/261 print that page

Queste le offerte ch’io ti faccio. Beni largire e averne, onori aver, partecipe di questo sacro suol diletto ai Numi. CORO Antistrofe II Questo da me si tollera, da me, vetusta Diva! E, ahimè, di questa terra, impunita la sozzura resta! Spirerò la mia furia, la mia collera

wikisource.org | 2017/3/6 15:38:29

Pagina:Santucci Sulla melodia Lucca 1828.djvu/16 print that page

X. Ma non basta, Accademici ornatissimi, che la melodia sia espressiva, ch’è ciò di cui abbiamo fin qui ragionato: bisogna altresì ch’essa sia ben modulata, ed è quello che rimane adesso a vedere. La modulazione nella musica è l’arte di tener fermo, e all’uopo di variare il modo

wikisource.org | 2017/3/6 15:40:47